Intervista a Godwin Izibilli sulla stampa 3D in Nigeria

La Nigeria è un paese africano ben noto per accademici di alto profilo e una vasta base di imprenditori. In che modo il paese più popoloso dell’Africa utilizza queste risorse gemelle per la stampa 3D? Abbiamo intervistato Godwin Izibilli di CAD Works per darti informazioni sulla stampa 3D in Nigeria.

Chi sei e cos’è CAD Works?

Attualmente sono a capo dell’operazione presso CAD WORKS limited . Ho conseguito la laurea in ingegneria presso l’Università del Benin, città del Benin, e mi sono laureato, dopo di che ho lavorato nell’unità di assemblaggio dei veicoli di KIA Motors (dopo il servizio nazionale obbligatorio di un anno nello stato di Kwara, Nigeria). Inoltre, consultare le soluzioni Prightle a tempo parziale.

Cad Works Limited è una società di ingegneria specializzata in vari servizi di progettazione ingegneristica, consulenza CAD, scansione laser e stampa 3D che potrebbero essere in forma di creazione di un laboratorio di stampa 3D, vendita e riparazione di stampanti 3D, servizio di stampa 3D, progettazione di parti e formazione in ingegneria. Attualmente siamo situati in Nigeria e Ghana e abbiamo realizzato progetti per aziende come Chevron Nigeria Limited, Mobil Nigeria limited, Global Ocean e molti altri. Di recente abbiamo tenuto diverse presentazioni / esposizioni per l’Associazione delle donne ingegnere professionisti in Nigeria, la Società degli ingegneri della Nigeria (Victoria Island), la conferenza DigiFab, Girls Hackathon for Justice e, per il bene, abbiamo una conferenza di stampa 3D per il tutta l’Africa. È chiamato “Il futuro della produzione additiva in Africa . “

Quali sono alcuni dei progetti che fai nella stampa 3D e nella produzione additiva?

Di recente abbiamo lavorato su una struttura petrolifera che non aveva un modello 3D dell’intera struttura. Quindi, il nostro team ha eseguito la scansione laser della struttura e prodotto il modello 3D della struttura, dopodiché abbiamo utilizzato il modello 3D per stampare in 3D un modello della struttura.

Modello di impianto di olio stampato in 3D

Inoltre, abbiamo modellato in 3D e stampato in 3D un gran numero di portachiavi per una chiesa come souvenir durante le loro celebrazioni natalizie.

Portachiavi da chiesa stampati in 3D

Ci dai una breve descrizione del panorama della stampa 3D in Nigeria?

L’ambiente nigeriano è rischioso, nel senso che le persone che sono consapevoli della tecnologia ne sono affascinate, ma non sono disposte a fare passi avanti. Alcuni fattori che hanno un impatto negativo su questo includono il costo. Inoltre, a causa dell’indisponibilità delle stampanti 3D in metallo nel paese, i grandi attori non stimolano tale sviluppo. Ma alcune scuole lo stanno gradualmente prendendo nelle loro attività extra-curriculari. Le persone che vogliono stampare prodotti vogliono che la finitura sia come se il processo di produzione fosse come quello di uno stampaggio ad iniezione . Questo ci sta trattenendo. Ma il mercato sta crescendo, le persone vedono il bisogno. Sarebbe un boom se il governo potesse o formare masse di persone o creare centri in cui gli individui possono stampare a un costo molto più basso e avere comunque un prodotto di qualità.

Dimostrazione della stampa 3D agli studenti

Di recente hai pubblicato la prima edizione della tua rivista di stampa 3D intitolata “Produzione avanzata” e di particolare interesse è la sezione “Perché la stampa 3D è importante per l’Africa”.

In questo articolo , speriamo possa provocare un risveglio che questa tecnologia è fatta per noi e che diverse persone stanno già facendo qualcosa di eccezionale. Prendiamo, ad esempio, qualche tempo fa, alcuni togolesi hanno creato una stampante 3D da materiali riciclati ! Questo credo che dovrebbe essere incoraggiato perché so che poiché la maggior parte delle cose che riguardano questa tecnologia sono open source (cioè dai modelli ai parametri, alle esperienze), noi africani, possiamo sfruttare l’opportunità di coltivare qualcosa per noi stessi e diventare innovatori! Come il resto del mondo.

Vedi qualche possibile supporto finanziario nello sviluppo della stampa 3D in Africa, considerato che è una delle sfide nella promozione della tecnologia?

Tutto dipende da quale direzione lo fanno. Nessuno credo che investirebbe in qualcosa a meno che la persona non abbia qualcosa da trarne beneficio. A meno che non sia solo per scopi umanitari. A tal fine, ritengo che solo in Africa, attraverso il governo, ne vedremo la necessità, o individui che hanno una propensione per la tecnologia e che come tali sarebbero disposti a estrarre risorse ottenute da un’altra impresa e ad inserirle nella stampa 3D. Ma la cosa difficile è che, man mano che l’utilità della tecnologia di stampa 3D si espande e con l’aumentare del tempo di stampa / volume delle stampe, individui e corpi (che includono anche scuole di quadri diversi) lo abbracciano e lo includono per le loro vite quotidiane. Come nel caso del Sudafrica, il governo ha visto la necessità e ha investito nella tecnologia. Credo che altri paesi con il tempo farebbero lo stesso e incoraggerebbero i giovani a diventare beneficiari di questa tecnologia.

Be the first to comment on "Intervista a Godwin Izibilli sulla stampa 3D in Nigeria"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi