No, l’arma dell’omicidio di Shinzo Abe probabilmente non era una pistola stampata in 3D

di Michael Molitch-Hou da 3dprint.com
 
Nell’assassinio del primo ministro più longevo del Giappone, Shinzo Abe, è emerso un dettaglio: l’arma usata era fatta in casa. Ciò ha portato a speculazioni sul fatto che si trattasse di una pistola stampata in 3D. Mentre i dettagli sull’arma da fuoco e sull’omicidio stesso stanno ancora venendo fuori, il filmato iniziale sembra suggerire che la pistola non sia stata stampata in 3D.

 Leggi giapponesi sulle armi

Secondo una legge giapponese del 1958, “è vietato il possesso di armi da fuoco e spade”. Le pistole sono vietate, ma è possibile ottenere armi per la caccia dopo aver superato i controlli di salute mentale, droga e casellario giudiziario. Per ricevere la necessaria licenza triennale, è necessaria una giornata di addestramento alle armi, comprensiva di una prova scritta e valutazione del poligono di tiro con un punteggio del 95%. Inoltre, la polizia deve sapere dove sono conservate la pistola e le munizioni (situate separatamente l’una dall’altra e sotto chiave). Le autorità ispezionano queste armi una volta all’anno.

Di conseguenza, il Giappone ha il livello più basso di possesso di armi pro capite del gruppo di nazioni ricche del G7, con solo lo 0,3 ogni 100 persone. Questo si confronta con gli Stati Uniti, che hanno uno schiacciante 120,5 per 100 individui. Il Giappone ha anche il tasso più basso di morti per armi da fuoco a 0,03 per 100.000 persone, rispetto agli Stati Uniti a 7 per 100.000 persone.

 

Un fucile fatto in casa
Quindi, mentre il sospetto arrestato nell’assassinio, il 41enne Tetsuya Yamagami, è stato per tre anni un membro della Forza di autodifesa marittima della marina, dove ha ricevuto un addestramento sulle armi, potrebbe non essere stato facile per lui ottenere un pistola di fabbricazione professionale. Secondo quanto riferito, Yamagami avrebbe detto alle autorità di aver fabbricato l’arma da fuoco. Oltre agli esplosivi, la polizia giapponese ha trovato a casa sua versioni più elaborate dell’arma del delitto.


 

Non ci sono ancora molti dettagli sulla pistola stessa, ma le immagini sembrano mostrare due canne di metallo, possibilmente di alluminio, attaccate a una base di legno, tutte avvolte in nastro adesivo nero.

“Penso che la prima osservazione interessante sia che è chiaramente azionato elettricamente”, ha detto al Daily Beast NR Jenzen-Jones, specialista dell’intelligence su armi e munizioni e direttore dell’Armment Research Services (ARES) con sede nel Regno Unito . “C’è un filo elettrico che passa attraverso ciascuno di quei cappucci terminali che puoi vedere in una delle immagini. Questo mi indica che si tratta di un’arma elettrica. La mia impressione è che probabilmente sia un design ad avancarica. Probabilmente è un’arma a canna liscia, con il che intendo non rigata, come un fucile, ma, ripeto, non è una certezza.
L’arma sarebbe stata usata nell’assassinio dell’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe. Immagine per gentile concessione di NHK/Facebook.
Non sembravano esserci parti stampate in 3D a meno che non fossero nascoste sotto il nastro. Tuttavia, poiché il resto del dispositivo era così grezzo, è difficile immaginare la necessità di una stampante 3D per realizzarlo. Televisione di Delhi. L’ex capo corrispondente della Casa Bianca per la CNN Jessica Yellin è stata una giornalista che ha ipotizzato se la pistola fosse stampata in 3D. Il Daily Beast ha anche sollevato l’uso di armi stampate in 3D come una minaccia crescente nella sua copertura dell’omicidio.

 

Aumentano gli arresti per armi da fuoco stampati in 3D
Data la natura dell’evento, il tema della stampa 3D come mezzo per produrre armi è già stato sollevato. Possiamo esaminare le argomentazioni regolari avanzate dall’industria della produzione additiva sul motivo per cui la tecnologia non è esattamente l’ideale per l’armaiolo:

Le stampanti economiche e accessibili non renderebbero un’arma da fuoco sufficientemente robusta per un uso pratico. Probabilmente si frantumerà al momento dello sparo.
Esistono altri metodi probabilmente più semplici per fabbricare una pistola
Indipendentemente dal loro livello di minaccia, gli arresti per armi stampate in 3D sono in aumento, come 3DPrint . com L’analista senior Vanesa Listek ha riferito di recente , triplicando il numero in meno di due anni. Ha anche notato che è probabile che le pistole stampate completamente in 3D non siano la norma. Invece, le armi da fuoco ibride sono dove si dirige il segmento. Ciò includerebbe in genere armi composte da una combinazione di parti stampate in 3D e di fabbricazione tradizionale o standard e armi acquistate sul mercato con ricevitori stampati in 3D.

In un caso , la stampa 3D è stata utilizzata per realizzare un dispositivo in grado di convertire un AR-15, legale negli Stati Uniti, in una mitragliatrice automatica. Questi sono stati poi venduti online travestiti da appendiabiti portatile da un associato del gruppo boogaloo di estrema destra. Allo stesso modo, pistole stampate in 3D sono state trovate durante un attacco terroristico in una  sinagoga di Halle , in Germania. Poiché le stampanti 3D ad alta temperatura stanno diventando meno costose e i filamenti metallici sono arrivati ​​sul mercato, potremmo vedere parti più capaci realizzate per questa applicazione.

Con questo in mente, l’argomento sicuramente non andrà via tanto quanto chiunque vorrebbe. Ciò che solleva il caso dell’assassinio di Abe è il fatto che il controllo delle armi può ridurre le morti per armi da fuoco al punto che sono molto rare, ma ovviamente non può eliminare del tutto la violenza.

da NHK

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi