LA STAMPA 3D PER AIUTARE A COSTRUIRE IL NUOVO COLLEGAMENTO FERROVIARIO AD ALTA VELOCITÀ HS2 DEL REGNO UNITO DAL 2022

Gli appaltatori dietro il terminal londinese della prossima rete ferroviaria High Speed ​​2 (HS2) del Regno Unito hanno rivelato che intendono iniziare a utilizzare    all’interno della sua costruzione dal prossimo anno. 

Utilizzando una tecnologia nota come “Printfrastructure”, gli sviluppatori mirano a creare lastre di cemento in loco anziché spedirle lì, sbloccando la costruzione costante del tunnel e limitando l’interruzione delle linee esistenti. Il processo inizierà nel 2022 e vedrà anche l’uso di cemento infuso di grafene invece dell’acciaio in alcune aree, consentendo potenzialmente di costruire la linea in modo più rapido e sostenibile rispetto a prima. 

“L’automazione resa possibile dalla stampa 3D in cemento armato di Printfrastructure crea un ambiente simile a una fabbrica che offre un prodotto di alta qualità”, ha affermato Andrew Duck, Temporary Works Manager presso gli appaltatori SCS JV. “È importante dare a tecnologie come Printfrastructure l’opportunità di prosperare grazie alle possibilità che offre al settore di fare un cambiamento radicale”. 

“LA STAMPA 3D IN CEMENTO ARMATO DI PRINTFRASTRUCTURE AUMENTA L’USO EFFICIENTE DEI MATERIALI E RIDUCE LA NOSTRA IMPRONTA DI CARBONIO”.

Negli ultimi 20 anni, i viaggi in treno sono più che raddoppiati nel Regno Unito e, nonostante siano stati investiti oltre 74 miliardi di sterline in miglioramenti della rete, Network Rail non è stata in grado di tenere il passo con la domanda. Mentre potrebbe essere possibile combattere il sovraffollamento con ulteriori aggiornamenti, si stima che ciò porterebbe a 2.700 chiusure di fine settimana nei prossimi 15 anni, causando significative interruzioni dei viaggi in tutto il paese. 

Con l’obiettivo di evitare ciò, il Dipartimento dei trasporti del Regno Unito ha fondato una società chiamata HS2 nel 2009, creata per costruire una linea con una capacità giornaliera di 300.000 persone, che collega Londra alle città del nord come Manchester e Leeds. Tuttavia, sin dal suo lancio, il progetto è stato criticato per aver causato interruzioni, non essendo all’altezza della sua portata iniziale e del suo budget a spirale, che si dice abbia superato i 44 miliardi di sterline. 

A peggiorare le cose, il COVID-19 ha ritardato la costruzione in molti siti HS2, secondo quanto riferito , portando il progetto a consumare il suo budget di emergenza di 1,7 miliardi di sterline e richiedendo ulteriori finanziamenti in futuro. Alla luce delle disavventure di HS2, la decisione dell’azienda di adottare la stampa 3D potrebbe ora essere vista come un tentativo di riportare il progetto in carreggiata, soprattutto in considerazione della velocità della tecnologia e del potenziale di automazione. 

 

Dopo essere stata incaricata della costruzione dei tunnel londinesi di HS2, SCS JV, una joint venture tra Skanska , Costain e STRABAG , si è ora rivolta a ChangeMaker 3D e alla sua tecnologia per ottimizzare il processo. Conosciuto come “Printfrastructure”, il processo proprietario dell’azienda prevede l’utilizzo di stampanti 3D robotizzate controllate da computer per creare con precisione strutture in calcestruzzo complesse secondo le specifiche.

Una volta schierati in loco presso il terminal londinese di HS2, si pensa che questi robot saranno in grado di accedere ad aree altrimenti fisicamente limitate, riducendo la necessità di piani logistici complessi e costosi. La natura automatizzata del processo di ChangeMaker 3D gli conferisce inoltre il potenziale per ridurre qualsiasi interruzione del viaggio indotta dall’edificio, dato che i servizi dovrebbero normalmente essere sospesi per garantire la sicurezza dei lavoratori. 

Come ulteriore vantaggio, gli appaltatori prevedono che la tecnologia consentirà la creazione di strutture reticolari interne, che non sono solo rinforzate ma utilizzano anche meno materiale, e con questo in mente, stanno anche lavorando con Versarien per integrare il grafene in 3D calcestruzzo stampabile, potenzialmente consentendo loro di ridurre l’impronta di carbonio complessiva del progetto. 

In definitiva, SCS JV ritiene che l’implementazione della tecnologia di ChangeMaker 3D potrebbe consentire di ridurre le quantità di cemento e carbonio dei tunnel fino al 50%. Inoltre, rimuovendo l’acciaio dall’equazione e riducendo la sua dipendenza dai camion che consumano gas, l’azienda ritiene che l’adozione della stampa 3D possa aiutare a rendere l’intera operazione più ecologica in futuro.

“Il progetto a cui stanno collaborando SCS JV e ChangeMaker 3D è una fantastica dimostrazione del tipo di innovazioni di vasta portata abilitate da HS2”, ha affermato Rob Cairns, Innovation Manager di HS2. “Con un programma di costruzione che abbraccia il decennio e in tutto il paese, il progetto sta creando un ambiente ideale per sviluppare tecnologie con il potenziale per trasformare il modo in cui vengono costruite le principali infrastrutture”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi