Neige3D annuncia la stampante 3D a freddo La startup francese di stampa 3D Neige3D ha annunciato una nuova stampante 3D molto insolita: la Dérive 1.0.

Ci sono molte nuove stampanti 3D che vengono costantemente annunciate ed è difficile stare al passo con gli ultimi sviluppi. Una startup come Neige3D deve essere molto concentrata per avere successo e quell’attenzione dovrebbe essere concentrata su una nicchia specifica all’interno del settore della stampa 3D.

Ho visto molte di queste nicchie riempite nel corso degli anni. Prima si trattava di dispositivi desktop, poi di dispositivi di grande formato e, più recentemente, di apparecchiature ad alta temperatura.

Gli ingranaggi ad alta temperatura consentono l’uso di diversi materiali ingegneristici che non solo sono più resistenti e più leggeri dei materiali tipici, ma sono anche in grado di resistere al calore in misura molto maggiore rispetto ai comuni materiali di stampa 3D. È stata una nicchia di grande successo per diverse aziende dello spazio.

Ma ora può darsi che Neige3D abbia identificato una nicchia di stampa 3D completamente nuova: la stampa a freddo. Per “freddo” non intendo temperature “normali”, che sono state l’opposto dei materiali ad alta temperatura. No, invece intendo proprio freddo, come temperature sotto lo zero.

 

Ci sono un numero sorprendente di materiali che sono solidi a queste basse temperature e possono ovviamente essere utilizzati con grande efficacia negli ambienti invernali.

Poiché Dérive è il primo prodotto di Neige3D, devono prestare attenzione e concentrare strettamente i suoi materiali. Per questa macchina, hanno saggiamente scelto il monossido di diidrogeno come materiale. Non solo quel materiale è adatto per ambienti freddi, ma è anche relativamente facile da reperire.

Non abbiamo ricevuto molti dettagli del dispositivo, a parte il fatto che si tratta di un’unità desktop con dimensioni del volume di costruzione inferiori a 200 mm. I dettagli dell’estrusore specializzato di monossido di diidrogeno sembrano essere piuttosto segreti, poiché questa è la chiave per il futuro dell’azienda.

Possiamo dire dall’immagine fornita dall’azienda sopra che Dérive è basato su una piattaforma i3, e in effetti sembra utilizzare un foglio di costruzione rimovibile Prusa standard. Questo è un prodotto rivestito in PEI, ed evidentemente aderisce bene al materiale di monossido di diidrogeno.

Nell’immagine appare anche quella che sembra essere una stampa di esempio del materiale bianco. Tuttavia, non abbiamo ulteriori informazioni poiché Neige3D sta apparentemente cercando di rimanere furtivo, anche se hanno finalmente rivelato la loro esistenza.

Ho contattato l’azienda nella speranza di ottenere una macchina da testare nel nostro laboratorio. Non abbiamo mai provato a stampare materiali freddi, ed è giunto il momento di farlo.

Può darsi che Neige3D sia su qualcosa qui. Hanno trovato una nuova nicchia di stampa 3D? O questa idea sta per evaporare?

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi