Intervista con Elisabeth Moreno vicepresidente e amministratore delegato Africa di HP Technology

Intervista con Elisabeth Moreno su HP e Stampa 3D in Africa

Elisabeth Moreno, vicepresidente e amministratore delegato Africa di HP Technology, ci parla del ruolo di HP nella stampa 3D in Africa, nonché dell’influenza della società nella promozione della tecnologia.

Puoi parlarci del tuo coinvolgimento nella stampa 3D e nella produzione additiva?

La visione di HP nella stampa 3D è quella di cambiare il modo in cui il mondo progetta e produce e di guidare la quarta rivoluzione industriale.

La combinazione del nostro IP, una piattaforma estesa e un portafoglio di prodotti e un ecosistema di partner in continua crescita ci rendono leader nella stampa 3D. Abbiamo alleanze con organizzazioni e società tra cui BASF, Materialise e Siemens; e con leader del settore come Jaguar Land Rover, Vestas e altri, che abbracciano tutte le soluzioni di stampa 3D HP.

Solo poche settimane fa abbiamo annunciato un nuovo centro di eccellenza per la stampa 3D e la produzione digitale a Barcellona, ​​in Spagna, che riunisce centinaia di esperti di produzione additiva leader a livello mondiale in oltre 150.000 piedi quadrati di spazio di innovazione all’avanguardia.

In Africa, sappiamo da Albright Stonebridge Group che la tecnologia di stampa 3D dovrebbe diventare un settore da 4,5 miliardi di dollari nei mercati emergenti entro il 2020. La tecnologia è già utilizzata oggi in vari settori del continente, tra cui applicazioni mediche, agricole, infrastrutturali e manifatturiere .

Quali progetti o lavori speciali hai fatto o stai attualmente sviluppando nel panorama della stampa 3D?

A livello globale, il nostro lavoro nella stampa 3D è piuttosto vasto. La tecnologia di stampa 3D HP viene utilizzata per qualsiasi cosa, dalla prototipazione alla produzione in serie. Alcuni esempi includono:

I centri HP LIFE in tutta l’Africa sono un’area che stiamo esponendo giovani e donne a tecnologie dirompenti come la stampa 3D. Attraverso questi centri LIFE, HP offre agli imprenditori in Africa gli strumenti e la formazione necessari per i lavori del futuro, e senza dubbio la stampa 3D svolgerà un ruolo enorme in questa transizione.

Di recente abbiamo annunciato il nostro lavoro in Sudafrica con Tarsus Distribution e Solid Edge Technology . La tecnologia HP Multi Jet Fusion sarà disponibile attraverso le reti Tarsus e Solid Edge, in particolare a beneficio dei mercati automobilistico, industriale, sanitario, dei beni di consumo.

A livello globale, abbiamo recentemente annunciato una collaborazione ampliata con il cliente SmileDirectClub per rivoluzionare il modo in cui milioni di persone possono ottenere un sorriso più diretto. Sfruttando la stampa 3D HP Jet Fusion, SmileDirectClub produrrà 50.000 stampi per bocca unici al giorno e quasi 20 milioni di stampi per bocca stampati in 3D nei prossimi 12 mesi.

Famiglia di stampanti 3D HP Multi Jet Fusion

Cosa puoi dire delle donne nella stampa 3D e della loro influenza o contributo alla tecnologia?

La stampa 3D può aiutare a migliorare la vita di tutti, ovunque. Ma come tutti gli altri settori, se le persone che modellano la tecnologia e il modo in cui viene utilizzata non riflettono la società, saremo delusi.

Come donna africana, questo argomento è vicino e caro al mio cuore. Dobbiamo garantire che questa prossima rivoluzione industriale sia inclusiva e alimentata dalla diversità del pensiero. HP privilegia la diversità in tutto ciò che facciamo e la nostra attività di stampa 3D non fa eccezione.

Come vedi la crescita e lo sviluppo della stampa 3D e della produzione additiva?

Sebbene la tecnologia di stampa 3D non sia necessariamente nuova, la portata del suo potenziale è decollata nel giro di pochi anni. La stampa 3D è già utilizzata in grandi settori come quello automobilistico, sanitario e dell’industria pesante, solo per citarne alcuni.

Qui in Africa, stiamo lavorando a stretto contatto con leader come Tarsus Distribution e SeTech per portare la stampa 3D in Sudafrica.

Il centro demo di SeTech, appena fuori Johannesburg, è perfettamente funzionante con un’unità di produzione HP Multi Jet Fusion 4200 e consentirà ai clienti di fare benchmarking per una varietà di verticali di cui sopra.

Lavorando con SeTech e Tarso, stiamo diffondendo la conoscenza delle possibilità che la stampa 3D può offrire al paesaggio africano, fornire sessioni di formazione con esperti e insegnare ai clienti la tecnologia.

Stampante 3D HP Jet fusion

In tutto il mondo, vediamo anche la stampa 3D giocare un ruolo enorme nell’istruzione e nella fornitura di competenze per lavori futuri. Ad esempio, stiamo iniziando a vedere le università adottare la tecnologia 3D per preparare la forza lavoro futura alla Quarta rivoluzione industriale.

Modello stampato con HP Multi Jet Fusion

Due università in Turchia hanno recentemente installato stampanti 3D HP Multi Jet Fusion per promuovere scopi di istruzione e ricerca e sviluppo. La Celal Bayar University ha installato stampanti 3D Multi Jet Fusion nel loro Technology Center, che stanno utilizzando a scopi sia didattici che di ricerca e sviluppo.

E la Istanbul Technical University , un’università molto rispettata dedicata al campo della tecnologia, ha installato stampanti 3D MJF nel loro centro di incubazione, ITÜMagnet, dando alle startup l’accesso alla tecnologia di stampa 3D.

Questo è il centro di incubazione dei magneti

Qual è la posizione della tua attuale organizzazione sulla stampa 3D e la produzione additiva?

Senza dubbio, c’è una rivoluzione digitale in atto in tutte le aree del design, della distribuzione, della sostenibilità e dell’intero processo di produzione end-to-end. Questa rivoluzione sta permettendo alle aziende di fare grandi cose: innovare più velocemente, sfruttare la produzione flessibile, reinventare le loro catene di approvvigionamento, creare nuovi mercati e produrre nuove applicazioni in modi precedentemente impossibili.

E stiamo appena iniziando. Il World Economic Forum (WEF) ha recentemente stimato che il valore delle trasformazioni digitali nella Quarta Rivoluzione Industriale ammonterà a $ 100 trilioni nei prossimi 10 anni.

Be the first to comment on "Intervista con Elisabeth Moreno vicepresidente e amministratore delegato Africa di HP Technology"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi