La Pepsi Cola ridisegna la bottiglia da 2 litri dopo 30 anni grazie alla stampa 3d

Dopo 30 anni, PepsiCo ha ridisegnato la bottiglia da due litri. Ecco perché
È ancora di plastica, ma l’azienda ha leggermente ridotto il suo ingombro migliorando notevolmente la UX.

Chiudi gli occhi e scommetto che puoi descrivere la netta sensazione di versare la soda da una nuova bottiglia da due litri. Quando versi il tuo primo bicchiere, è questo siluro robusto ma ingombrante nelle tue mani, che cola e frizza nel tuo bicchiere. Da qualche parte intorno a due o tre bicchieri, trovi il giusto equilibrio. Ma mentre versi l’ultimo bicchiere e la bottiglia inizia a svuotarsi, la sua struttura inizia a collassare e versare le ultime once è difficile come il primo.

Progettata per la prima volta nel 1970 da PepsiCo e migliorata negli anni ’90, la bottiglia da due litri è un pilastro imperfetto dell’industria delle bevande analcoliche. Ma oggi, dopo 30 anni di invariato, il due litri si sta rinnovando completamente. PepsiCo sta iniziando il lancio di una nuova bottiglia più curva che è più facile da impugnare e bilanciare in mano, consumando un po ‘meno plastica nel processo. L’aggiornamento arriverà a tutti i suoi principali marchi di bevande analcoliche.

“Pensi, come designer, quanto sia difficile ridisegnare una bottiglia?” muse Mauro Porcini, SVP e chief design officer di PepsiCo. “La realtà è che quando devi riprogettare una bottiglia con questa scala. . . e questo impatto sul mondo e sul business, è probabilmente uno dei progetti più difficili che abbia mai affrontato nella mia carriera “.
Porcini non sta esagerando sulla scala. La bottiglia da due litri è ancora molto popolare; infatti l’azienda vende la stessa quantità in volume sia in 12 oz. lattina e formati da due litri. La riprogettazione è iniziata per la prima volta nel 2018 quando PepsiCo ha deciso che era tempo di riconoscere i punti deboli dei consumatori.

Il due litri originale aveva una circonferenza di 13,4 pollici, mentre PepsiCo dice che la mano media è compresa tra 7 pollici e 8,6 pollici quando si afferra. Basta dare un’occhiata a quel golfo per dimostrare perché due litri sono così difficili da gestire. Il primo obiettivo dell’azienda era migliorare questa ergonomia. “Come lo tieni, come lo versi, come rendere l’esperienza migliore dal punto di vista dell’usabilità e dell’ergonomia”, afferma Porcini. “Questa è la chiave di volta: volevamo rendere il prodotto più utile.”

Il team di progettazione, coordinandosi con il team aziendale, gli analisti e la R&S, ha iniziato a escogitare alternative. Ciò significava disegnare migliaia di progetti e prototipare rapidamente centinaia di progetti con la stampa 3D. È un processo molto più complicato della semplice creazione di una nuova silhouette. Poiché queste bottiglie devono essere durevoli e consumano anche meno plastica possibile, lo spessore della plastica varia attraverso l’intera bottiglia, rinforzata dove è necessario e rimossa dove non lo è. E poiché trattengono il liquido che è pressurizzato, gestiscono le forze che si espandono dall’interno verso l’esterno.

“Puoi progettare qualcosa di veramente interessante in un prototipo stampato in 3D”, dice Porcini, “ma metti il ​​liquido vero e proprio all’interno e perdi tutti i dettagli a causa della pressione”.
La forma finale di PepsiCo è un mix di vecchio e nuovo. In alto, sembra il due litri che conosci. Quindi circa due terzi della discesa, si incurva a 10,4 pollici, che è tecnicamente più sottile del 25% rispetto ai due litri standard, ma mi sembra ancora di più. Quindi il piede della bottiglia si assottiglia di nuovo, bilanciando in modo impressionante un design che sembra pesante.

La forma stessa è un risultato tecnico perché, sebbene non usi meno plastica della vecchia bottiglia, non ne usa di più. Come spiega Porcini, la sfida è gestire la giusta quantità di plastica in tutta la bottiglia, che varia da 0,008 a 0,012 pollici di spessore, per ridurre al minimo gli sprechi. La parte superiore della bottiglia, vicino al tappo, deve essere più spessa per sostenere la struttura. Intorno all’etichetta, possono diluirlo. Ma poi in quell’area di presa, la plastica deve diventare di nuovo più spessa per supportare sia la struttura della curva che la pressione della tua mano. PepsiCo aveva bisogno che quest’area di presa fosse il più sottile possibile per rendere la bottiglia più facile da afferrare senza peggiorare ulteriormente la sua impronta di plastica. Quello che hanno escogitato sono stati dettagli esterni: sporgenze extra di plastica che rinforzano la plastica in quest’area di presa, come un’impalcatura.

Queste creste sono anche un mezzo di espressione del marchio, poiché ogni diversa bottiglia di soda presenta le proprie forme di presa uniche. La classica Pepsi sembra un’onda, mentre Mountain Dew è quasi come un fulmine frastagliato.
Il risultato ti farà ripensare a come versare un due litri. Apro una bottiglia di Pepsi che l’azienda ha inviato e la strizzo per versarla. Mi rendo conto che sto stringendo troppo forte, sforzandomi troppo con la memoria muscolare di due litri di un tempo. In realtà piego un po ‘la bottiglia verso l’interno. Ma quando lascio che la bottiglia si ribalti nella mia mano, si riversa con molto supporto e un equilibrio intuitivo. Emily Silver, vicepresidente innovazione e capacità di PepsiCo Beverages North America, afferma che i test sui consumatori hanno dimostrato che il 90% delle persone trova questa nuova bottiglia più facile da tenere e versare, e la maggior parte può farlo con una mano sola. “Ci sentiamo come se avessimo un vincitore”, dice.

Per quanto riguarda la presenza complessiva nel negozio della bottiglia, anche quella era una preoccupazione. “Volevamo stare orgogliosi su uno scaffale”, afferma Porcini. “[Si trattava di] creare qualcosa di memorabile, personalizzabile, quindi se pensi alla Pepsi, pensi a quella forma speciale.” Sebbene la nuova bottiglia sia tecnicamente un po ‘più sottile e più alta della vecchia bottiglia, queste differenze sono così lievi che non consentono a un prodotto più reale di spremere sugli scaffali dei negozi. Tuttavia, i designer hanno spostato l’etichetta sulla bottiglia, il che tiene conto del fatto che molti scaffali hanno una piccola guida di sicurezza che blocca il marchio.

E forse nell’aggiornamento più impattante di tutta questa riprogettazione, la nuova etichetta è in realtà il 24% più piccola di quella vecchia, il che significa che in ogni bottiglia viene utilizzata leggermente meno plastica.

Quando chiedo perché PepsiCo non abbia affrontato l’intera riprogettazione da due litri concentrandosi sulla sostenibilità piuttosto che sull’ergonomia, ricevo alcune risposte diverse. Silver punta agli obiettivi ambientali dichiarati più ampi di PepsiCo , menzionando che questo è in linea con loro e che PepsiCo sta investendo in infrastrutture di riciclaggio per recuperare la plastica più praticabile. Porcini punta all’ampio portafoglio di marchi di PepsiCo, come Soda Stream , che sfrutta bottiglie riutilizzabili e consente alle persone di gasare l’acqua dal proprio rubinetto.

Ma alla fine, Porcini conclude su un punto che solleva spesso durante le conversazioni, che un buon design non consiste solo nel realizzare un concetto o un’idea idilliaca in uno studio, ma nell’implementare nuovi prodotti in un modo che risponda sia ai desideri dei consumatori che ai redditività di un’impresa. “C’è uno sforzo [ambientale], ma è uno sforzo che è un viaggio. Dobbiamo portare il consumatore con noi. Se non riusciamo a fornire qualcosa che sia coinvolgente e funzionale per i consumatori, alla fine falliremo anche sui nostri obiettivi di sostenibilità “.

Be the first to comment on "La Pepsi Cola ridisegna la bottiglia da 2 litri dopo 30 anni grazie alla stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi