REGENHU R-GEN

REGENHU presenta nuovi bioprinter, software e altro per rinnovare il business

La società biomedica innovativa REGENHU ha appena lanciato i suoi bioprinter 3D e software di nuova generazione come parte della sua missione in corso di rivoluzionare la medicina. Chiamati serie R-GEN , i nuovi sistemi consolidano anni di sviluppo sui dispositivi di bioprinting e mirano a eccellere in ergonomia, qualità, cordialità e prestazioni.

Ogni bioprinter R-GEN è configurata personalmente per soddisfare specificamente gli obiettivi di ricerca su misura dei suoi utenti. Combinano la tecnologia di getto, erogazione a contatto e elettro-filatura e scrittura, consentendo la creazione di micro e nano fibre, con una gamma completa di opzioni di processo ausiliario per costruire costrutti carichi di celle semplici o complessi. Al momento, REGENHU offre due versioni della serie, un bioprinter 3D da tavolo chiamato R-GEN 100 e una stazione di bioprinting 3D più grande in un recinto di biosicurezza, l’R-GEN 200.

Insieme a SHAPER, il nuovo software di gestione della bioprinting, le piattaforme sono progettate per coprire l’intero processo di biofabbricazione, incluso il monitoraggio passo passo e l’adattamento completo e in tempo reale dei parametri di bioprinting per garantire livelli impareggiabili di qualità di stampa e ripetibilità in modo più semplice , modo più efficiente. La nuova serie offrirà ai ricercatori di tutto il mondo l’uso di architetture di progettazione complesse per un’ampia gamma di applicazioni, dai tessuti ingegnerizzati, come pelle, ossa e cartilagine, alla scoperta di farmaci, oltre a contribuire alla produzione di composti farmaceutici personalizzati.

“La piattaforma R-GEN e SHAPER sono stati progettati per stare al passo con le esigenze in continua evoluzione dei nostri partner al fine di far evolvere la ricerca e le applicazioni cliniche nel campo del bioprinting”, ha affermato Simon MacKenzie, amministratore delegato di REGENHU. “Il nostro impegno nei confronti dei nostri utenti, presenti e futuri, è che rimarremo con loro durante il loro viaggio, con strumenti di bioprinting che migliorano la loro capacità di realizzare i loro obiettivi di ricerca, per quanto ambiziosi”.

Nelle nuove bioprinter 3D R-GEN e nel software SHAPER, REGENHU combina il design italiano con l’ingegneria di precisione svizzera. A 160 chilogrammi, la R-GEN 100 da tavolo occupa meno di un metro quadrato e può ospitare fino a cinque strumenti di stampa con capacità di controllo della temperatura individuale. Oltre a un sistema di montaggio sottovuoto del campione, quattro diverse zone di lavoro di stampa con opzioni di controllo della temperatura, sistemi di calibrazione dell’ago e del substrato e fotopolimerizzazione per la reticolazione del materiale in-process, gli utenti possono persino regolare i parametri in tempo reale.

L’R-GEN 200 ha capacità simili, ma a 600 chilogrammi occupa un posto di lavoro molto più ampio e viene fornito con un computer, una custodia di sicurezza biologica di tipo II, sistemi antivibranti incorporati, una lampada germicida a ultravioletti e un banco da lavoro configurabile.

Il lancio delle nuove piattaforme sta avvenendo in un momento in cui il campo del bioprinting si sta rapidamente evolvendo fino a diventare uno strumento cruciale per i ricercatori, soprattutto nel contesto odierno, con una pandemia che ha preso il sopravvento per gran parte del 2020. Inoltre, il New York Times di recente ha riconosciuto che la stampa di tessuti umani non solo potrebbe essere utilizzata per testare potenziali trattamenti per il cancro e altre malattie, ma potrebbe trasformarsi in una “possibile arma” contro il coronavirus COVID-19 recentemente scoperto.

Nell’ultimo decennio, il bioprinting si è evoluto dalla creazione di tessuti a strutture più complesse con l’obiettivo finale di ricreare tessuti e organi umani per trapianti e riparazioni. Mentre gli organi di bioprinting sono ancora lontani nel futuro, la tecnica continua a essere perfezionata poiché i ricercatori sono sempre più interessati a sfruttare la tecnologia. Apertura di una gamma di applicazioni in campo medico per offrire trattamenti nuovi e innovativi a condizioni complicate, come lesioni traumatiche acute o malattie degenerative croniche

Le sfide per coloro che sono in prima linea nella ricerca includono la necessità di processi di stampa, tecnologie e strumenti più affidabili, efficienti ed economici per fornire con successo celle con elevata vitalità cellulare e per progettare complessi costrutti multi-materiale.

Per REGENHU orientato alla ricerca, lo sviluppo di piattaforme di bioprinting per assistere la ricerca e le comunità scientifiche fa parte del suo nucleo. Il pioniere con sede in Svizzera è stato fondato nel 2007 con l’obiettivo di rivoluzionare la medicina. Nel novembre 2019, il biochimico e direttore aziendale scientifico Simon MacKenzie è diventato il nuovo CEO di REGENHU . Seguendo le orme del fondatore ed ex CEO dell’azienda Marc Thurner, che ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione e nel plasmare l’attività e recentemente ha lasciato per creare una nuova startup , MacKenzie ha esplorato nuove opportunità per l’azienda.

Da allora, l’azienda ha subito diversi cambiamenti. Ora possiamo trovare un nuovo logo, sito, software e una nuova linea di firma di bioprinter. L’azienda suggerisce di poter configurare le piattaforme R-GEN per eseguire progetti di ricerca e sviluppo in un’ampia gamma di applicazioni, tra cui ingegneria dei tessuti, medicina rigenerativa , modelli di scoperta di farmaci cellulari complessi e formulazione di compresse di farmaci per la medicina personalizzata. Tuttavia, REGENHU ha tre aree particolari di interesse attivo: stampa della pelle umana, medicina personalizzata e modelli di scoperta di farmaci cellulari.

Beneficiando di una rete di partnership globali con i principali innovatori scientifici e attori industriali, REGENHU sta cercando di rimanere in prima linea nel campo del bioprinting. Con la tecnologia che si evolve insieme alle esigenze di ricerca dei suoi partner mentre continua ad espandersi in nuove aree di applicazione. Come ha detto MacKenzie a 3DPrint.com all’inizio di quest’anno, “poiché non possiamo raggiungere il nostro obiettivo finale da soli, sono qui per coltivare le importanti connessioni con la nostra comunità di utenti. Solo ascoltando le loro preziose intuizioni e risolvendo i problemi con loro, spingeremo la tecnologia in avanti “.

Be the first to comment on "REGENHU R-GEN"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi