Nanovia nel progetto RECYPECH punta a trasformare delle vecchie reti da pesca in filamenti per la stampa 3d


 

Nanovia vuole trasformare vecchie reti da pesca in filamenti per la stampa 3D
 
Nanovia, specialista della stampa 3D, partecipa al programma di riciclaggio delle reti da pesca in Bretagna, Francia, per produrre filamenti di nylon PA- 6 per la stampa 3D. Per non seppellire più lo smaltimento delle reti da pesca usate nel terreno nei porti, l’agglomerato Guingamp-Paimpol ha iniziato nel 2019 per cercare nuove soluzioni a questo problema al fine di reintrodurre questi materiali in un’economia circolare. Nel 2020, Coopération Maritime ha lanciato il suo progetto RECYPECH, che mira a ottimizzare lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti del settore della pesca industriale.

Con il sostegno della CCI des Côtes d’Armor e della Lannion Trégor Agglomération, la Guingamp-Paimpol Agglomération inizia a raccogliere queste reti da pesca usate e consumate sul suo territorio, che vengono trattate da ESATCO a Plourivo. Dopo che USAT CO ha già maturato esperienza nella raccolta e nello smantellamento delle reti da pesca usate nel suo centro sull’isola di Oléron, separerà i vari componenti delle reti (anelli metallici, funi/corde, reti di nylon) e li porterà al riciclaggio appropriato le zone.

Le reti separate in nylon (poliammide-6) vengono inviate a Fil & Fab, un’azienda con sede a Plougonvelin, sulla costa occidentale della Bretagna, specializzata dal 2015 nella conversione di reti da pesca usate sulla costa occidentale in granuli di plastica pura.

Nanovia elaborerà questi pellet in filamenti per stampanti 3D a Louargat, ampliando così la sua gamma di prodotti per il riciclaggio, che includerà due filamenti tinti di nero (1,75 mm e 2,85 mm). Il primo, Nanovia PA-6 R, è realizzato in nylon nativo. E il secondo, Nanovia PA-6 CF R, un filamento di nylon rinforzato con fibre di carbonio riciclato. Questi filamenti saranno disponibili nei negozi dalla fine del 2021.

Be the first to comment on "Nanovia nel progetto RECYPECH punta a trasformare delle vecchie reti da pesca in filamenti per la stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi