Le ultime novità sulla stampa 3D su vetro di Lios Design
 
C’è uno studio di design che si concentra sull’uso del vetro fuso stampato in 3D.

Ci sono molti materiali insoliti che le persone stampano in 3D in questi giorni, ma uno di cui non sentiamo spesso parlare è il vetro. Sì, lo stesso materiale trasparente che vediamo e tocchiamo ogni giorno.Si scopre che è un materiale incredibilmente impegnativo per la stampa 3D, ma nonostante ciò esiste uno studio di design che si concentra sulla stampa 3D del vetro fuso. Lios Design è stata fondata da ex studenti del MIT, Daniel Lizardo e Michael Stern, che hanno originariamente sviluppato la stampa 3D in vetro fuso come progetto di ricerca nel lontano 2015. Il nostro rapporto sulla stampa 3D in vetro, o ” G3DP ” come lo chiamano, descrive il processo . 
Ma come rapido recupero, la stampa 3D su vetro richiede temperature molto estreme, forse le più alte per qualsiasi tipo di stampa 3D eseguita oggi. G3DP estrude il vetro fuso a 1000 ° C in una camera di costruzione riscaldata a 500 ° C per evitare di rompere il vetro mentre si raffredda.E per “estrusione” intendo “gocciolante”. Il processo G3DP non prevede alcun meccanismo per spingere in avanti il ​​flusso del vetro. Invece usa la gravità!

La stampante G3DP può contenere fino a 50 libbre (23 kg) di materiale in ingresso di vetro. Questo viene riscaldato alle temperature estreme richieste, dopodiché fuoriesce dal fondo attraverso un ugello in ceramica.

 
Come si potrebbe sospettare, la portata rallenta man mano che la quantità di materiale si esaurisce. Per contrastare questo effetto, il serbatoio del materiale della stampante G3DP è una vasca molto ampia che riduce al minimo le incoerenze della gravità. Forse in futuro potrebbero aggiungere un mezzo per controllare il flusso.

C’è un’implicazione di questo metodo di estrusione: devi davvero usare l’estrusione continua senza interruzioni, poiché controllano il processo solo tramite la temperatura. Ciò limita in qualche modo la geometria dei modelli 3D prodotti.


Mentre l’ugello rimane fermo, il piano di stampa viene spostato sugli assi X, Y e Z, oltre a ruotare. Il movimento di rotazione è stato aggiunto per aiutare a contrastare le sfortunate proprietà di isteresi del vetro: se si cambia la direzione, il flusso non si muove immediatamente come farebbe per un’estrusione termoplastica. Ruotando la piastra di costruzione sono in grado di ridurre al minimo questo effetto attraverso alcuni movimenti GCODE subdoli.


In un post di Reddit, Lizardo descrive questo insolito processo di estrusione:

“È una specie di modalità vaso pazza. Ci sono comportamenti materiali strani a causa di quanto sia viscoso ed elastico. Gli sbalzi e il raggio minimo sono dinamici e molto dipende dalla lunghezza del percorso.

La materia prima è un crogiolo di vetro completamente fuso a ~ 1000 ° C, alimentato per gravità attraverso un ugello in ceramica, la cui punta si trova nel soffitto della camera di costruzione, che viene riscaldata a ~ 500 ° C per evitare che il materiale scenda al di sotto della sua temperatura di ricottura. “
Una proprietà interessante di queste stampe 3D in vetro è che sono completamente isotropiche: gli strati si legano completamente tra loro, rendendo le stampe risultanti impermeabili alle perdite. Tuttavia, il processo presenta problemi nella creazione di parti superiori e inferiori, quindi ciò limita l’utilizzo.


Finora la tecnologia è stata utilizzata principalmente per produrre progetti di illuminazione e applicazioni simili e il sito Web di Lios Design ha molte immagini di tutti i tipi di esperimenti e prodotti che hanno prodotto in passato. Ho l’impressione che stiano cercando nuovi tipi di applicazioni, da qui la necessità di questa storia.

Se hai bisogno di strutture in vetro progettate digitalmente, Lios Design potrebbe essere in grado di aiutarti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi