LA STAMPA 3D ESCE DALLA TOP 20 DELLE TECNOLOGIE IN PIÙ RAPIDA CRESCITA DEL 2021 SECONDO I DATI SUI BREVETTI
 
L’ultimo rapporto annuale di IFI CLAIMS Patent Services ha rivelato che la stampa 3D è uscita dalle prime 20 tecnologie in più rapida crescita del 2021, sulla base dei dati dell’USPTO ( US Patent and Trademark Office ).

Il rapporto raccoglie le imprese, le tecnologie e i paesi che hanno ricevuto il maggior numero di brevetti nell’ultimo anno utilizzando la piattaforma dati proprietaria dell’azienda. Proprio lo scorso anno, la stampa 3D è stata identificata come nona nella lista di IFI CLAIMS .

In effetti, il 2021 ha visto il “calo più precipitoso” del totale delle concessioni di brevetti statunitensi nell’ultimo decennio, con un calo del 7% rispetto al 2020. Le sovvenzioni sono passate da 352.000 nel 2020 a 327.329 nell’ultimo anno, mentre le domande di brevetto pubblicate hanno anche registrato un leggero calo di circa l’uno per cento a 410.093. 

“L’anno scorso si è registrato il calo più drastico delle concessioni di brevetti nell’ultimo decennio”, ha affermato Mike Baycroft, CEO di IFI CLAIMS Patent Services.

“POTREBBERO ESSERCI MOLTE RAGIONI PER QUESTO – E CHIARAMENTE ALCUNE SONO LEGATE ALLA PANDEMIA – MA QUELLO CHE STIAMO VEDENDO È CHE LE AZIENDE STANNO ANCORA INNOVANDO A UN RITMO IMPRESSIONANTE NONOSTANTE UN AMBIENTE DIFFICILE, IN PARTICOLARE ENTITÀ CON SEDE NEGLI STATI UNITI E IN ASIA”.
Crollo dei brevetti della stampa 3D

Secondo IFI CLAIMS, l’attività brevettuale può fornire un prezioso indicatore finanziario per ricercatori, analisti e investitori che cercano informazioni sulla produttività di ricerca e sviluppo delle aziende e indizi sulla strategia di PI, nonché sulle tendenze tecnologiche e sul panorama competitivo all’interno di vari settori.

Prima di occupare il nono posto lo scorso anno, la stampa 3D è stata nominata la seconda tecnologia in più rapida crescita nell’edizione 2017 del rapporto, dopo che le domande di brevetto nella classificazione di brevetto B33Y 40 (produzione additiva; operazioni ausiliarie o attrezzature) hanno visto un 35% annuo composto tasso di crescita (CAGR) tra il 2013 e il 2017. 

Al contrario, l’ultimo rapporto di IFI CLAIMS rivela che i brevetti di stampa 3D con il codice CPC B33Y 40 hanno avuto un CAGR di appena il 19,6 percento per il 2021, una cifra che ha perso la tecnologia nella top 20 della classifica. 

Le tecnologie che sono entrate nella top 20 includono sistemi informatici basati su modelli biologici, un’area di interesse significativo per i sostenitori della Big Tech come IBM , Google , Samsung , Microsoft e Intel , e che ha visto un aumento del CAGR del 54% dal 2017- 2021. Altre tecnologie in rapida crescita in termini di dati sui brevetti nel 2021 includevano piante da fiore, dispositivi elettrici per fumare, informatica quantistica, apprendimento automatico e progettazione assistita da computer (CAD). 

Società
N. di applicazioni
Hewlett Packard
214
General  Electric
30
Seiko Epson Corp
28
Desktop Metal
23
Carbon 
20
Hamilton Sundstrand Corp
18
Boeing
17
Xerox
12
Concept laser
10
Continuous Composites
10
Thermwood
10
Stratasys
9
M Innovative Properties
8
Arcam AB
8
Impossible Object
8
Seurat Technologies
8
Siemens
8
C Tec Constellium Technology Center SAS
7
Divergent Technologies
7
Lawrence Livermore National Security
7

Dati di IFI CLAIMS Patent Services.
 
HP rimane in cima alle classifiche dei brevetti

Il rapporto di IFI CLAIMS ha anche rivelato che mentre le aziende con sede negli Stati Uniti erano ancora nettamente al di sopra dei loro colleghi internazionali in termini di concessioni di brevetti nel 2021, le aziende con sede in Cina si sono distinte con il 10% di brevetti in più concessi rispetto all’anno precedente.

Le aziende con sede negli Stati Uniti hanno rappresentato più della metà di tutti i brevetti concessi dall’USPTO nel 2021, per un totale di 150.801. Al secondo posto si sono classificate le società giapponesi con 47.105, seguite da società sudcoreane (21.264), cinesi (20.679) e tedesche (14.663), che hanno costituito le prime cinque.

Le imprese con il maggior numero di domande di brevetto pubblicate nel 2021 per la stampa 3D sono elencate di seguito:

Hewlett Packard (HP) – 214

General Electric (GE) – 30

Seiko Epson – 28

Desktop Metal – 23

Carbon  – 20

Sia HP che GE hanno mantenuto le loro classifiche rispetto allo scorso anno, sebbene entrambe le società abbiano presentato un numero notevolmente inferiore di domande di brevetto nel 2021 rispetto al 2020. Le domande di brevetto di HP si sono più che dimezzate rispetto a 470, mentre le domande di GE del 2021 rappresentano solo il 10% delle 331 depositate l’ultima volta. anno. 

Gli altri tre nomi nella top five hanno sostituito Kinpo Electronics , XYZprinting e Boeing , di cui solo Boeing resta nella top 20 al 7° posto. In particolare, poiché Kinpo Electronics e XYZprinting sono entrambe filiali del Kinpo Group , nel 2020 il gruppo ha registrato un totale di 545 brevetti di stampa 3D nel 2020, il che vede la loro omissione dalla top 20 di quest’anno come un contrasto particolarmente netto. 

Forse la tendenza che spicca di più dai dati sulle domande di brevetto di quest’anno è la totale mancanza di volume rispetto al 2020. Tra queste, le prime cinque imprese citate nell’elenco 2020 di IFI CLAIMS hanno pubblicato un totale di 1.541 domande di brevetto per la stampa 3D. In quella che sembra essere un’enorme crisi, i primi cinque richiedenti di brevetti del 2021 ne hanno pubblicati solo 315 l’anno scorso.

Alcune delle indicazioni sul motivo per cui l’anno scorso ha visto un calo piuttosto notevole delle domande di brevetto per la stampa 3D da parte delle aziende possono essere trovate nelle tendenze della stampa 3D recentemente discusse da oltre 40 CEO, leader ed esperti nello spazio della produzione additiva. Per quanto riguarda se questa tendenza sembra destinata a continuare, scopri cosa hanno da dire sul futuro della stampa 3D mentre prevedono il prossimo decennio.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi