Rapporto sulla sicurezza di Chemical Insights FFF
 
Questo è stato a lungo un argomento nella stampa 3D FFF: quali sono i pericoli delle emissioni che si producono quando vengono riscaldati vari filamenti polimerici? In passato ci sono stati studi che indicavano due tipi di problemi:

La produzione di minuscole nanoparticelle che possono disperdersi nell’aria e inalare
La tossicità dei materiali trasportati da quelle nanoparticelle
In precedenza, i sondaggi avevano rilevato che l’ABS produceva molte più particelle e tossine rispetto al PLA e la ventilazione era sempre consigliata.

Il nuovo rapporto approfondisce un po’ e con una metodologia diversa. Spiegano:

“Gli strumenti di misurazione dell’aerosol sono stati utilizzati per studiare le emissioni di particelle da due dei filamenti 3DP più comuni, l’acrilonitrile butadiene stirene (ABS) e l’acido polilattico (PLA). Utilizzando il software MPPD (Multiple Path Particle Dosimetry), è stato determinato il livello di deposizione di particelle in base a specifiche caratteristiche polmonari e respiratorie. Le cellule epiteliali delle vie aeree umane sono state esposte a particelle 3DP e vari biotest cellulari e profili metabolomici sono stati impiegati per valutare il potenziale danno cellulare, infiammazione e stress ossidativo che possono portare a danni al DNA all’interno delle cellule.
 
Quindi hanno catturato le emissioni e le hanno esposte alle cellule viventi per vedere cosa succede. Questa tabella mostra le loro misure. Si noti che il “CTRL” è una “stanza senza stampanti 3D”. Stranamente, noterai che i livelli nelle stanze CTRL a volte sembrano più alti di quelli nelle stanze di stampa 3D, il che mi confonde un po’. Immagino che le nanoparticelle possano farsi strada nell’aria fino a tutte le stanze vicine.

 
Scrivono anche che livelli inferiori a 5μg/cm2 sono considerati non tossici. Tuttavia, noterai che diverse misurazioni superano quel livello. Una delle loro conclusioni:

“Tuttavia, in sintesi, l’ABS sembra avere una tossicità maggiore poiché le particelle raccolte più lontano dalla stampante hanno indotto maggiori riduzioni della vitalità cellulare rispetto al PLA quando si confrontano solo le dosi elevate. Ciò suggerisce che la vicinanza al 3DP durante la stampa dovrebbe essere discussa quando si raccomandano linee guida di sicurezza insieme a strategie di mitigazione della ventilazione e della filtrazione.
Nel complesso affermano che gli effetti tossici possono essere prodotti anche con piccoli livelli di esposizione, suggerendo fortemente che la ventilazione dovrebbe essere sempre utilizzata con le stampanti 3D FFF.

Tabella dei risultati del rapporto sulla sicurezza FFF [Fonte: Chemical Insights]

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi