La società israeliana di medicina rigenerativa e ingegneria dei tessuti Matricelf Ltd. (TASE: MTLF) e la società di trasferimento tecnologico dell’Università di Tel Aviv, Ramot, hanno annunciato oggi la firma di un accordo di licenza globale esclusivo per la commercializzazione di una tecnologia innovativa brevettata nel campo della biostampa 3D di tessuti e organi. La tecnologia è stata sviluppata dal Prof. Tal Dvir del Dipartimento di Biotecnologie della Facoltà di Scienze della Vita e Direttore del Centro di Nanotecnologie dell’Università di Tel Aviv, che è stato uno dei fondatori di Matricelf ed è il Direttore Scientifico dell’azienda.

Matricelf sta sviluppando impianti autologhi (midollo osseo) per la rigenerazione di tessuti e organi danneggiati nel corpo, utilizzando cellule staminali e matrice extracellulare (ECM) dei pazienti stessi.


Secondo i termini dell’accordo, Matricelf riceverà i diritti globali e l’esclusiva per lo sviluppo e la produzione della tecnologia utilizzata per stampare organi e tessuti, tra le altre cose, per le indicazioni mirate dell’azienda e per commercializzare la tecnologia dei prodotti per terzi. Ciò è soggetto al raggiungimento di traguardi scientifici e commerciali. Nell’ambito dell’accordo, l’azienda si impegnerà a sottoscrivere, entro 36 mesi dalla data di sottoscrizione dell’accordo, almeno un accordo di marketing con una terza parte, previa approvazione di Ramot, sia esso un contratto di licenza per questo o quello specifico sviluppo o un accordo di investimento per sviluppare la tecnologia, ecc.

Il brevetto, attualmente in fase di domanda negli Stati Uniti e in Europa, copre diversi aspetti di questa tecnologia unica, che consente la stampa 3D simultanea di cellule e matrice extracellulare (ECM), per produrre tessuti e organi umani vivi su scala più ampia . e che in pratica comprende la maggior parte degli organi del corpo. L’unicità della tecnologia si basa su nanomolecole liquide, che stabilizzano la struttura biologica stampata, anche se liquida, e consentono di stampare con alta risoluzione e il massimo grado di precisione. Dopo la stampa, le molecole vengono completamente estratte dalla struttura stampata, lasciandola stabilizzata. Attraverso questa tecnologia,

 
Il Dr. Asaf Toker, CEO di Matricelf, ha dichiarato: “Siamo felici di concordare un’altra collaborazione con l’Università di Tel Aviv e vediamo questo come un forte voto di fiducia nell’azienda e nelle sue capacità scientifiche e commerciali, nel campo dell’ingegneria dei tessuti, che è il futuro ». Il bioprinting 3D della medicina è all’avanguardia in questo settore, che cresce in media di decine di percentuali all’anno e dovrebbe valere miliardi di dollari entro il 2024. Applicare la tecnologia, sia nello sviluppo dell’azienda, principalmente per il trattamento di lesioni del midollo spinale, nonché marketing a vari partner del settore,


Il professor Tal Dvir ha affermato: “La crescente carenza di organi per il trapianto sta creando la necessità di soluzioni innovative, principalmente la biostampa 3D di tessuti e organi. Si prevede che questo campo si svilupperà a un ritmo rapido nel prossimo decennio e riteniamo che questa tecnologia di stampa di organi, che combina simultaneamente cellule e matrice extracellulare, ci posizioni bene per realizzare la visione dell’azienda di diventare un pioniere nel settore della medicina rigenerativa, grazie alla piattaforma unica per la stampa di tessuti e organi che fornirà un rimedio e salverà la vita di pazienti in tutto il mondo”.

Il CEO di Ramot, Keren Primor Cohen, ha aggiunto: “Ramot, la società di trasferimento tecnologico dell’Università di Tel Aviv, crede nella capacità di questa tecnologia rivoluzionaria del professor Tal Dvir di essere un punto di svolta nel settore IT. ingegneria dei tessuti e vantaggio per tutti. mondo medico. Ramot continuerà a investire e promuovere tecnologie innovative di questo tipo da parte dei ricercatori dell’università, insieme a partner industriali leader come aziende come Matricelf”.

L’azienda biotecnologica israeliana apre una nuova strada nella guarigione del midollo spinale ferito
L’azienda ha utilizzato con successo impianti umani per sostituire il midollo spinale danneggiato di un maiale vivo, simulando così la procedura chirurgica prevista nell’uomo. 

 Le lesioni del midollo spinale sono notoriamente difficili da operare, ma un’azienda biotecnologica israeliana ha aperto una nuova strada sulla strada per una cura usando i maiali.

 
L’azienda biotecnologica israeliana Matricelf ha riferito oggi di aver completato con successo un altro test di usabilità con impianti umani (impianti neurali provenienti da tessuti umani) per la sostituzione del midollo spinale ferito di un maiale vivo. L’azienda sta sviluppando impianti autologhi (midollo osseo) per la rigenerazione dei tessuti danneggiati utilizzando cellule staminali e componenti di cellule staminali esterne dei pazienti stessi.

 
La prova nel maiale vivo viene eseguita per rispecchiare la procedura chirurgica prevista nell’uomo, sia in termini di flusso del cervello e dei fluidi spinali sia in termini di sanguinamento che potrebbe verificarsi vicino alla lesione. Durante la sperimentazione, due neurochirurghi hanno posizionato gli impianti umani sviluppati dall’azienda nel midollo spinale del maiale.

 
Dopo che i neurochirurghi hanno finito di posizionare gli impianti, hanno proseguito con la procedura di sutura delle membrane che circondano il midollo spinale come avviene negli esseri umani. Il processo è stato completato con grande successo.

 
“Siamo lieti di annunciare che gli impianti sviluppati dall’azienda, progettati per il trattamento di lesioni traumatiche del midollo spinale, sono stati inseriti con successo nel midollo spinale di un maiale vivente”, ha affermato Tamar Harel Adar, vicepresidente della ricerca e sviluppo di Matricelf.  


Il dott. Asaf Toker, CEO di Matricelf, ha osservato: “Questa è una pietra miliare importante nel rafforzamento delle conoscenze tecnologiche dell’azienda e ci fa avanzare verso la visione che ci siamo prefissati: essere un’azienda israeliana leader a livello mondiale nel campo dell’ingegneria dei tessuti”.

 
Matricelf è stata fondata nel 2019 ed è quotata alla Borsa di Tel Aviv da giugno 2021.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi