Olive la gatta con la zampa stampata in 3d

Il nuovo arto stampato in 3D di Kitty Olive presenta un design unico
 
Molte persone hanno un’affinità con gli animali disabili, ma prendersi cura di loro può essere una sfida. Tali creature possono richiedere più cure e costi, specialmente quegli arti mancanti . Anche se le stampanti 3D a basso costo sono quasi onnipresenti, non tutti sono ingegneri o abbastanza esperti da progettare protesi per animali. Fortunatamente, l’Università del Nebraska-Lincoln sta formando una nuova generazione di ingegneri. Abby Smith, Harrison Grasso, Jaden Schovanec, Rachael Stanek e Alexandra Jensen-studenti nelle classi Biological Systems Engineering (BSEN) 470 e BSEN 480 all’università, hanno messo alla prova gran parte di ciò che hanno imparato per creare una protesi per un gatto di nome Oliva.

 
Sono stati raggruppati dopo aver completato un sondaggio sui loro obiettivi di carriera e interessi ingegneristici, uno dei quali era la protesi. Al team è stato assegnato un progetto ideato da Beth Galles, assistente professore di pratica con il programma professionale in medicina veterinaria. La loro sfida: progettare e creare una protesi che fosse regolabile, rimovibile, non tossica e con un costo di produzione inferiore a $ 100. Nei mesi successivi, gli studenti hanno perfezionato i loro progetti e li hanno semplificati. Hanno deciso per un prototipo in due pezzi fatto principalmente di acido polilattico ( PLA ) e una robusta plastica proprietaria.

Il prototipo finale, che poteva essere realizzato per soli $ 10, aveva un design unico: per replicare le funzioni di una zampa, il dispositivo termina con una base corta e curva, dotata di un rivestimento in gomma per la trazione. La parte superiore della protesi è costituita da tre pareti con rivestimento aperto. Questo è completato da una tazza in cui viene posizionato il nocciolo del gatto. Il team ha trovato difficile fissare saldamente il dispositivo all’arto di Olive, anche con cinghie in velcro e una guaina in silicone progettata specificamente per tale applicazione.

Rendering dell’arto protesico, che è stato stampato presso il Nebraska Innovation Studio e pesa meno di un’oncia. Immagine per gentile concessione dell’Università del Nebraska.
“Questo è stato uno dei maggiori problemi che abbiamo riscontrato, è stato mantenere questa cosa”, ha detto Smith a University Today . “(Olive) aveva una pelliccia molto liscia e un sacco di pelle flaccida alla fine del sito dell’amputazione. La guaina in silicone che abbiamo messo direttamente su di lei è stata fondamentale per aiutare la protesi a rimanere.”
Come può attestare chiunque abbia posseduto un gatto, a loro non piace nulla che infastidisca le loro zampe. L’istinto di Olive era di scrollarsi di dosso la protesi non appena l’avesse indossata. Alla fine, ha iniziato a mettere a terra il piede protesico. Poi, ha iniziato lentamente a fare dei passi su di esso. Al terzo test, Olive iniziò a dedicarsi a una normale attività di gatto domestico che era stata troppo riluttante a provare prima della protesi, saltando su e giù dalle sporgenze.

Olive ha indossato il suo arto stampato in 3D. Immagine per gentile concessione dell’Università del Nebraska.
Creare una protesi per qualsiasi animale è una sfida. Ci sono solo dieci ortotisti animali conosciuti nel mondo. In alcuni casi, gli animali sono stati soppressi perché non c’era modo di ripristinare la loro mobilità o la loro capacità di mangiare correttamente. Tuttavia, la stampa 3D lo sta cambiando. Un’aquila calva e un’oca selvatica erano entrambe prive della maggior parte dei loro becchi e non erano in grado di mangiare da sole … cioè, finché non è intervenuto un dentista. Ora, con l’aiuto dei becchi stampati in 3D , stanno vivendo di nuovo in natura. Ci sono una miriade di esempi simili , da un alligatore che ottiene una nuova coda in silicone realizzata da un modello 3D e una tartaruga che riceve un nuovo guscio stampato da una stampante desktop, ad uccelli con nuovi artianche stampato da sistemi desktop che troveresti in una casa o una scuola, e persino cavalli in miniatura che ottengono nuove gambe. DiveDesign e Bionic Pets sono solo due aziende che stanno rivoluzionando il campo delle protesi animali.

 Quanto a Smith e Grasso, hanno detto di aver guadagnato molto dall’esperienza. Smith lo ha usato come una rampa di lancio per il suo nuovo lavoro con ARYSE, una startup con sede a Lincoln che stampa 3D bretelle aderenti progettate per proteggere gli atleti. Grasso sta attualmente facendo domanda per la facoltà di medicina, sperando di utilizzare questa esperienza per progettare dispositivi medici innovativi. Per quanto riguarda Olive, non solo ha ricevuto una nuova gamba, ma anche una casa e una famiglia dopo che Galles l’ha adottata.

 

Be the first to comment on "Olive la gatta con la zampa stampata in 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi