Gli scienziati usano l’intelligenza artificiale, i raggi X e la stampa 3D per rivelare un Picasso nascosto
Il dipinto era stato oscurato per 118 anni

Il pasto del cieco è tra le opere d’arte più importanti del periodo blu di Pablo Picasso, ma condivide anche una tela con un dipinto più misterioso.

Sotto la pittura ad olio si trova un ritratto di una donna nuda a forma di cuore. Picasso aveva dipinto sopra il quadro, il che non era insolito per l’artista quando i soldi erano pochi. 
Il dipinto era stato nascosto dal 1903, ma una combinazione di intelligenza artificiale , imaging stereoscopico e stampa 3D ha rimosso la copertina. 
Gli studiosi avevano passato anni a cercare il dipinto prima che fosse finalmente trovato nel 2010.

Una versione incompiuta del ritratto appare sullo sfondo de La Vie di Picasso , ma l’originale non è stato scoperto fino a quando i raggi X non lo hanno portato alla luce dietro The Blind Man’s Meal .

Anche La Vie (1903) è stata dipinta sopra un’immagine esistente, Last Moments del 1898 .  

Il processo di restauro
George Cann, un dottorando dell’Agenzia Spaziale del Regno Unito, e Anthony Bourached, che ricerca Machine Learning e Behavioral Neuroscience presso l’UCL, hanno utilizzato una tecnica in cinque fasi per ricreare opere d’arte perdute, che hanno condotto attraverso una società che hanno cofondato chiamata Oxia Palus.

Il duo ha utilizzato per la prima volta immagini a raggi X e infrarossi per rivelare la pittura di fondo all’interno del pezzo di superficie. Queste immagini sono state quindi elaborate per separare i pezzi esterni e interni.

The Blind Man’s Meal (e The Lonesome Crouching Nude ) è esposto al Metropolitan Museum di New York. Credito: Oxia Palus
Successivamente, una rete neurale artificiale è stata addestrata su opere di Picasso. Ciò ha permesso al sistema di riprodurre il pezzo nello stile dell’artista spagnolo.

I ricercatori hanno quindi generato una mappa termica dell’opera d’arte per dare consistenza al pezzo. Infine, il pezzo è stato stampato in 3D su tela nelle dimensioni esatte del dipinto originale.I ricercatori ritengono che Picasso avrebbe accolto favorevolmente il restauro. Bourached sospetta che l’artista non avrebbe mai voluto perdere l’originale:

Crediamo che Picasso abbia dipinto su questo pezzo con riluttanza. Era comune per il suo lavoro del periodo blu poiché era all’inizio della sua carriera e i materiali erano costosi. Inoltre, la sua comparsa sullo sfondo di uno dei suoi pezzi più famosi del periodo blu, La Vie, indica che probabilmente era significativo per lui. Credo che Picasso abbia accolto attivamente tali studi forensi, dal momento che lui stesso ha detto: “Ho appena dipinto le immagini che sono apparse davanti ai miei occhi. Sta agli altri trovare i significati nascosti».
Non tutti condividono l’entusiasmo di Bourached. I critici dubitano che l’IA possa replicare accuratamente un Picasso e temono che aggiunga elementi che l’artista non avrebbe usato.

Per certi versi, la tecnica ha approfondito il mistero del dipinto originale e della donna che raffigura.

foto di Oxia Palus

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi