Mid Sweden University e Sandvik sviluppano polvere AM di metallo Osprey per la stampa 3D EBM
 
La Mid Sweden University ha stipulato un contratto quinquennale con il gruppo di ingegneria Sandvik dalla Svezia. I partner vogliono sviluppare congiuntamente la polvere AM di metallo Osprey per il processo di stampa 3D EBM. L’università sta anche investendo in un nuovo tipo di stampante 3D di Sandvik.
 
La Mid Sweden University ha annunciato in un comunicato stampa di aver firmato un contratto quinquennale con la società svedese Sandvik per lo sviluppo di polveri AM metalliche Osprey per il processo di stampa 3D Electron Beam Melting (EBM) . L’università ha anche investito in un sistema EBM che sarà uno dei primi nel suo genere con funzioni completamente nuove.

Il professor Lars-Erik Rännar afferma nella comunicazione:

“Abbiamo già avviato il primo progetto in cui vogliamo sviluppare e industrializzare sul mercato una nuova lega per la fusione del fascio di elettroni, un acciaio inossidabile super-duplex molto forte e resistente alla corrosione. Credo che possiamo avviare ulteriori progetti di questo tipo attraverso la nostra cooperazione”.
Dettagli sull’accordo di partnership quinquennale

Nell’ambito di questo accordo di partnership quinquennale, le parti avvieranno progetti congiunti di ricerca e sviluppo. La nuova macchina rimarrà di proprietà di Sandvik e la Mid University si occuperà delle operazioni e dell’assistenza. Nella linea di prodotti Osprey sono previsti ancora più materiali che possono guidare l’industrializzazione della stampa 3D in metallo. Qualche settimana fa, Sandvik ha annunciato che stava aumentando la capacità della sua produzione di polveri metalliche per la stampa 3D industriale .

La macchina offre agli studenti della Mid Sweden University nuove possibilità per la produzione e l’analisi dei materiali nel campo della stampa 3D . La macchina esistente è già ampiamente utilizzata, il che significa che la nuova macchina offre migliori opportunità per i progetti di ricerca e questo a sua volta può portare a un’espansione del gruppo di ricerca.

Voci dei partner
Mikael Schuisky, VP e Head of the Additive Manufacturing Business Unit di Sandvik:

“Sandvik è un pioniere nella produzione additiva con competenze di primo piano lungo la catena del valore dell’additivo, dalla polvere di metallo al componente finito. Non vediamo l’ora di lavorare con la Mid Sweden University, che è molto esperta nella fusione del fascio di elettroni, soprattutto perché ci concentreremo sull’acciaio inossidabile super duplex. Questo è un gruppo di leghe di punta per Sandvik che abbiamo perfezionato per decenni. All’inizio di quest’anno abbiamo annunciato la nostra capacità di elaborare la nostra famosa polvere metallica super duplex Osprey 2507 attraverso L-PBF e non vediamo l’ora di sviluppare ulteriormente questo materiale per altre applicazioni attraverso la produzione additiva”.
Lars-Erik Rännar conclude:

“Avevamo alcune restrizioni quando si trattava di controllare il processo di fusione. La nuova macchina e il software fornito da un altro partner ci rendono i primi ad utilizzare questo tipo di attrezzatura. Stiamo passando dall’essere limitati alla posa di un puzzle con i pezzi esistenti alla progettazione di tutti i pezzi noi stessi nel modo in cui li vogliamo. Questo crea modi completamente nuovi di fondere la polvere di metallo in un materiale solido che ci offre fantastiche opportunità di ricerca e, si spera, risultati utili per l’industria svedese”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi