Pico Hybrid Hot End

Bene, sembra che il Pico Hybrid ce l’abbia finalmente fatta!

La Pico Hybrid ha una storia incredibilmente lunga nella stampa 3D, a partire dal 2014. A quel tempo l’hot end di Pico era stato un prodotto di crowdfunding di successo e la società dietro di esso, B3 Innovations, era impegnata a lavorare su un nuovo prodotto, il Pico Ibrido. L’hot end proposto sarebbe stato più piccolo e più potente.

Purtroppo non ce l’ha mai fatta. B3 Innovations ha improvvisamente eseguito uno dei più incredibili perni aziendali che ho visto nella stampa 3D, cambiando il loro business da hot end a portasalsa. Ho raccontato questa storia in un pezzo dello scorso anno con il mio titolo preferito: ” The Strange Tale Of B3 Innovations Ends In Dipping Sauce “.

Mentre B3 Innovations si è trasferito nella terra delle salse, la Pico Hybrid è stata praticamente abbandonata e la società sperava che qualcun altro l’avrebbe presa. E così è successo quando è stato acquisito in qualche modo dalla Metaform LLC con sede nel Missouri .

Questa nuova società ha tentato di lanciare Pico Hybrid all’inizio di quest’anno, ma non è riuscita a farlo. Il direttore operativo di Metaform, Aaron Kaplan, ha dichiarato:

“Da allora abbiamo annullato il preordine, rimborsato coloro che hanno partecipato e rilanciato su Kickstarter”.

La Pico Hybrid è stata effettivamente lanciata su Kickstarter la scorsa settimana e questa volta hanno superato il traguardo annunciando che il progetto sarà completamente finanziato in sole 48 ore. Al momento della stesura di questo articolo hanno oltre 300 ordini, quindi sembra che abbiano avuto successo.

Cosa ha attratto tutti quegli acquirenti verso Pico Hybrid? Nonostante il suo design e l’età del concept, sfoggia una serie di fantastiche caratteristiche. Eccone alcuni che hanno attirato la mia attenzione:

Capacità multi-diametro
La maggior parte delle estremità calde ha un diametro di 2,85 o 1,75 mm ed è necessario fornire il filamento corrispondente. Tuttavia, il Pico Hybrid ha un modo per cambiare i diametri in “secondi” con un cambio degli ugelli. Questa è una caratteristica enorme per coloro che hanno una pila di filamenti avanzati con il diametro “sbagliato”.

Fine calda o fredda calda
Le estremità calde tipiche sono progettate per essere interamente in metallo o no. Tutti in metallo significa che possono essere riscaldati a 300 ° C circa senza sciogliere le parti in plastica. Questo è importante in quanto una delle parti tipiche di un hot end è il tubo in PTFE, che, se riscaldato a temperature troppo elevate, emette sostanze chimiche nocive. Un hot end non interamente in metallo è “scivoloso” ed è in grado di gestire materiali flessibili o a bassa temperatura.

Il Pico Hybrid ha un modo per cambiare anche questa capacità semplicemente cambiando l’ugello. Sembra che il design dell ‘”ugello” sia più della semplice punta, ma include altre caratteristiche all’interno dell’estremità calda.

Pico Hybrid Hot End Weight
L’hot end Pico Hybrid è anche molto leggero a soli 28 g per tutti i componenti, inclusi riscaldatore, termistore, ventola e supporto.

Un hot end leggero è molto importante per la stampa 3D ad alta velocità poiché il sistema di movimento della stampante 3D non deve contrastare un grande slancio quando si cambia direzione. In altre parole, c’è la possibilità di stampare in 3D più velocemente quando si utilizza un hot end più leggero, in particolare con le configurazioni Bowden.

Cablaggio rinforzato
Il Pico Hybrid include anche un cablaggio rinforzato in metallo, e questo è abbastanza importante. Molti guasti dell’hot end si verificano quando le particelle di plastica vengono estruse per errore attorno all’hot end durante un errore di stampa. Quando si rimuovono questi blob, c’è la possibilità di strappare il cablaggio e, quando ciò accade, è necessario risolvere ancora di più. Questo è meno probabile con il Pico Hybrid poiché i cavi sono più forti.

Materiali ibridi Pico
Il sistema include tre tipi di ugelli: ottone rivestito in PTFE per i materiali di stampa 3D più comuni, inclusi i flessibili; una versione “Hardened” rivestita in PTFE per materiali a bassa temperatura contenenti materiali abrasivi; e infine una versione temprata interamente in metallo in grado di gestire materiali a temperature più elevate come PEEK o ULTEM.

La flessibilità di questo sistema significa che con una singola stampante 3D e questi tre ugelli, si potrebbe consentire la stampa 3D di successo di praticamente tutti i possibili materiali di stampa 3D. Ovviamente, non c’è alcuna garanzia che funzionino perché il successo della stampa 3D dipende anche dal resto della macchina: i materiali a temperature più elevate richiedono involucri, ad esempio.

Compatibilità ibrida Pico
A causa delle sue piccole dimensioni, questo hot end potrebbe non adattarsi allo stesso modo quando si sostituisce un hot end esistente. Tuttavia, sembra che Metaform abbia fornito diversi tipi di sistemi di montaggio per consentire un uso diffuso del Pico Hybrid. Ad esempio, è disponibile un’estensione per adattarsi al popolare supporto E3D-Online V6.

Disponibilità ibrida Pico
Pico Hybrid è ora disponibile per l’ordine su Kickstarter per un paio di settimane ancora. Il suo prezzo normale è di 149 $, ma durante il lancio il prezzo è di 119 $.

Be the first to comment on "Pico Hybrid Hot End"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi