L’azienda israeliana di tecnologia alimentare MeaTech ha raggiunto un altro punto di riferimento nella sua missione di sviluppare un’alternativa biostampata 3D gustosa ma ecologica ai prodotti a base di carne biologica.

In quella che si ritiene sia la prima dimostrazione di stampa 3D a biomassa del suo genere, l’azienda è riuscita a coltivare poco più di 700 grammi di grasso di pollo puro, in una singola corsa. Sviluppato tramite la sua sussidiaria, Peace of Meat , si dice che il deposito si comporti proprio come il grasso reale e, in attesa dell’approvazione, MeaTech intende ora produrlo in un impianto pilota il prossimo anno, dal quale sarà commercializzato come ingrediente per il gusto. 

Da quando ha annunciato la sua svolta, le azioni della società sono aumentate dell’11% da $ 5,30 a $ 5,90, suggerendo che l’anticipo ha catturato l’attenzione degli investitori. L’azienda inizialmente è stata scambiata alla Borsa di Tel Aviv, ma da allora è stata cancellata dalla quotazione ed è diventata la prima azienda di carne coltivata a commerciare al Nasdaq.

“Il nostro obiettivo a breve termine è che le cellule di pollo coltivate possano essere commercializzate da MeaTech in collaborazioni strategiche per lo sviluppo di prodotti ibridi”, spiega David Brandes, MD di Peace of Meat. “Il successo della produzione preliminare di oggi ci avvicina di un passo al nostro obiettivo a lungo termine di cambiare la dieta umana verso scelte alimentari più sostenibili, ma ugualmente gustose”.

“LA PRODUZIONE DI QUESTA QUANTITÀ DI MATERIALE DI COLTURA PURO IN UNA CORSA È UN PASSO AVANTI VERSO LA PRODUZIONE POTENZIALE DI GRASSO DI POLLO COLTIVATO SU SCALA INDUSTRIALE EA PARITÀ DI COSTI”.

Secondo MeaTech, molti consumatori di carne attualmente si divertono a mangiare alternative completamente vegetali, ma scoprono che “non riescono a replicare la carnosità” della cosa reale. Ciò è in gran parte dovuto alla difficoltà di produrre biomassa sufficiente per un pasto completo e replicare accuratamente la consistenza e il sapore degli alimenti biologici, come manzo, maiale o pollo. 

Utilizzando grasso di pollo coltivato, d’altra parte, MeaTech afferma che è necessaria solo una piccola concentrazione di circa il 10%, per avere un impatto sensoriale nei piatti di carne a base vegetale. Ecco perché l’azienda ha stabilito piani per coltivare grassi animali su larga scala, che forniscano i sapori, gli aromi e le consistenze caratteristici attualmente derivati ​​dalla carne allevata in modo convenzionale. 

Soprannominata “carne ibrida”, questa categoria alimentare emergente vede efficacemente gli ingredienti a base di carne coltivati ​​e vegetali mescolati insieme, con l’obiettivo di creare pasti gustosi per i vegani. In un sondaggio condotto prima della sua acquisizione, secondo quanto riferito , Peace of Meat ha rilevato che fino al 68% degli intervistati avrebbe probabilmente incorporato il grasso coltivato nei propri prodotti, risultati che Brandes all’epoca descrisse come “aprire gli occhi”. 

“L’impatto che questa industria ha sul benessere e sulla sostenibilità degli animali è enorme, ma convincere i mangiatori di carne a cambiare dieta in modo permanente rimane una sfida”, ha detto Brandes al Vegconomist. “Il grasso di coltura potrebbe essere l’ingrediente mancante che crea una vera carnosità e l’industria vegetale è molto ricettiva a questa innovazione”. 

Con i suoi 700 grammi di grasso di pollo, MeaTech ha dimostrato con successo la fattibilità della sua tecnologia per la produzione di grasso di pollame e cellule muscolari su larga scala, ma le sue ambizioni non si fermano qui. Infatti, da quando l’azienda si è quotata sul mercato dei capitali del Nasdaq all’inizio di quest’anno, ha raccolto 28 milioni di dollari, fornendo il sostegno non solo per acquisire Peace of Meat , ma anche per accelerare la ricerca e sviluppo dei suoi prodotti e una più ampia espansione. 

All’interno dei suoi dati finanziari del secondo trimestre del 2021 , MeaTech ha rivelato di aver investito $ 6 milioni durante la prima metà dell’anno, inclusa una somma forfettaria di $ 2,1 milioni, che è stata investita in ricerca e sviluppo. Una delle aree particolarmente calde di ricerca e sviluppo dell’azienda circonda la nuova tecnologia di bioprinting che è stata brevettata all’inizio di quest’anno, che si dice fornisca “un controllo eccezionale del bioinchiostro” durante la produzione di sostituti della carne. 

Con ulteriori progressi, l’azienda ritiene che la tecnica potrebbe consentire la stampa 3D di “tagli” di carne più spessi e di alta qualità, con un livello di risoluzione più elevato rispetto a quello attualmente possibile. L’azienda ha anche iniziato a studiare come scalare la bioprinting della carne di maiale, firmando una lettera di intenti non vincolante insieme al rivenditore di generi alimentari Tiv Ta’am il mese scorso, con questo obiettivo in mente. 

Lavorando con il suo nuovo partner, MeaTech mira a stabilire attività congiunte di produzione, marketing e distribuzione, in un modo che, secondo il suo CEO Sharon Fima, potrebbe dare origine a una “rivoluzione agricola” che renda la carne “sicura, abbondante e sostenibile”.

“Intendiamo continuare a sfruttare le nostre tecnologie di biostampa 3D, che riteniamo essere la tecnologia ottimale per creare tessuti di carne strutturati, come le bistecche, in condizioni di laboratorio”, ha affermato Fima il mese scorso. “Riteniamo che lo sviluppo di ulteriori linee di prodotti a base di carne coltivata abbia il potenziale per espandere i nostri mercati indirizzabili, generando un ulteriore potenziale di entrate”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi