Uno studente di veterinaria costruisce protesi stampate in 3D per cani feriti

 
Le tecnologie di stampa 3D raggiungono costantemente nuove aree di nicchia in cui c’è bisogno di oggetti personalizzati. Ora, Maciej Szczepański, uno studente del quinto anno di medicina veterinaria presso l’Università di scienze ambientali e della vita di Breslavia in Polonia, ha portato con successo la tecnologia moderna nel mondo animale con un’incredibile missione in mente.

Le avventure di Szczepański  nella stampa 3D sono iniziate quando ha  notato che l’uso di protesi animali in Polonia non era così popolare come, ad esempio, negli Stati Uniti. Szczepański si è poi incaricato di aiutare molti animali bisognosi. “Volevo creare protesi che migliorassero la qualità della vita di un animale che la utilizzerà”, ha affermato  Szczepański.I suoi primi due pazienti furono Sonia e Leto, due cani vittime di tragici incidenti stradali. Per aiutare queste adorabili creature,  Szczepański ha iniziato il suo progetto utilizzando l’  alginato,  un polisaccaride commestibile presente in natura che si trova nelle alghe brune,  per dare un’impronta ai moncherini dei cani che ha poi riempito con uno speciale cerotto in ceramica.Con l’uso di una Zortrax Inventure, progetta e costruisce protesi stampate in 3D per cani feriti, offrendo loro una nuova prospettiva di vita.


Durante l’esplorazione del campo dell’ortopedia animale e l’apprendimento dei metodi per aiutare gli animali feriti, Maciej ha notato che l’uso di protesi animali in Polonia non è così promosso come, ad esempio, negli Stati Uniti. A questo punto, la sua idea di aiutare gli animali ha preso vita.

“Volevo creare protesi che migliorassero la qualità della vita di un animale che la utilizzerà”, afferma Maciej, che ha dato il via al suo progetto aiutando due cani – Sonia e Leto – vittime di incidenti stradali. Maciej inizia il lavoro su un arto artificiale e usa l’alginato, un polimero anionico presente in natura tipicamente ottenuto dalle alghe brune, per dare un’impronta al moncone del cane. L’impronta viene quindi riempita con uno speciale gesso ceramico.


Successivamente, il futuro veterinario 3D scansiona il calco ottenuto di un arto residuo in modo che il progettista 3D possa preparare un modello 3D digitale. Avere una stampante 3D consente allo studente di testare vari livelli di riempimento e valutare la durata della parte stampata.

Maciej usa le viti per assemblare i tre componenti della protesi e mette uno strato di stoffa all’interno della presa stampata in 3D per aumentare il comfort del cane. Ora l’oggetto è pronto per essere indossato dal cane. “Grazie alla stampa 3D, sono stato in grado di creare le protesi su misura adatte alle esigenze speciali dell’animale”, afferma lo studente .


Un fatto interessante è che Leto ha impiegato solo 15 minuti per abituarsi alla sua nuova protesi, l’ha accettata e ha iniziato a muoversi con essa quasi come un cane sano. L’intero processo per ottenere la protesi pronta e passarla all’animale che ne ha bisogno non richiede più di tre giorni.

Maciej vede la stampa 3D come uno strumento che gli consente di creare articoli altamente personalizzati con costi ridotti al minimo durante il processo. Vuole espandere la sua attività di consegna di arti artificiali a cani feriti ed è in procinto di costituire una start-up che fornirà supporto duraturo agli animali con problemi ortopedici.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi