KraussMaffei entra nel mercato della produzione additiva con due stampanti 3D alla K 2022 

KraussMaffei ha annunciato il lancio di due sistemi di produzione additiva di polimeri al K show. 

Il produttore tedesco di apparecchiature per lo stampaggio a iniezione ha anticipato il suo ingresso nel mercato della stampa 3D a giugno, come riportato dalla pubblicazione sorella di TCT Interplas Insights , e con il debutto odierno a Dusseldorf, il Dr. Michael Ruf, CEO di KraussMaffei, afferma che sta “ aprendo la tecnologia di produzione additiva per la produzione industriale ”.

Il Dr. Ruf ha affermato: “Utilizzando la nostra esperienza raccolta dalla produzione in serie di parti in plastica, stiamo progettando concetti di sistema efficienti e soluzioni appropriate per ogni componente, indipendentemente dalla tecnologia. Per noi, si tratta di prendere la nostra capacità di produttività, qualità ed efficienza nella lavorazione della plastica industriale e applicandola a soluzioni di produzione additiva.”

Le due macchine, powerPrint e precisionPrint, si basano su processi di stampa 3D a base di granulato plastico e resina e sono destinate ad applicazioni nei mercati medico, edile e di fonderia.

Rolf Mack, Head of Additive Manufacturing, ha commentato: “Il vantaggio per i clienti è duplice: si ottengono proprietà ottimali dei componenti a costi del materiale favorevoli; e tempi di configurazione brevi e l’uso di soluzioni software comuni per la preparazione della stampa consentono anche una rapida implementazione dal componente dal design alla stampa. Nello sviluppo di questo, il nostro obiettivo era la lavorazione ottimale dei materiali termoplastici specifica per l’applicazione per garantire la produzione secondo gli standard industriali”.


 
Il powerPrint sfrutta una tecnologia basata sull’estrusione per elaborare granulati termoplastici, compresa la plastica rinforzata con fibre, per la produzione di componenti a forma quasi netta fino a 10 m³ che possono essere stampati e quindi fresati. KraussMaffei afferma che il sistema promette velocità di scarico elevate a velocità di stampa elevate.

Il secondo sistema, precisionPrint, è basato sulla tecnologia della stereolitografia e mira alla “produzione automatizzata su scala industriale” grazie alle sue elevate velocità di trasmissione, qualità della superficie e alta risoluzione.

Mack ha aggiunto: “Produzione quasi senza perdita di materiale e grandi possibilità di progettazione: portiamo questi vantaggi della produzione additiva dalla prototipazione alla produzione in serie industriale di componenti in plastica. Insieme ai nostri clienti, ripensiamo i concetti di impianto e troviamo soluzioni efficienti di produzione additiva per un’ampia gamma di campi di applicazione.”

La società afferma che entrerà in beta test con i clienti l’anno prossimo prima di lanciare le macchine sul mercato.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi