La stampante 3D HP Jet Fusion 580 a colori era una macchina fantastica; tuttavia, la decisione di HP di cessare la produzione del sistema è avvolta nel mistero. Tuttavia, ci sono aspetti affascinanti da questo prodotto e dalla sua eventuale scomparsa.

Ad esempio, il 580 è stato progettato da un team completamente diverso rispetto alle altre serie del portafoglio Multi Jet Fusion (MJF). Con sede negli Stati Uniti e in Canada, il gruppo ha creato un prodotto compatto con un volume di costruzione inferiore rispetto alle linee di produzione 4200 e 5200, progettate principalmente in Spagna. Non è stata necessaria alcuna stazione di lavorazione aggiuntiva e la polvere è stata recuperata automaticamente. Ciò che è curioso è quanto sia diventato efficiente il 580. Le parti potevano essere ottenute in meno di un giorno. I prototipi funzionali a colori stavano diventando preziosi per il servizio point-of-care e le parti bianche erano eccellenti, in particolare nel settore medico. Quindi, dove sono andate le cose di traverso?

La stampante 3D a colori HP Jet Fusion 300/500. Immagine per gentile concessione di HP.
La storia di HP
Prima mettiamo un po’ di storia. Durante un viaggio in campeggio nel 1934, due studenti universitari, Bill Hewlett e David Packard, divennero subito amici. Con l’accesso a un garage, il duo iniziò a costruire un oscillatore per testare le apparecchiature audio nel 1938. La loro prima grande occasione avvenne quando la Walt Disney Company acquistò otto di queste creazioni e, nel 1939, nacque Hewlett-Packard (HP).

La società è stata costituita il 18 agosto 1947 ed è stata quotata in borsa il 6 novembre 1957. Ben presto, HP è stata coinvolta in una miriade di progetti elettronici, tra cui l’orologio atomico e i diodi a emissione di luce (LED). Nel 1968, il primo “personal computer” si manifestò sotto forma di quello che oggi conosciamo come calcolatrice, l’ Hewlett-Packard 9100A . Man mano che l’azienda cresceva nel decennio successivo, la “Silicon Valley” di San Francisco divenne nota come centro di innovazione. Il primo vero personal computer fu costruito da HP nel 1980 e poteva non solo utilizzare periferiche, ma anche comunicare con altri computer.

Il “personal computer” HP9100A. Immagine per gentile concessione di Wikipedia.
I computer non erano poi così divertenti senza la capacità di produrre oggetti tangibili, da qui la nascita della prima stampante 2D nel 1984. Dave e Bill volevano che tutti potessero averne una a prezzi accessibili. Le stampanti si sono evolute in OfficeJet a metà degli anni ’90 e HP è entrata nel nuovo millennio con una nuova generazione di computer e stampanti di grande e piccolo formato.

Quando il fiorente segmento della prototipazione rapida iniziò ad evolversi, la stampa nella terza dimensione divenne uno spazio intrigante per le aziende più grandi. La stessa HP disponeva di una tecnologia 2D unica con il suo getto d’inchiostro. HP ha iniziato a giocare con il modo in cui il suo inchiostro potrebbe agire come un legante che reagisce al calore per “curare” gli strati. Il processo ha prodotto alcuni risultati interessanti e, nel 2016, è stata rilasciata la prima macchina MJF.

Team in competizione nella stampa 3D MJF
È stato a questo punto che le cose all’interno della divisione stampa 3D di HP si sono complicate. I visionari al di fuori dell’azienda potevano vedere il significato della tecnologia; tuttavia, all’interno, HP non poteva vedere oltre il 2D. La leadership ha avuto difficoltà perché questo non era un prodotto 2D, ma hanno provato a convincere persone 2D a guidarlo. Nel 2018, in concomitanza con il SOLIDWORKS User Group, è stato lanciato HP Jet Fusion 580.

Campione a colori della parte stampata MJF. Immagine per gentile concessione di HP.
Con HP Jet Fusion 580, gli utenti disponevano di una stampante che si affidava alla tecnologia 2D per stampare in 3D, sia a colori che solo in bianco! Ad aggravare i problemi legati alla mancanza di creatività e concentrazione a livello di leadership c’era il fatto che si trattava di un prodotto intrinsecamente difficile da comprendere. Invece di concentrarsi sull’hardware e consentire agli utenti di determinare come utilizzare il prodotto, HP ha tentato di creare domanda per il prodotto, arrestando incidentalmente la crescita e l’adozione.

Negli anni successivi, la MJF 580 iniziò a farsi una reputazione come stampante problematica e costosa da utilizzare. In una conversazione su LinkedIn, David Tucker, consulente per lo sviluppo aziendale presso MasterGraphics, ha dichiarato: “Quando l’hanno rilasciato, non tutti i bug erano stati risolti. Ho pensato che fosse un prodotto interessante che necessitava del mercato e delle applicazioni da sviluppare.

Maurice Sheer, CEO e fondatore di 3D-LABS GmbH, ha postato: “L’anno scorso l’anno scorso è stato trasformato in un prodotto di ‘fine vita’ a causa dei costi di produzione troppo elevati…” Quando gli è stato chiesto dove Sheer avesse sentito quell’informazione, ha risposto che era dal venditore.

Perché un progetto abbia successo, è necessario che tutto il team sia coordinato nella stessa direzione. Sembrava che fosse iniziata una disconnessione tra i team della serie 4200/5200 in Europa e i gruppi della serie 580 in Nord America. Alcuni dipendenti che hanno lavorato al progetto 580 credevano che HP Europe avesse insistito per rendere la polvere tre volte più costosa della serie 4200/5200 per sabotare le vendite che continuavano a superare le loro aspettative.

Nel frattempo, aziende come i-Solids hanno iniziato ad avere successo utilizzando l’MJF 580 come, secondo Kason Knight, “Il miglior venditore per la tecnologia”. Il 580 è stato un ottimo promotore per MJF che i-Solids ha continuato a crescere, con Knight che mantiene otto macchine di produzione. Persino ABCorp e Airbus avevano scelto la MJF a colori di HP.

Invece di considerare le serie 580 e 4200/5200 come prodotti complementari, i dirigenti HP sono stati visti come concorrenti. Qualcosa doveva dare.

Le parti a colori sono più deboli?
Ci sono state anche voci secondo cui le parti dell’MJF 580 erano più deboli. Utenti come Cuyler Ackroyd, Technical Application Engineer presso Fictiv, hanno sentito “direttamente” da HP che stavano dicendo: “… il mio principale scrupolo con il 580 era il fatto che stampava parti più deboli del 30% dal punto di vista del materiale”.

Utenti come Jerry Sutton, amministratore delegato di Incremental Engineering Ltd, hanno ribattuto: “La differenza di forza tra le nostre parti 580 e la 5210 è ampiamente controllata dallo spessore della parte. Perdi un po ‘nel guscio del colore (ma non più che se facessi un’indennità sulla dimensione della parte per la vernice). Anche questo può essere utile, poiché le parti sottili che utilizzano principalmente il guscio colorato sono meravigliosamente flessibili. Una volta trattati in un AMT Postpro, sono vibranti, robusti e sigillati.

Koray Kilic, Product Manager di AbilityMade, è arrivato al punto di dire: “Dopo aver eseguito test interni su oltre 15 centri di stampa (SLS, SAF, 4200 MJF, 5200 MJF e MJF 580), posso tranquillamente dire che nulla si avvicina in termini di allungamento alla rottura e durata a fatica a una stampa MJF 580 levigata con AMT.”
Ho cercato dati più oggettivi e ho inviato due socket, uno da una serie 5200 e uno da una serie 580, alla startup CT Lumafield per farli scansionare. I risultati sono stati sbalorditivi: la presa 580 era superiore in minimi difetti e porosità delle parti interne.


Una vista ravvicinata di una presa stampata in 3D con Jet Fusion 580, CT scansionata da Lumafield.

Una vista ravvicinata di una presa stampata in 3D con Jet Fusion 580, CT scansionata da Lumafield.

Una vista ravvicinata di una presa stampata in 3D con Jet Fusion 4210, CT scansionata da Lumafield.


La fine della stampa 3D a colori
Con la stampante fuori uso solo per un anno e mezzo, HP ha lasciato andare quasi tutti i dipendenti che hanno sviluppato la 580. COVID è stata la ragione apparente per fare la mossa, consentendo all’azienda di interrompere la macchina in silenzio come un modo possibile. Il programma non ha mai avuto la possibilità di sbocciare, anche se le vendite erano buone e le vendite di materiali di consumo redditizie. Il programma non stava facendo emorragie di denaro e, sebbene la tecnologia non fosse completamente compresa dai consumatori, stavano accadendo innovazioni sorprendenti.

Nel 2021, i brontolii sono diventati abbastanza forti che l’HP Jet Fusion 580 è stato sottoposto a fine vita per sette anni, il che significa che non ci sarebbe più supporto o servizio per la macchina dopo quel periodo. Francois Minec, Global Head of 3D Polymers for P3D presso HP, ha dichiarato a 3DPrint . com :

“Non vendiamo più la serie HP Jet Fusion 580, progettata per supportare la prototipazione con funzionalità a colori. Continuiamo a supportare i nostri clienti che utilizzano le stampanti Jet Fusion 580 per progettare, sviluppare e ripetere applicazioni straordinarie. Sebbene abbiamo interrotto la serie 580, stiamo sfruttando appieno la tecnologia e le conoscenze, e un buon esempio di ciò è il lancio bianco.

“Ci siamo impegnati a dare la priorità ad aiutare i nostri partner e clienti a passare alla produzione. Con questo obiettivo in primo piano, stiamo investendo in soluzioni di produzione digitale di livello industriale come la nuova soluzione modulare Metal Jet S100 e il nuovo Jet Fusion 5420W per polimeri che offre qualità e prestazioni di produzione e supporta anche la domanda di parti bianche.
Dopo aver parlato con molte persone, nessuno sa cosa sia successo a porte chiuse durante quei fatidici meeting aziendali. In superficie, c’erano sentimenti feriti, mancanza di visione, mancanza di una leadership 3D stabile (HP aveva sei manager della divisione AM dal 2016) e infine mancanza di ascolto del consumatore. C’è solo una spiegazione: a causa dell’arroganza, l’HP Jet Fusion 580 è stato maldestro, pasticciato, mal gestito, mal gestito, maltrattato e, di conseguenza, l’amministratore delegato di HP, Inc., Enrique Lores, ha detto al pubblico di Canalys Channels Forum di Barcellona:

“… gli ordini per le stampanti 3D non sono all’altezza delle promesse iniziali, con alcuni analisti che affermano che la tecnologia non è riuscita a entrare nel mainstream nonostante un relativo boom durante la pandemia”.

Il CEO di Canalys, Steve Brazier, ha risposto: “Penso chiaramente che i tassi di crescita non siano stati quelli che tutti ci aspettavamo, direi cinque, sei anni fa. Ma penso che l’opportunità a lungo termine continui ad esserci. Tanto più che pensiamo a nuovi modelli di filiera in cui la produzione sarà più locale, più distribuita».

Lores ha proseguito con: “Quello che abbiamo fatto negli ultimi due anni è che abbiamo cambiato la nostra strategia. Non ci concentriamo più solo sullo sviluppo di sistemi hardware o materiali di consumo o servizi intorno all’hardware. Abbiamo visto che c’era la necessità e l’opportunità di creare più applicazioni end-to-end”.
Se lo spirito di “accessibilità alla tecnologia” predicato da Bill Hewlett e David Packard guidasse ancora HP, il 580 non sarebbe mai stato ucciso.

Stampa 3D a colori Ortesi e protesi
In sette anni possono succedere molte cose. Infatti, sette anni fa, nessuna tecnologia MJF era nota al pubblico. Personalmente, lavoro nelle protesi attraverso il mio LifeNabled senza scopo di lucro e vedo un buco nella stampa point-of-care, dispositivi protesici che cambiano la vita e chissà cos’altro. Non sono l’unico in questo sottosegmento né nella stampa 3D in generale a sentirsi così.

Un dispositivo ortopedico stampato in 3D a colori creato da LifeNabled su una macchina Jet Fusion 580. Immagine per gentile concessione dell’autore.
Kent Mages, presidente fondatore di Custom Color 3D Printing, ha dichiarato: “Darò i miei due centesimi. Come qualcuno che ne possiede 35, la tecnologia e il prezzo si sono concentrati solo sui mercati esistenti sbagliati. Ciò che siamo stati in grado di fare su larga scala non è possibile con nessun’altra macchina”.

Dennis Richard, Orthotist presso 3D Stability LLC, ha dichiarato: “Il 580 era molto in anticipo sui tempi. L’industria O&P non era pronta per questo. Continuo a dire che HP ha sviluppato il 580 per O e P pediatrici. Questa macchina ha migliorato la mia pratica, ma soprattutto, il 580 migliora la vita di così tanti pazienti.

L’ex dipendente HP Lee Docksetter ha aggiunto: “L’abbandono da parte di HP della categoria delle stampanti 3D a colori è stata una delle peggiori decisioni aziendali che abbia mai visto in 25 anni di stampa 3D. Nessun sistema a base di resina può competere per parti colorate funzionali. Il 580 era perfetto?…No, ma un eccellente prodotto Rev. 1.0.”

Kevin Williams, direttore delle soluzioni ingegneristiche per la produzione additiva presso Adia, ha dichiarato: “Sono completamente d’accordo. Molto deludente per la nostra attività e per i nostri clienti.”
Ricordo di essermi seduto con un gruppo di HP, discutendo del settore ortotico e protesico e dicendo che potevo vedere uno di questi in almeno il 10% delle oltre 3000 cliniche solo negli Stati Uniti. Il prezzo era giusto, le dimensioni erano giuste e, anche con i prezzi della polvere gonfiati, i costi operativi avevano ancora un senso.

L’azienda doveva sapere che la fine del ciclo di vita stava arrivando perché la discussione si è rapidamente spostata su come la produzione a contratto e la serie 4200/5200 avessero tanto senso. Anche la Veterans Administration ha iniziato ad acquistare il 580 perché il dipartimento ha visto la necessità e ha ritenuto che si trattasse di un prodotto con cui iniziare a costruire alcuni dei suoi dispositivi regolamentati.

Guadagna dalle protesi a colori
Per il settore ortopedico e protesico, questa macchina ha senso per un rapido turn around e dispositivi durevoli e coerenti a un prezzo non irragionevole. HP aveva un margine di 3-4 volte sulla stampante e stampava denaro tramite materiali di consumo e aumento del costo della polvere. In effetti, i margini avevano più senso per il 580 sui materiali di consumo come fonte di generazione di entrate rispetto anche al livello più alto dei materiali di consumo 5210 Pro, dove i margini sono sottilissimi.

Ho dato un’occhiata ai numeri in base alla mia esperienza con la 580: se il 10% della clinica statunitense ne avesse una in ufficio, ciò rappresenterebbe circa 300 stampanti. La matematica veloce mostra che il numero è di $ 42.000.000 in vendite della sola macchina, circa $ 6.000.000 in contratti di assistenza rinnovabili e circa $ 30.000.000 all’anno in materiali di consumo e vendite di polvere che fanno funzionare la macchina solo due volte alla settimana in tutte le sedi. Un totale complessivo di quasi $ 200.000.000 di entrate, escluse le vendite di macchine lasciate sul tavolo per una piccola industria nei prossimi 5 anni.

Ci sono quasi 5.000 ospedali a livello nazionale. E se il 20 percento decidesse di eseguire la modellazione medica e la pianificazione chirurgica internamente tramite le numerose società di software e supporto sul mercato, anche se il numero che persegue effettivamente questa strategia è probabilmente maggiore. Ciò si traduce in $ 135.000.000 di vendite di macchine, $ 20.000.000 di contratti di assistenza annuali rinnovabili, $ 100.000.000 di vendite annuali di materiali di consumo e polvere all’anno, di nuovo eseguendo solo due build a settimana su tutte le macchine.

E se HP avesse effettivamente investito denaro nel software che ha contribuito a creare questi modelli e dispositivi per stabilire un altro flusso di entrate? Solo tra queste due industrie di frutta a bassa quota stai osservando una stima prudente di $ 1-2 miliardi di entrate, escluse le vendite di macchine nel corso di cinque anni. Che dire delle vite cambiate o addirittura salvate grazie all’uso di questa tecnologia? Inestimabile. Inoltre, HP diventa una delle aziende più influenti che lavorano per il bene dell’umanità, il tutto creando entrate e posti di lavoro sostenibili in tutto il mondo.

Con tutto questo in mente, HP dovrebbe riportare in vita l’MJF 580 e consentire ai suoi consumatori di utilizzarlo in modi efficienti e creativi che HP potrebbe non aver mai nemmeno preso in considerazione. La divisione di stampa 3D di HP non dovrebbe occuparsi solo della produzione sulle macchine della serie 4200/5200 che sono inaccessibili per la maggior parte. Dovrebbe consentire al “piccolo ragazzo”, alle piccole imprese, alle strutture del punto di cura di prosperare grazie all’accesso a una tecnologia che sarebbe altrimenti inaccessibile. Nel frattempo, HP ha rilasciato la soluzione HP Jet Fusion 5420W per la stampa 3D di parti bianche, una macchina industriale richiesta dal settore sanitario perché non c’erano altre opzioni simili, a parte SLS, per la stampa 3D di parti bianche.

L’MJF 580 è anche un compagno complementare alla serie 4200/5200. Ci sarebbe una maggiore domanda per il 4200/5200 se il 580 non fosse mai stato ucciso? Spero che HP faccia la cosa giusta e che siamo in grado di scoprirlo.

Brent Wright da 3dprint.com

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi