PRUSA PRESENTA LA SUA NUOVA FATTORIA DI STAMPANTI 3D MODULARI ALL’EXPO 2020 DI DUBAI
 

L’ultima innovazione dell’azienda è una print farm modulare destinata a grandi università universitarie, studi di ingegneria, produttori di pezzi di ricambio, agenzie di servizi di stampa 3D su richiesta e chiunque altro sia alla ricerca di una produzione di piccoli lotti completamente automatizzata. Prusa ha già sviluppato un prototipo completamente funzionante comprendente 34 nuove stampanti 3D CoreXY Original Prusa, che è attualmente in mostra nel padiglione ceco all’Expo 2020 di Dubai, un’Expo mondiale che durerà fino al 31 marzo 2022.

Una nota a margine, l’Expo di Dubai presenta anche una replica stampata in 3D del David di Michelangelo, realizzata utilizzando la tecnologia di scansione 3D e stampa 3D in resina. Secondo quanto riferito, gli organizzatori dell’evento hanno coperto le parti private della statua di 17 piedi nel tentativo di mantenere un punteggio PG, nonostante l’originale mostri con orgoglio tutte le sue appendici a Firenze.

Fondata nel 2012 da Josef Průša, Prusa Research è ben nota nella comunità della stampa 3D per il suo ampio portafoglio di macchine desktop adatte sia agli hobbisti che ai professionisti. L’azienda gestisce già un’enorme azienda di stampa 24 ore su 24, 7 giorni su 7, di 600 stampanti 3D nel suo quartier generale a Praga, ma questa è gestita da un intero team di operatori agricoli. 

Josef Průša ha dichiarato: “Abbiamo sempre voluto automatizzare la produzione, ma non c’è mai stata l’opportunità di farlo. Questo è cambiato circa tre anni fa. Ci è stata proposta l’idea di rappresentare la Repubblica Ceca all’EXPO 2020 di Dubai, a condizione che avessimo qualcosa di “prossima generazione” da mostrare. È stata l’occasione giusta per tuffarci a capofitto nei nostri piani per la nostra nuova fattoria di stampa 3D.

 

L’AFS è composto da 34 stampanti 3D Prusa appositamente progettate, un software di gestione dell’allevamento appositamente sviluppato e un sistema di raccolta e consegna automatica delle parti. Nel tentativo di rendere il sistema più compatto, l’azienda ha progettato un telaio a forma di cubo per ogni modulo della stampante. Proprio come un server rack, questi moduli possono essere sostituiti a caldo, il che significa che le stampanti possono essere semplicemente estratte quando devono essere riparate e una nuova può essere installata in pochi minuti.

Sebbene il prototipo contenga 34 stampanti, la print farm stessa è in realtà progettata per essere scalabile e il numero di stampanti non è fisso. Prusa intende anche sviluppare diverse opzioni anche per lo scarico delle parti, oltre al semplice sistema a due contenitori presentato a Expo 2020.

Il software di nuova concezione utilizzato per controllare Prusa Pro AFS si chiama Prusa Connect. Progettato per un controllo completo della print farm, il programma offre una serie di funzioni intelligenti per automatizzare veramente il flusso di lavoro di stampa 3D. Quando un modello viene selezionato per la stampa, Prusa Connect troverà automaticamente la stampante migliore per il lavoro, tenendo traccia dei lavori di stampa attivi, delle statistiche, dei tempi di stampa rimanenti e di altri parametri chiave.

Una volta completata una costruzione, il software di controllo invia quindi un braccio meccanico per rimuovere il foglio di stampa e posizionarlo nell’area di raccolta dove la parte viene staccata e lasciata nel contenitore di raccolta. Il braccio restituisce quindi il foglio alla stampante per avviare la stampa successiva.

Il prossimo passo per Prusa è sottoporre a stress test l’AFS presso il suo quartier generale per un periodo di diversi mesi. Con l’intenzione di consegnare le prime unità entro il prossimo anno, l’azienda prevede che il suo parco di stampa costerà circa $ 3000 per stampante (+ contratti di servizio).

 
Proprio il mese scorso, Prusa ha anche lanciato l’ultima versione del suo software di slicing open source, la seconda versione alpha di PrusaSlicer 2.4.0 . Basandosi sulla versione 2.4.0 alpha one , quest’ultima versione porta con sé diverse nuove funzionalità e aggiornamenti per rendere il flusso di lavoro di prestampa più veloce ed efficiente. Il software ha anche corretto tutta una serie di bug rilevati dagli utenti, creando un’esperienza di stampa 3D più pulita.

All’inizio di questa estate, la società ha annunciato il lancio di una nuova stampante 3D LCD a base di resina chiamata SL1S Speed . Inteso come successore del sistema MSLA di debutto dell’azienda, l’SL1 , il nuovo e migliorato SL1S Speed ​​viene fornito completo di una pletora di aggiornamenti significativi. Oltre a un’area di stampa più ampia del 25%, il sistema offre una velocità di stampa tre volte superiore rispetto al fratello minore, con tempi di polimerizzazione di appena 1,4 secondi per strato.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi