La barriera corallina stampata in 3D a Pondicherry da uno studente diciassettenne di Mumbai Siddharth Pillai

Il sistema costiero Pondicherry sta migliorando grazie alla stampa 3D

In tutto il mondo, ci sono stati molti sforzi per stampare in 3D barriere coralline artificiali . Da quando Alex Goad ha inventato la struttura modulare della barriera corallina artificiale, meglio conosciuta come MARSe finanziato Reef Design Lab in Australia, ha suscitato molto interesse per questo tipo di strutture stampate in 3D. Ora, uno studente diciassettenne di Mumbai ha anche creato la sua barriera corallina stampata in 3D a Pondicherry, una pittoresca città sulla costa orientale dell’India molto popolare tra i subacquei. Un sommozzatore stesso, Siddharth Pillai, ha dichiarato in molte interviste con i notiziari locali che si è immerso attivamente negli ultimi cinque anni, e durante quel periodo ha assistito in prima persona a come l’aumento delle temperature oceaniche ha imbiancato gli affioramenti dei coralli. Nel maggio 2018, durante un viaggio a Pondicherry, Pillai e sua sorella minore si sono immerse e sono state profondamente colpite dalle condizioni sott’acqua.

“Loro (barriere coralline) perdono colore, si sbriciolano e muoiono in 30 giorni. Vedere coralli morti sul fondo del mare è disgustoso e straziante “, ha detto Pillai. “Quando avevo sedici anni, mentre mi immergevo nelle Andamane, ho imparato a conoscere lo sbiancamento dei coralli e la precarietà della situazione globale riguardo all’ecosistema marino generale. Da allora, ho deciso di lavorare al meglio delle mie capacità per contribuire al salvataggio di questi animali marini, poiché sentivo di doverlo a loro ”.

Il poco profondo ecosistema della barriera corallina lungo la costa indiana viene selvaggiamente distrutto, minacciato dal riscaldamento globale degli oceani e colpisce gli habitat della barriera corallina, che sono una fonte essenziale di larve e bestiame. La sedimentazione, il dragaggio, la pesca eccessiva, l’inquinamento, il turismo insostenibile e l’estrazione del corallo sono dannosi per le barriere coralline costiere , mentre l’uso di esplosivi e reti di fondo nella pesca danneggiano le barriere offshore in siti specifici.

Ma non è solo l’India: secondo National Geographic , metà della Grande Barriera Corallina, in Australia, è stata imbiancata a morte dal 2016. Lo sbiancamento dei coralli di massa, un problema globale innescato dal cambiamento climatico, si verifica quando l’acqua dell’oceano innaturalmente calda distrugge la barriera corallina alghe colorate, lasciando morire di fame il corallo.

Dopo aver visto il problema nel suo paese, Pillai ha progettato e brevettato un sistema di blocchi ad incastro che ha scelto di assemblare lungo la costa Pondicherry per creare la prima barriera corallina artificiale modulare stampata in 3D del paese. Il giovane studente, un alunno di terza media alla BD Somani School di Mumbai, ha battezzato il progetto Bennington’s Reef, in onore del compianto musicista e frontman del gruppo rock alternativo Linkin Park, Chester Bennington, scomparso nel 2017.

L’anno scorso, dopo che Pillai è entrato in Curiosity Gym, un centro di innovazione con sede a Churchgate, nel sud di Mumbai, ha seguito un corso di stampa 3D di 45 giorni. Contemporaneamente, si è messo in contatto con Suneha Jagannathan , un biologo marino e CEO della Temple Reef Foundation (parte di Temple Adventures), a Pondicherry, che ha lavorato duramente per ripristinare l’equilibrio nell’ecosistema della barriera corallina per molti anni, nonché immergersi per trovare reti fantasma e portarle fuori dall’acqua e nel complesso proteggere la vita marina. Ha accettato di aiutarlo con le risorse necessarie e lo ha guidato nel progetto.

Successivamente, Pillai ha iniziato a lavorare sul design e sulla struttura che assomigliavano al letto di corallo naturale e ha trovato un modo per rendere poroso il modello in modo che il corallo potesse aggrapparsi ad esso. Ha riempito lo stampo prototipo con miscela di cemento a casa prima e alla fine ha raccolto 200.000 rupie indiane (2.798 dollari) attraverso il crowdfunding e è riuscito a produrre circa 200 blocchi stampati in 3D, del peso di 11 chilogrammi ciascuno, che sono stati successivamente inviati a Pondicherry. Quindi, Temple Adventures, un centro immersioni nella zona, lo ha aiutato a installarlo lo scorso luglio e ha stimato che inizierà a ospitare la vita marina questo mese.

Pillai ha affermato che “era una struttura complicata da sviluppare perché doveva essere porosa, dovevano esserci delle fessure e favorire la crescita e la prosperità degli organismi”.

Il primo design che ha creato è stato un modello in plastica che ha costruito a casa. Ma ciò non ha funzionato e dopo alcune prove ed errori ha optato per blocchi usando cemento e dolomite (composto da carbonato di magnesio e calcio) e ha preso l’aiuto di un’azienda che ha accettato di stampare i nuovi blocchi. I blocchi sono stati progettati con fessure manuali in modo che possano collegarsi tra loro, facilitando la costruzione, l’assemblaggio e il ridimensionamento del processo.

Ma la domanda rimane ancora: le barriere coralline stampate in 3D saranno sufficienti per salvare i nostri oceani ? Milioni di persone dipendono dalla barriera corallina per cibo, lavoro e protezione delle coste, le creste nelle barriere coralline possono persino aiutare a ridurre l’energia delle onde fornendo protezione da tsunami, erosione e tempeste. Gli sforzi per gestire alcuni degli impatti dei cambiamenti climatici e delle alte temperature del mare si stanno concentrando sul ripristino di barriere coralline degradate, molte delle quali utilizzano la stampa 3D per sviluppare strutture simili che possono aiutare l’ecosistema della vita marina. Il nipote di Jaques Cousteau, famoso biologo marino, Fabien Cousteau, ha contribuito a sviluppare barriere coralline stampate in 3D nei Caraibi, attirando di nuovo la vita marina. Ma le barriere coralline hanno bisogno di coralli in crescita e sani per sopravvivere e funzionare normalmente, quindi forse altri problemi globali dovranno essere affrontati prima che le strutture stampate in 3D diventino incredibilmente rilevanti per gli oceani. Nel frattempo, è un ottimo modo per attirare le persone interessate alla conservazione marina, per conoscere le fantastiche barriere coralline e quanto siano importanti per la nostra sopravvivenza.

Be the first to comment on "La barriera corallina stampata in 3D a Pondicherry da uno studente diciassettenne di Mumbai Siddharth Pillai"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi