JEOL JAM-5200EBM

JEOL presenta la nuova stampante 3D in metallo a fascio di elettroni

L’industria della stampa 3D in metallo sta vivendo gravi ondate. Se non sono i nuovi arrivati ​​che introducono una qualità senza precedenti, allora sono i sostenitori che svelano un numero senza precedenti di laser , mentre la stampa su metallo rilegato inizia a prendere velocità. Un’area che fino a poco tempo fa era stata relativamente stabile era stata la fusione del letto di polvere a fascio di elettroni (E-PBF).

Tuttavia, anche quel segmento sta subendo un cambiamento grazie a società come JEOL Ltd. ( TYO: 6951 ), che ha annunciato il rilascio della sua macchina AM per metallo a fascio elettronico JAM-5200EBM . L’azienda con sede a Tokyo afferma che la sua macchina si basa sul “microscopio elettronico con le prestazioni più elevate al mondo e sul sistema di litografia a fascio di elettroni per la produzione di semiconduttori” per creare una macchina E-PBF con “maggiore potenza, maggiore densità e maggiore velocità”.

JEOL vanta anche la qualità del suo catodo, che chiama il “catodo a vita più lunga al mondo” per la sua capacità di funzionare per 1.500 ore o più, riducendo a sua volta i tempi di fermo tra la sostituzione del catodo. La macchina non richiede l’utilizzo di gas elio, che ha lo scopo di mantenere la qualità di stampa nel tempo e ridurre i costi.

Invece dell’elio, JEOL si affida al suo sistema “e-Shield” per prevenire la dispersione di polvere durante la stampa. A sua volta, la macchina può anche funzionare in uno spazio pulito, ma il catodo è meno suscettibile ai danni, secondo l’azienda. Inoltre, il fuoco del fascio di elettroni può essere focalizzato automaticamente per garantire alta qualità e ripetibilità. Infine, JAM-5200EBM può essere monitorato a distanza.

E-PBF è un nuovo segmento di prodotti per JEOL, che nel 2015 ha generato entrate per circa 107,3 ​​miliardi di yen (952 milioni di dollari) per i suoi microscopi elettronici e altre apparecchiature scientifiche, industriali e mediche. Ora è un ottimo momento per passare all’additivo, tuttavia, poiché ci sono pochissimi concorrenti nello spazio E-PBF.

Arcam (di proprietà di GE ) è stata per un periodo di tempo significativo il fornitore di prestiti delle macchine E-PBF. Più recentemente, FreeMelt è emerso anche con una macchina E-PBF aperta. C’è anche una società cinese chiamata Xi’an Sailong Metals con un sistema a fascio di elettroni. Il concorrente più vicino di JEOL, tuttavia, potrebbe essere Wayland Additive , poiché la società afferma di superare alcuni degli stessi problemi e ha un background simile nei semiconduttori . È difficile sapere come si confrontino Calibur3 di Wayland e JAM-5200EBM di JEOL; tuttavia, Wayland afferma, oltre alla mancanza di necessità di gas inerti, che il Calibur3 produce parti che non subiscono stress residuo.

Indipendentemente dagli esatti confronti tra le due macchine, è emozionante vedere un altro produttore produrre macchine E-PBF. JEOL mira a vendere 10 unità all’anno al prezzo di ¥ 180.000.000 (circa $ 1,6 milioni di dollari). In qualità di grande produttore, dispone già di sedi di assistenza diretta in oltre 30 paesi e assistenza post-vendita in oltre 130 paesi. Quindi, potrebbe avere l’infrastruttura esistente per prendere d’assalto l’industria della stampa 3D in metallo

Be the first to comment on "JEOL JAM-5200EBM"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi