Una nuova mostra con la replica stampata in 3D dell’elmo del XIX secolo si apre all’Hudson Museum
 
L’Università del Maine Hudson Museum ha aperto una nuova mostra che mostra una replica stampata in 3D di un elmo di un clan del 19° secolo dalla costa nord-occidentale e la fotografia che ne documenta la creazione. 

La mostra si trova nel Minsky Culture Lab del museo. L’originale elmo del clan della rana Tlingit, scolpito nel cedro giallo, dipinto con pigmenti verdi e rossi e intarsiato con dischi di conchiglie di abalone precedentemente attaccati a un tessuto, si trova accanto alla sua replica identica. Il modello stampato in 3D è stato creato dagli ingegneri dell’Advanced Structures and Composites Center di UMaine e da studenti laureati dei programmi Intermedia. 

Entrambi i caschi sono circondati da foto che ritraggono le fasi del processo di creazione della replica e da pannelli che descrivono come l’elmo originale è arrivato al museo, cosa ha scatenato gli sforzi per ricrearlo, chi ha lavorato al progetto e i loro ruoli. Il museo prevede di incorporare video time-lapse di ingegneri che scansionano l’originale e stampano la replica e i ruoli degli studenti dei programmi intermedi nel progetto. La mostra sarà al museo fino all’inizio di novembre, dopodiché il museo pubblicherà una versione digitale sul proprio sito web. 

L’Elmo del Clan della Rana faceva parte di un lascito del 1982 a UMaine dalla tenuta di William P. Palmer III, che includeva un dono di oggetti precolombiani che andavano dall’olmeco all’azteco e un assemblaggio di maschere della costa nord-occidentale, ciotole potlatch, Chilkat tessuti e oggetti realizzati per la vendita al di fuori della comunità.

Nel 2018, il Consiglio centrale delle tribù indiane Tlingit e Haida dell’Alaska ha chiesto al museo di rimpatriare l’elmo dopo una visita di consultazione per rivedere le sue proprietà come parte del Native American Graves Protection and Repatriation Act. Il pezzo fa parte di una richiesta in corso da parte del consiglio. 

La direttrice del museo Gretchen Faulkner e il suo team hanno cercato di realizzare una replica dell’elmetto prima di iniziare il processo formale per rimpatriare l’elmo. Il progetto di replica sfrutta l’esperienza di livello mondiale del Composites Center nella stampa 3D e le abilità degli studenti dei programmi Intermedia in un ambiente museale. Harold Jacobs, specialista in risorse culturali per il consiglio, ha concesso il permesso per la ricreazione.

“Questo ci consente di conservare la replica per continuare a educare i visitatori sulla cultura Tlingit all’Hudson Museum e sull’importanza di questi oggetti per le loro comunità”, afferma Faulkner. 

Il museo, il Composites Center e i programmi Intermedia hanno ricevuto una sovvenzione di 14.600 dollari dalla UMaine Arts Initiative per il progetto “Technology and Tradition: Shaping Indigenous Collections for the Future”. È stato uno dei cinque progetti finanziati a ricevere sovvenzioni di semi nell’ambito dell’iniziativa, lanciata nel 2021 dall’Ufficio UMaine del Vice Presidente per la Ricerca e Preside della Graduate School. 

Gli ingegneri di ricerca del Composites Center Jonathan Roy e Alexander Cole hanno guidato la scansione, la digitalizzazione e la stampa 3D del prototipo, creato da un termoplastica resistente che è stata levigata fino a ottenere una finitura liscia. Anche gli studenti laureati Intermedia Luke McKinney, Reed Hayden e Anna Martin hanno lavorato al progetto. McKinney ha creato i time lapse della scansione e della stampa, mentre Hayden e Martin hanno collaborato alla finitura del modello, alla verniciatura e al trattamento della superficie per replicare l’aspetto dell’intaglio originale, inclusa la venatura del legno dell’elmo, afferma Faulkner. Duane Shimmel ha documentato fotograficamente tutti gli aspetti del progetto e sta realizzando il video della mostra.

“Questa è una riproduzione fedele del pezzo”, dice Faulkner, “ma non si tratta solo della capacità di riprodurlo. Si tratta anche degli artisti che sono in grado di dargli vita, riproducendo le venature del legno e indossando i modelli dell’uso tradizionale”. 

Il progetto ha consentito al museo di sviluppare un proof of concept per progetti di replica delle collezioni, aiutare a creare protocolli per questi sforzi con le comunità indigene e fornire ad altre istituzioni di raccolta informazioni tecniche sulla scansione 3D, sulla stampa e sulle tecniche per creare superfici che assomigliano al manufatto o all’oggetto originale .

“La stampa 3D non funziona per tutto. Funziona con oggetti solidi 3D, ma non con tessuti o cestini”, afferma Faulkner. “Questo progetto ha consentito al museo di utilizzare una tecnologia all’avanguardia presso UMaine, collaborando con le unità artistiche del campus. Questo progetto apre le porte a future collaborazioni interdisciplinari”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi