Magic Queen alla 17a Biennale di Architettura di Venezia 2021 un paesaggio stampato in 3D con un braccio robotico giardiniere

Il braccio robotico come giardiniere mantiene il paesaggio stampato in 3D “Magic Queen”
 
Alla 17a Biennale di Architettura di Venezia 2021, un paesaggio stampato in 3D chiamato “Magic Queen” è stato in mostra dalla fine di maggio. Questo è “fornito” da un braccio robotico che funge da giardiniere. Visione artificiale, intelligenza artificiale e robotica sono due dei tanti fattori che rendono possibile questo lavoro. Vi presentiamo l’intero progetto, compreso il paesaggio creato con la stampa 3D, in modo più dettagliato.
 
Alla Biennale di Architettura di Venezia del 2021 verrà presentata la “Magic Queen” , un paesaggio realizzato con una stampante 3D curato da un robot “giardiniere”. La struttura biodegradabile, composta da 90 tonnellate di suolo locale, è stata stampata direttamente in sede nell’arco di tre mesi. Durante la manifestazione ospiterà diverse specie di piante e funghi.

Dietro il progetto c’è MAEID , un team interdisciplinare guidato da Daniela Mitterberger e Tiziano Derme. Il paesaggio è concepito come un habitat costruito in grado di ripristinarsi e mantenersi e ridefinire il ruolo dei sistemi viventi in architettura, come spiega MAEID in un’intervista a Designboom . Abbiamo riassunto in un articolo 10 fantastici progetti architettonici che sono stati realizzati o pianificati con la stampa 3D.

 
L’ambiente ibrido unisce e fonde i sistemi biologici con i materiali e le macchine organiche.

Mitterberger e Derme spiegano:

“Lo spazio del progetto presentato in occasione della Biennale di Architettura è un giardino robotico performativo stampato in 3D dal suolo, che utilizza sensori, tecnologie a reazione rapida e machine learning per generare un feedback continuo tra percezione, virtualizzazione e cambiamento indotto. La flora fungina e la struttura del suolo dipendono dal robot che le innaffia. Allo stesso tempo, il robot dipende dalla sua esistenza per potersi muovere”.
Sospeso dall’alto, il robot ABB scansiona la topografia “tecno-organica” sottostante. È dotato di due tipi di strumenti e sensori. Un sistema di irrigazione per coltivare i semi dei funghi nel terreno e un sistema di elaborazione delle immagini che registra i cambiamenti nella struttura superficiale. L’impianto è stato realizzato in loco in tre mesi.

 
Il braccio robotico diventa giardiniere
Durante la mostra, diverse piante e funghi crescono sulla struttura completamente biodegradabile. Il braccio robotico fa il giardinaggio. Il feedback continuo viene generato utilizzando sensori, tecnologie reattive e apprendimento automatico. Il braccio robotico monitorerà l’ecosistema del suolo per un periodo di sei mesi, raccoglierà dati fisico-chimici e convertirà questi dati in suoni udibili e un’interfaccia visiva.

Sul braccio del robot si trova un effettore finale con due dispositivi fotocamera sensore principale e un processore. L’unità di calcolo utilizza quindi vari algoritmi di visione artificiale e intelligenza artificiale che raccolgono e ordinano i dati per identificare modelli che derivano dall’interazione del paesaggio con l’ambiente. Il sistema è possibile grazie alla collaborazione di acquisizione dati, visione artificiale e robotica. La struttura è prodotta utilizzando un nuovo processo di getto di legante robotico per biocompositi granulari e leganti non tossici. La 17a Biennale di Architettura di Venezia 2021 è in corso dal 22 maggio 2021 e termina il 21 novembre 2021

Be the first to comment on "Magic Queen alla 17a Biennale di Architettura di Venezia 2021 un paesaggio stampato in 3D con un braccio robotico giardiniere"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi