La stampante 3D iFactory One

La stampante 3D iFactory One è dotata di protezione dagli errori di intelligenza artificiale

Se chiedessi, quali diresti sono i cinque errori di stampa 3D più comuni? Secondo la startup tedesca di stampa 3D iFactory3D , la risposta è spaghetti, oggetti staccati, deformazione, incordatura e stampa ad aria, con cui tenderei ad essere d’accordo. Ma la società sta ora lanciando quella che chiama la prima stampante 3D con un sistema di protezione dagli errori di stampa basato sull’intelligenza artificiale incorporato che renderà discutibili questi e altri problemi.

La stampante 3D a cintura iFactory One a forma di piramide è dotata di PrinterGUARD, un nuovo sistema di protezione dagli errori di stampa in grado di identificare questi cinque errori comuni. Inoltre, la startup afferma anche che i suoi algoritmi AI di autoapprendimento saranno presto in grado di riconoscere fino a venti tipi di errori di stampa, che PrinterGUARD dovrebbe essere in grado di eliminare.

“Un sondaggio privato di 1.000 utenti di stampanti 3D ha rilevato che questi errori di stampa si verificano in circa il 20% di tutti i casi”, ha dichiarato Artur Steffen, CEO di iFactory3D, in un comunicato stampa. “Prima che iFactory One entrasse nel mercato, la diagnostica degli errori e l’aspetto umano portavano a grandi perdite per i produttori. Ma il rapporto dei difetti può essere ridotto al minimo mediante la soluzione 3D personalizzata. “

Steffen, un imprenditore seriale, ha avviato una società cleantech con l’inventore e ingegnere chimico Martin Huber nel 2018 che si concentrava sulla creazione di un sistema di sostenibilità innovativo e, dopo un arduo processo di ricerca e sviluppo, hanno trovato la loro risposta nella stampa 3D su cintura . Sfortunatamente, all’epoca non esisteva un sistema di cinture AM a prezzi accessibili, motivo per cui Huber, secondo il sito iFactory3D, ha deciso di “costruire il progetto di cintura 3D open source a basso budget e lo ha pubblicato su Thingiverse”.

“Con l’aiuto di questa stampante da cintura di nuova concezione, Artur e Martin sono stati in grado di semplificare rapidamente la loro prototipazione”, continua il sito web.

Huber ha ideato specificamente l’idea di iFactory One quando era impegnato a stampare in 3D parti molto costose per un dispositivo. Decise di stampare le parti da solo e finì per acquistare abbastanza stampanti per costituire una fattoria di stampa 3D, ma presto si rese conto che la supervisione di tutte le stampanti avrebbe richiesto molto tempo. Decise di progettare una stampante FDM migliore e inventò iFactory One multifunzione, che consente a designer, hobbisti e produttori di stampare prototipi e parti di lunghezza infinita senza dover essere sul posto per controllare il processo di stampa .

Uno dei fondatori di iFactory3D ha dichiarato: “Non ho mai voluto essere incatenato alle mie stampanti 3D”.

La nuova iFactory One può stampare ad angolo, anche con una superficie imperfetta, grazie alla sua forma piramidale, e potrebbe facilmente sostituire una grande azienda di stampanti 3D grazie a un’estremità calda a 45 ° e un meccanismo a cinghia integrato appositamente progettato. Presenta un volume di costruzione di 180 x 290 mm, con una lunghezza infinita, il che significa che la maggior parte delle parti non richiederà alcuna struttura di supporto o riempimento. La versione di Cura Engine di iFactory3D viene utilizzata per lo slicing, insieme alla sua versione di Octoprint / Octoscreen per l’interfaccia utente, e la stampante può essere utilizzata con materiali ABS, ASA, PC, PETG, PC, PLA, TPU e NYLON. È possibile stampare più di un oggetto di seguito, in quanto iFactory One è una stampante da cintura; la rotazione rilascerà le parti completate e, se necessario, è possibile utilizzare un raschietto collegato al sistema.

Altre caratteristiche e specifiche di questo sistema desktop compatto includono:

monitoraggio della stampa in tempo reale tramite una videocamera HD
controllo remoto della stampante basato su cloud
cintura in polimero durevole
piastra di costruzione riscaldata
Velocità di stampa 20-100 mm / s
Diametro del filamento 1,75 mm
Ugello intercambiabile da 0,4 mm
15 kg

Steffen e Huber hanno fondato ufficialmente iFactory3D a Dusseldorf questo luglio e hanno ricevuto un contributo finanziario il mese scorso dall’acceleratore di affari della Germania occidentale e dallo spazio di co-working startup STARTPLATZ. Il prossimo passo nel processo di sviluppo per la stampante 3D iFactory One della startup è il lancio di una campagna Kickstarter, che inizierà presto e mirerà a raccogliere più di $ 100.000.

Be the first to comment on "La stampante 3D iFactory One"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi