La stampa 3D per la lavorazione di cibi frullati

I ricercatori di Singapore stanno sviluppando processi di stampa 3D per la lavorazione di cibi frullati

Un team di ricerca di Singapore ha sviluppato un processo di stampa 3D con il quale è possibile elaborare verdure fresche e congelate in purea con una stampante 3D. Il mosto di verdure 3D non dovrebbe solo consentire pasti visivamente accattivanti per le persone con difficoltà di deglutizione e allo stesso tempo dare sollievo agli assistenti. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno anche ottenuto proprietà migliorate in termini di gusto e durata di conservazione della purea di verdure stampata in 3D.

I ricercatori della Nanyang Technological University ( NTU Singapore ) di Singapore , della Singapore University of Technology and Design ( SUTD ) e del Khoo Teck Puat Hospital ( KTPH ) hanno prodotto inchiostri alimentari con verdure fresche e congelate. Tipicamente, tali inchiostri sono prodotti da alimenti frullati in forma liquida e semisolida. Questi vengono estrusi attraverso un ugello 3D e assemblati strato per strato, come spiega NTU Singapore in un comunicato stampa .

Hanno pubblicato il loro lavoro in un articolo intitolato ” Stampa alimentare 3D di verdure fresche utilizzando idrocolloidi alimentari per pazienti disfagici “. La Deakin University ha sperimentato la stampa di alimenti per pazienti con difficoltà di deglutizione tre anni fa .

I pazienti con difficoltà a deglutire spesso ricevono cibo in forma di purea. Per renderlo più coinvolgente, gli operatori sanitari stanno modellando il cibo con stampi in silicone. Questo poi deve essere immagazzinato in un modo costoso e complicato. Gli alimenti stampati in 3D spesso contengono additivi in ​​concentrazioni elevate che i pazienti con difficoltà di deglutizione trovano sgradevoli. Il team di ricerca voleva cambiare la situazione con una combinazione di verdure fresche e congelate per inchiostri alimentari stabili.

“Con la lavorazione del cibo nel processo di stampa 3D, anche il cibo è diventato più resistente e più gustoso”.

Il processo di stampa 3D dei ricercatori ha anche reso il cibo più resistente e gustoso . Ora le persone coinvolte sperano che ciò porti a un aumento dell’assunzione di cibo per i pazienti e a una salute migliore. I ricercatori hanno anche diviso le verdure in tre categorie a seconda del trattamento idrocolloidale per renderle stampabili.

I ricercatori sulla procedura
Il professor Yi Zhang, capo ricercatore del team NTU, ha dichiarato:

“La nostra tecnologia aiuta i pazienti con difficoltà a deglutire a mangiare adeguatamente nutrienti e sicuri. Le loro diete sono più degne e consentono loro di consumare pasti dall’aspetto, dalla sensazione e dal gusto buoni. Il nostro metodo di stampa 3D di verdure fresche può essere facilmente utilizzato in ospedali, case di cura, asili nido per la popolazione anziana con disfagia e altri disturbi della deglutizione. La nostra ricerca è anche un altro progresso nell’ospitalità digitale. Siamo in grado di soddisfare le esigenze dei dietisti con aggiustamenti nutrizionali e appeal visivo “.

Gladys Wong, Co-Principal Investigator e Senior Principal Dietitian di KTPH ha dichiarato:

“La stampa 3D di alimenti è più di una novità. Credo che questo sarà un approccio praticabile per nutrire la nostra popolazione sempre più anziana nel prossimo futuro. I nostri pazienti anziani così come i pazienti con difficoltà di deglutizione possono godere di un’esperienza culinaria visivamente presentabile e piacevole anche con una dieta restrittiva con piatti ben frullati “.

Be the first to comment on "La stampa 3D per la lavorazione di cibi frullati"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi