Il materiale sarà presentato alla fine di questo mese al Formnext 2022 di Francoforte. 

Una nuova poliammide a base biologica sarà presentata da Roboze al Formnext 2022. Il nuovo materiale proviene da fonti rinnovabili ed è il primo risultato di quella che secondo Roboze è un’intensa ricerca per lo sviluppo dei supermateriali del futuro da parte dell’azienda.

Il nuovo tecnopolimero è stato prodotto con una matrice a base biologica rinforzata con fibre naturali.

Roboze crede che la sostenibilità sia il “prerequisito necessario” per un progresso duraturo per le persone e il pianeta. Investe nella ricerca e sviluppo di soluzioni diversificate per soddisfare le varie fasi di sviluppo e produzione dei beni, che si ritiene essere una scelta strategica per ottenere risposte e proporre azioni correttive agli attuali metodi e modelli di business.

L’azienda afferma di aver sviluppato una tecnologia che porta la produzione additiva alla pari con i metodi convenzionali raggiungendo il suo primo obiettivo, ovvero consentire un nuovo modello di produzione basato sulla distribuzione di micro-fabbriche in tutto il mondo che utilizzano la tecnologia Roboze. 


A Formnext, Roboze presenterà la nuova poliammide, che è il primo risultato del suo impegno nella ricerca e sviluppo di super materiali in grado di “accelerare la transizione verso una produzione sostenibile”. 

“La bio-based PA nasce dalla combinazione dell’impegno di Roboze nello sviluppo di prodotti ecosostenibili ad alte prestazioni, con la creatività e le competenze tecnologiche del team di ricerca e sviluppo”, ha affermato Simone Musso, PhD, Head of Materals Science, che guida la ricerca e lo sviluppo di nuovi materiali in Roboze.

Secondo l’azienda, la PA a base biologica offre ottime prestazioni in termini di bassa igroscopicità, eccellente ritenzione delle proprietà meccaniche dopo assorbimento d’acqua ed eccellente stabilità dimensionale. Le parti stampate presentano anche una superficie nera lucida.

Con le stesse specifiche e prestazioni, ma il 60% in meno di CO 2 rispetto a un PA a base di petrolio rinforzato con fibra di carbonio secondo Roboze, l’azienda afferma che il nuovo materiale consentirà alle aziende manifatturiere di avvicinarsi ai loro obiettivi di sostenibilità e contribuire a un futuro migliore per il pianeta.

Il processo di stampa 3D con la nuova PA può anche contribuire alla riduzione delle emissioni con la produzione di alcuni componenti come maschere e fixture, che può avvenire in camera fredda e con una riduzione delle temperature di estrusione. Roboze afferma che anche il nuovo PA è completamente riciclabile poiché il polimero e il rinforzo sono entrambi a base biologica.

“In Roboze, vogliamo rivoluzionare il mondo della produzione, ma con un occhio all’ambiente”, ha aggiunto il Dr. Musso.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi