Materialise sviluppa un connettore stampato in 3D per maschere PEEP non invasive anti coronavirus

Materialise sviluppa un connettore stampato in 3D per maschere PEEP non invasive
Le maschere non invasive potrebbero alleviare la tensione sulle forniture di ventilazione meccanica

La società belga di stampa 3D Materialise ha sviluppato un kit di conversione stampato in 3D per creare maschere PEEP di ossigeno che potrebbero aiutare a ridurre lo sforzo delle forniture di ventilatori meccanici. La maschera è progettata per essere fabbricata da apparecchiature mediche facilmente accessibili e dal connettore Materialise NIP (maschera PEEP non invasiva) stampato in 3D .

Mentre i ventilatori meccanici sono scarsi e la domanda elevata, le aziende e le istituzioni mediche di tutto il mondo stanno cercando di trovare soluzioni per aiutare i sistemi sanitari a curare i pazienti COVID-19. Con decenni di esperienza nel settore della stampa medica 3D, Materialise è stata una parte attiva di questo sforzo, sviluppando una serie di prodotti innovativi per contenere o trattare il nuovo coronavirus, tra cui un attacco per maniglia per porta stampato in 3D , una maniglia per carrello della spesa stampata in 3D e un connettore stampato in 3D per adattare le maschere Scuba per consentire la filtrazione dell’aria e l’apporto di ossigeno.

Materializza la maschera PEEP
L’ultimo sviluppo dell’azienda è forse uno dei più vitali: una maschera PEEP con ossigeno stampato in 3D che facilita la respirazione applicando una pressione positiva nei polmoni. Sebbene non siano adatte a sostituire i ventilatori meccanici, le maschere potrebbero aiutare a ridurre il tempo necessario per collegare i pazienti a un ventilatore meccanico, che potrebbe liberare le apparecchiature mediche critiche per gli altri.

In collaborazione con il professor Wilfried De Backer, pneumologo e direttore della società di imaging respiratorio FLUIDDA, Materialise ha progettato un connettore stampato in 3D che converte le apparecchiature ospedaliere standard in una maschera PEEP non invasiva (NIP) che può essere collegata a una fornitura di ossigeno. Secondo Materialise, la maschera è progettata per prolungare il periodo di tempo prima che un paziente richieda un ventilatore meccanico. La maschera, che può essere facilmente assemblata dagli operatori sanitari, è composta da una maschera di ventilazione non invasiva (NIV), un filtro e una valvola PEEP.

Il professor De Backer ha spiegato come la maschera potrebbe fare la differenza: “La domanda quando iniziamo con la maschera è che penso quando il paziente sta peggiorando e c’è un bisogno maggiore di ossigeno. Questo è il momento ideale per passare da una maschera di ossigeno puro, in cui è sufficiente erogare ossigeno, a una maschera che fornisce anche questa pressione positiva nelle vie aeree, respingendo i fluidi nei polmoni e consentendo un migliore assorbimento di ossigeno. Se possiamo dare una pressione positiva e mantenere stabile la situazione, il paziente stabile, possiamo evitare passaggi più invasivi. Per il caregiver, poiché la maschera si adatta bene, vale a dire senza perdite, e c’è un filtro aggiunto alla soluzione, non c’è un rischio tanto grande di diffondere il virus nell’ambiente. “

Materialise sta ora monitorando rapidamente la registrazione normativa del connettore e della maschera stampati in 3D in Europa e negli Stati Uniti e sta inoltre supportando uno studio clinico per testare l’impatto della maschera sui pazienti COVID-19. I primi risultati dello studio sono previsti entro le prossime due settimane. Una volta ottenuta l’approvazione, la società è pronta ad aumentare la produzione, stampando i connettori NIP nelle sue strutture certificate ISO 13485 in Belgio e Plymouth, Michigan, nonché presso le strutture partner certificate. Per inciso, Materialise è anche alla ricerca di partner per sostenere i suoi sforzi.

“La stampa 3D sta svolgendo un ruolo cruciale nella lotta contro la pandemia globale di coronavirus, rendendo possibile lo sviluppo di soluzioni innovative e la loro disponibilità in tutto il mondo molto rapidamente”, ha dichiarato Brigitte De Vet, Vice Presidente di Materialise Medical. “Allo stesso tempo, è fondamentale che i prodotti medici che immettiamo sul mercato siano sicuri ed efficaci. Materialise ha decenni di esperienza nella stampa medica medica certificata 3D che ci consente di immettere sul mercato dispositivi stampati 3D in modo rapido e sicuro. “

Be the first to comment on "Materialise sviluppa un connettore stampato in 3D per maschere PEEP non invasive anti coronavirus"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi