La prima cornea stampata in 3D dell’India sviluppata dagli scienziati di Hyderabad
 
 PTI) Per la prima volta in India, i ricercatori della città hanno stampato con successo in 3D una cornea artificiale e l’hanno trapiantata nell’occhio di un coniglio.

I ricercatori dell’LV Prasad Eye Institute (LVPEI), dell’Indian Institute of Technology-Hyderabad (IITH) e del Center for Cellular and Molecular Biology (CCMB), hanno collaborato per sviluppare una cornea stampata in 3D dal tessuto corneale di un donatore umano, una macchina da stampa comunicato rilasciato domenica ha detto.

 
Sviluppato internamente attraverso finanziamenti governativi e filantropici, il prodotto è completamente naturale, non contiene componenti sintetici, è privo di residui animali ed è sicuro da usare nei pazienti, ha affermato.

Con i recenti progressi nella medicina rigenerativa e nell’ingegneria dei tessuti, i ricercatori di LVPEI, IITH e CCMB hanno utilizzato la matrice di tessuto corneale decellularizzato e le cellule staminali derivate dall’occhio umano per sviluppare un idrogel biomimetico unico (in attesa di brevetto) che è stato utilizzato come materiale di base per il Cornea stampata in 3D.

Poiché la cornea stampata in 3D è composta da materiali derivanti dal tessuto corneale umano, è biocompatibile, naturale e priva di residui animali, ha affermato.

 
Il dottor Sayan Basu e il dottor Vivek Singh, ricercatori principali di LVPEI, hanno affermato che questa può essere un’innovazione rivoluzionaria e dirompente nel trattamento di malattie come le cicatrici corneali (dove la cornea diventa opaca) o il cheratocono (dove la cornea si assottiglia gradualmente con il tempo).

“Si tratta di un prodotto made in India di un team di scienziati clinici indiani e la prima cornea umana stampata in 3D che è otticamente e fisicamente adatta per il trapianto. Il bio-inchiostro utilizzato per realizzare questa cornea stampata in 3D può salvare la vista per il personale dell’esercito sul sito della lesione per sigillare la perforazione corneale e prevenire l’infezione durante gli infortuni legati alla guerra o in un’area remota senza strutture per la cura degli occhi terziari “. loro hanno detto.

 
“Abbiamo utilizzato un approccio di bioimitazione per fornire un microambiente ottimizzato per la rigenerazione stromale mantenendo la curvatura e lo spessore della cornea biostampata per facilitare l’impianto chirurgico. Siamo fiduciosi sull’esito positivo del primo innesto corneale stampato in 3D in India”, ha affermato il dottor Falguni Pati, professore associato, Dipartimento di ingegneria biomedica, IIT Hyderabad.

Questa ricerca è stata finanziata da una sovvenzione del Dipartimento di Biotecnologie e il lavoro di traslazione che porta alle sperimentazioni cliniche sui pazienti sarà finanziato attraverso una sovvenzione dalla Sree Padmavathi Venkateswara Foundation, Vijayawada, secondo il comunicato. PTI GDK GDK HDA HDA

the macro image of the brown eye

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi