Jellatech raggiunge un traguardo importante confermando il successo del collagene a base cellulare Con sede nella Carolina del Nord, la startup biotecnologica Jellatech ha annunciato la produzione di successo di collagene a base cellulare. L’azienda, fondata due anni fa, afferma di aver creato collagene a lunghezza intera, a tripla elica che funziona in modo identico alle fonti convenzionali. Lo sviluppo è stato realizzato utilizzando le linee cellulari proprietarie dell’azienda.

Utilizzato in più settori, tra cui la produzione cosmetica, farmaceutica e alimentare, il collagene contribuisce a un settore da 8,4 miliardi di dollari. Jellatech ha deciso di creare una versione pulita e sostenibile della proteina, che non si basa sugli animali per l’approvvigionamento.


Jellatech raggiunge i suoi obiettivi di collagene
“Questa è una pietra miliare importante per noi e sono oltremodo orgoglioso ed entusiasta di essere già qui. Essere in grado di vedere il nostro collagene a base cellulare pulito ad occhio nudo porta lacrime di gioia”, ha affermato Stephanie Michelsen, CEO di Jellatech in una nota.

Con i consumatori che esaminano sempre più le credenziali di sostenibilità dei marchi che supportano, le alternative cruelty-free agli ingredienti necessari stanno diventando più vitali. Tradizionalmente, il collagene si trova nella pelle, nelle ossa e nei tessuti connettivi degli animali, richiedendo la macellazione di detta creatura. Cavalli, mucche, maiali, conigli e pesci sono fonti comuni di raccolta del collagene. Aggiungi le interruzioni della catena di approvvigionamento causate da Covid-19, restrizioni di viaggio e altri focolai imprevisti, inclusa l’influenza suina africana, e una fornitura stabile diventa difficile da garantire.

Jellatech si è posizionata per offrire un’alternativa al collagene di origine animale convenzionale. Nell’aprile dello scorso anno, la startup si è assicurata 2 milioni di dollari in un round di finanziamento preliminare, per supportare la ricerca e lo sviluppo di collagene e gelatina in corso. L’investimento ha consentito a Jellatech di inviare campioni del suo sviluppo di collagene, in vista della commercializzazione entro 18 mesi. Quell’ambizione è più vicina che mai alla realizzazione, con il nuovo annuncio di aver ottenuto risultati bioidentici con il collagene a base cellulare.

“Siamo entusiasti di vedere che il nostro collagene derivato dalle cellule appare bioidentico al collagene derivato dagli animali. Per questo motivo, abbiamo un’ampia gamma di applicazioni interessanti dalla biomedicina ai cosmetici fino al cibo e alle bevande”, ha affermato in una nota Rob Schutte, capo della scienza di Jellatech.


Prendendo il percorso basato sulla cella
Jellatech non è l’unica startup che cerca di portare gli animali fuori dal sistema di produzione del collagene. La società afferma di aver deciso contro le indagini a base vegetale o derivate dalla fermentazione a causa delle limitazioni che entrambe hanno. Jellatech afferma che entrambi non sono in grado di imitare completamente la gamma di funzionalità contenuta nel collagene di origine animale, quindi la sua innovazione basata sulle cellule è un passo avanti.

“La formazione del collagene è un processo complesso che richiede macchinari specializzati che si trovano solo nelle cellule dei mammiferi”, ha affermato in una nota Christopher Gilchrist, scienziato senior di Jellatech. “Stiamo lavorando per sfruttare la capacità innata di queste cellule di produrre collagene bioidentico al collagene nativo e farlo in modo sostenibile e privo di animali”.


La corsa al collagene cruelty free 
A febbraio, la startup di biodesign Geltor ha annunciato di aver completato con successo la sua prima corsa commerciale di collagene fermentato privo di animali. Soprannominato PrimaColl, il prodotto vegano è stato realizzato in collaborazione con Arxada per testare le capacità di ridimensionamento. L’azienda non ha riportato alcuna perdita di precisione, con tutti i PrimaColl prodotti salutati come un’alternativa bioidentica al collagene di origine animale. Nonostante abbia annunciato un aumento della capacità da 10.000 litri nel 2019 a milioni nel 2021, l’azienda afferma di avere molta strada da fare per sostituire la proteina convenzionale, che attualmente vede kilotonnellate di domanda ogni anno.

A marzo, l’innovatore israeliano della carne coltivata Aleph Farms ha rivelato che sta aggiungendo collagene a base cellulare al suo portafoglio di sviluppi. La mossa fa parte dell’impegno dell’azienda a sostituire tutte le proteine ​​bovine attualmente utilizzate in commercio, nel tentativo di offrire un’alternativa sostenibile all’allevamento. Un acceleratore di incubazione interno, soprannominato Aleph Frontiers, ha esaminato il potenziale del collagene nell’ambito di un’indagine invisibile di 18 mesi, con risultati favorevoli. Il 2024 è stato annunciato come una potenziale data di lancio per i prodotti finiti di collagene. 

 

jellatech

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi