La rincorsa dopo i successi cinesi nella tecnologia ipersonica
La US Naval Surface Warfare Center Dahlgren Division (NSWCDD) ha annunciato che raddoppierà lo sviluppo della tecnologia missilistica ipersonica e sta utilizzando processi di produzione avanzati come la stampa 3D per farlo.

La divisione ha recentemente svelato il suo piano strategico per il 2021-2025, che dà la priorità al progresso delle armi ipersoniche nel tentativo di stabilire Dahlgren come Surface Navy Lead nell’integrazione dei sistemi di armi ipersoniche. Questa “spinta tecnologica ipersonica” mira in definitiva a sviluppare una forza lavoro di difesa sostenuta dedicata alle tecnologie ipersoniche.

Nell’ambito dell’iniziativa, Dahlgren ha già avviato diverse collaborazioni con altre agenzie del Dipartimento della Difesa (DoD), partner industriali ed esperti accademici attraverso il Consorzio per la tecnologia e l’innovazione delle superfici navali e il Consorzio per l’educazione all’ingegneria della marina. Ciò include il Johns Hopkins University Extreme Materials Institute e il 3D Printing Center dell’Università di Miami .

“Veniamo al lavoro ogni giorno alla ricerca di modi per mettere nuove capacità nelle mani dei nostri combattenti”, ha affermato Adam Jones, capo della divisione ipersonica avanzata e munizioni guidate del NSWCDD. “Le armi ipersoniche offensive e difensive daranno alla nostra Marina il vantaggio di cui ha bisogno per mantenere la superiorità navale contro i nostri avversari”.

 

Il volo ipersonico è definito come una velocità di almeno Mach 5, che è cinque volte la velocità del suono o circa 6.800 miglia all’ora. Con la tecnologia aeronautica di oggi, un volo da Los Angeles a New York impiega circa cinque ore, ma a Mach 5 ci vorrebbero solo 40 minuti. Quando viene applicata al mondo della difesa, la tecnologia trova impiego nei missili ipersonici, portatori di testate ad alta velocità che sono molto più difficili da intercettare per i sistemi di difesa aerea.

Impressionato? Così è il Dipartimento della Difesa. Nel 2020, gli Stati Uniti hanno classificato le armi ipersoniche e i sistemi anti-ipersonici in cima alla lista delle principali priorità di modernizzazione della tecnologia, il che significa che dovrebbero essere uno strumento estremamente utile una volta pronti sul campo.

Dahlgren in prima linea

Il NSWCDD è adatto a guidare gli sforzi di avanzamento della tecnologia ipersonica degli Stati Uniti in quanto ha già una vasta storia di sostegno a progetti simili. Dopo la seconda guerra mondiale, Dahlgren ha supervisionato uno studio di fattibilità relativo ai cannoni iperveloci per difendersi da aerei e missili supersonici, che all’epoca erano futuristici. Nel corso dei decenni da allora, il NSWCDD ha anche sviluppato un software per lanciare i missili balistici ad alta velocità basati su sottomarini della Marina, oltre a progettare un ramjet in grado di volare a Mach 4.

“NSWCDD ha oltre sessant’anni di esperienza nello sviluppo, test e valutazione di materiali avanzati per sistemi che operano in ambienti termici e ablativi estremi, come nel caso dei veicoli ipersonici e di rientro: è nel nostro DNA”, ha aggiunto la dott.ssa Pearl Rayms -Keller, capo scienziato del dipartimento dei sistemi strategici e informatici NSWCDD.

Recentemente, la divisione ha ricevuto oltre 4 milioni di dollari in investimenti interni per finanziare 22 progetti ipersonici Naval Innovative Science Engineering (NISE), che includono lo sviluppo di nuovi materiali ipersonici e simulazioni ipersoniche avanzate. In collaborazione con il 3D Printing Center dell’Università di Miami, i team di ricerca della divisione avranno ora a disposizione sistemi di produzione additiva, il che significa che saranno in grado di sfruttare tempi di ciclo migliorati, flessibilità di progettazione e produzione senza attrezzi per accelerare i loro sforzi di sviluppo ipersonici .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi