L’ Università del New South Wales (UNSW) ha accettato di aiutare i suoi compatrioti della start-up di costruzioni australiana Luyten a velocizzare la ricerca e lo sviluppo di una macchina in grado di stampare in 3D strutture lunari. 

Lavorando come parte del “Progetto Meeka”, le organizzazioni intendono accelerare lo sviluppo e il test di una nuova stampante 3D per regolite lunare montata su un portale. Chiamato scherzosamente “Platypus Galacticas”, il sistema è progettato per consentire la rapida costruzione di infrastrutture lunari di dimensioni fino a 9 m x 12 m e, in definitiva, aiutare le ambizioni dell’Australia a stabilire una presenza permanente sulla superficie lunare. 

“Siamo assolutamente lieti ed estremamente onorati di collaborare con l’UNSW per rendere possibile la costruzione sulla Luna”, ha affermato il CEO di Luyten Ahmed Mahil. “UNSW è rinomata per la sua leadership accademica e la ricerca di livello mondiale e non potremmo essere più felici di lavorare insieme. La nostra partnership consoliderà il ruolo di primo piano dell’Australia nell’economia spaziale in rapido sviluppo del mondo”.

“LA NOSTRA ESPERIENZA E PASSIONE COMBINATE PER RISULTATI DI COSTRUZIONE INNOVATIVI ED ECCEZIONALI, AIUTERÀ LA RAZZA UMANA AD ACCELERARE LA COLONIZZAZIONE DELLA LUNA E DI ALTRI PIANETI”.


Il portfolio di Platypus di Luyten 

Fondata lo scorso anno, Luyten è una start-up con l’obiettivo dichiarato di “colmare il gap tecnologico” tra il settore edile e quello manifatturiero. Nel tentativo di raggiungere questo obiettivo, l’azienda ha sviluppato una linea di stampanti 3D modulari in calcestruzzo “Platypus”, che non solo vende per $ 31-35.850 (USD), ma commercializza come servizio per la costruzione di enormi strutture una tantum. 

Al momento, il portafoglio di Luyten include sia l’originale entry-level Platypus che il suo sistema Expeditionary più avanzato . Sebbene le macchine presentino un layout a portale simile, il primo è progettato per rendere praticabili prototipi complessi di stampa 3D per i nuovi arrivati ​​nell’architettura, mentre il secondo è costruito per fornire una maggiore mobilità agli utenti, consentendo loro di scalare la costruzione in loco dove desiderato. 

L’azienda ha anche iniziato a sviluppare un’altra edizione incentrata sulla portabilità dell’ornitorinco chiamata “X12”, che può essere trasformata in una stampante 3D da 12 m x 16 m entro venti minuti. Poco si sa del sistema in arrivo, ma si dice che la sua scalabilità sia abilitata da un trasformatore robotico e Luyten ha dichiarato che sarà un’unità “robusta, mobile e leggera”.  

Prima dell’annuncio di Meeka, le tecnologie dell’azienda erano state saldamente destinate alle applicazioni per l’edilizia domestica qui sulla terraferma, con la “prima struttura stampata in 3D conforme” dell’emisfero australe che sarebbe stata costruita nel dicembre 2021. Tuttavia, dopo aver identificato il costo, il ritmo e potenziale di personalizzazione dell’Ornitorinco qui sulla Terra, Luyten ha ora messo gli occhi anche su siti extraterrestri. 

“Quando abbiamo sviluppato le nostre rivoluzionarie stampanti 3D per cemento, pensavamo di risolvere i problemi di costruzione e costruzione in tutto il mondo”, ha spiegato Mahil. “Ma con le discussioni attualmente in corso con persone dell’industria spaziale, stiamo ora cercando di risolvere i problemi di costruzione e costruzione sulla Luna. Di conseguenza, abbiamo commissionato il Progetto Meeka”.

Come parte di un memorandum d’intesa (MoU) tra le organizzazioni, l’UNSW si è ora impegnato a contribuire allo sviluppo di una nuova aggiunta alla formazione Luyten: i Platypus Galacticas. Essendo costruito con il nome in codice Project ‘Meeka’ (che significa Luna in aborigeno australiano), la macchina è impostata per essere leggera ma più grande degli altri Platypus a 3 m x 4 m, nonché scalabile e compatibile con la regolite lunare.

Una volta terminata, la stampante 3D dovrebbe ridurre la quantità di macchinari e materiali che devono essere lanciati sulla Luna, nel caso in cui gli astronauti australiani cerchino di costruirvi una base permanente. Impiegando un tale approccio basato sulla progettazione CAD per erigere insediamenti, il professore associato dell’UNSW Matthias Haeusler afferma che potrebbe anche essere possibile renderli personalizzati in modo univoco lunare.

“Con la progettazione computazionale, si ha un metodo per progettare gusci protettivi per gli habitat sulla luna – con una considerazione fondamentale sui requisiti per l’habitat umano in mente”, ha affermato Haeusler. “[Ad esempio], consente alle conoscenze scientifiche su come proteggere gli esseri umani dalle radiazioni solari e cosmiche di alimentare uno script che genera un rifugio con gli oltre 80 centimetri di materiale solido necessari”.

Il progetto è già in una fase in cui le organizzazioni stanno mettendo a punto e testando diversi materiali e progetti lunari, ma la tecnologia rimane ancora molto lontana dall’uso finale. Se dispiegati sulla Luna, ad esempio, i Platypus Galacticas dovrebbero essere preceduti da rover per l’estrazione di regolite, che a loro volta dovrebbero trasportare materiali alla base dove potrebbero essere sinterizzati in qualcosa di stampabile. 

Secondo Mahil, tuttavia, i vantaggi dello sviluppo di tali tecnologie scalabili non si faranno sentire solo sulla Luna, ma anche qui sulla Terra, e la missione è destinata a fornire conoscenze che informeranno anche la costruzione di abitazioni in climi estremi. 

“Molte delle comodità quotidiane che gli australiani si aspettano, sono in realtà sostenute da tecnologie spaziali”, ha concluso Mahil. “È facile dimenticare che cose come l’accesso a Internet, le previsioni del tempo, il GPS, l’online banking e le risposte alle emergenze ai disastri naturali, dipendono fortemente dalle innovazioni che fluttuano nello spazio sopra la superficie terrestre”. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi