Reflow Seaglass

REFLOW LANCIA LA NUOVA GAMMA SOSTENIBILE SEAGLASS DI FILAMENTI DI STAMPA 3D RPETG

Reflow , fornitore di filamenti per stampa 3D con sede ad Amsterdam, ha lanciato una nuova gamma ecologica di materiali traslucidi “Seaglass”.

La linea sostenibile dell’azienda di sei materiali rPETG è realizzata con plastica di provenienza locale e si ispira all’ambiente e alla sua “naturale bellezza selvaggia”. Attraverso la sua nuova gamma di polimeri, Reflow mira a limitare e perfezionare il contributo del più ampio settore della stampa 3D all’inquinamento da plastica in tutto il mondo.

Riflusso e sostenibilità nella stampa 3D

Fondata nel 2015, Reflow è un’organizzazione che mira ad affrontare l’inquinamento da plastica fornendo alternative di progettazione e produzione sostenibili. Secondo Reflow, la gamma di filamenti per stampanti 3D è la prima al mondo ad essere sviluppata dalla comunità a partire da rifiuti di plastica riciclata. Negli ultimi cinque anni, l’azienda ha vinto numerosi premi per le sue pratiche sostenibili.

In qualità di raccoglitore di rifiuti in plastica, Reflow valuta la riciclabilità dei rifiuti polimerici cercando e identificando i materiali plastici nascosti nei rifiuti. Successivamente, l’azienda crea materiali stampabili in 3D attraverso un processo di estrusione nel suo impianto di produzione nei Paesi Bassi. Ogni chilogrammo di filamento risparmiato riduce le emissioni di carbonio di 0,5 kg e previene 820 grammi di rifiuti di plastica.

Reflow fornisce anche plastica riciclata a investitori, aziende e ingegneri, che hanno utilizzato i filamenti per creare una vasta gamma di prodotti, dalle protesi agli arti. L’azienda incoraggia continuamente la crescita anche all’interno delle pratiche sostenibili esistenti e, dal 2016, lavora per garantire che la stampa 3D sia sostenibile e inclusiva.

Reflow fornisce anche plastica riciclata a investitori, aziende e ingegneri per creare una vasta gamma di prodotti, dalle protesi agli arti.
Con questo in mente, Reflow dona il cinque per cento del suo profitto per migliorare la vita dei raccoglitori di rifiuti in India e investe un ulteriore venticinque per cento nel settore della stampa 3D africana. Reflow spera di creare una piattaforma per la sostenibilità economica sostenendo le pratiche verdi esistenti e incoraggiando il cambiamento sociale.

Reflow ha anche fornito a paesi come l’India e la Tanzania una piattaforma open source per produrre in modo sostenibile il filamento della stampante 3D. Il dispositivo può essere costruito per soli $ 1.500 e può creare circa 10 kg di filamenti per stampanti 3D redditizi al giorno. All’interno della macchina, vengono utilizzati solo tipi di bottiglie specifici per garantire una produzione di filamenti di alta qualità e il progetto complessivo fornisce un vantaggio all’industria internazionale.

Il filamento anti-inquinamento di Reflow

La “G” in rPETG sta per glicole, un additivo che rende il materiale meno fragile e più resistente. rPETG è costituito da rifiuti di polietilene tereftalato (PET) come contenitori e bottiglie di plastica. Il polimero è ampiamente utilizzato nell’ecosistema del riciclaggio globale perché gli ingredienti sono spesso di origine etica.

La plastica alla fine ha un’adeguata forza e resistenza agli urti, elevata tolleranza alle temperature elevate e qualità visive, come mostrato nelle gemme multicolori di Reflow. rPETG è compatibile con la maggior parte delle stampanti 3D desktop convenzionali e le qualità di resistenza dei polimeri lo rendono adatto per applicazioni in elettronica, farmaceutica e studi medici.

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno integrato la tecnologia di stampa 3D in pratiche sostenibili in tutto il mondo.

Nel maggio 2020, i ricercatori della Greek Hellenic Mediterranean University hanno condotto uno studio per determinare l’ impatto ecologico del riciclaggio del filamento ABS . Gli scienziati hanno creato una simulazione del processo di riciclaggio incentrata sui trattamenti termomeccanici e condotto una serie di test meccanici sulle parti stampate FFF.

Nel gennaio 2020, un team dell’Università di Aarhus ha concluso che era tempo di cambiare il modo in cui l’industria della stampa 3D consuma la plastica . La ricerca mira a sviluppare un filamento di stampa 3D standardizzato e documentabile di qualità elevata e stabile da plastica riciclata.

In linea con il tema del riciclaggio, nel 2019 KLM Royal Dutch Airlines è diventata la prima compagnia aerea internazionale a riciclare bottiglie in PET per creare apparecchiature stampate in 3D . La compagnia aerea raccoglie le bottiglie in PET vuote dai suoi voli e le invia alla società olandese Morssinkhof Rymoplast per il riciclaggio.

Be the first to comment on "Reflow Seaglass"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi