Rocket Lab si quota al Nasdaq per fusione con Vector Acquisition Corporation

La stampa 3D sta diventando ancora una volta una merce calda poiché numerose startup si fanno strada nel mercato azionario tramite fusioni con società di acquisizione per scopi speciali (SPAC). L’ultima è Rocket Lab , che ha annunciato che diventerà pubblica tramite una fusione con la società di controllo in bianco Vector Acquisition Corporation ( Nasdaq: VACQ ). La nuova organizzazione, che opererà con il simbolo del Nasdaq RKLB, ha un valore di $ 4,1 miliardi.

La piccola industria missilistica sembra essere innamorata della stampa 3D come mezzo per produrre parti di razzi complessi in modo più rapido ed economico di quanto sia possibile con la tecnologia di produzione tradizionale. Nel 2015, il Rocket Lab della Nuova Zelanda è stato il primo a dare il via alla tendenza con il suo motore a razzo stampato quasi interamente in 3D , Rutherford.

Non solo è stato il primo sviluppatore di piccoli razzi a fare affidamento sulla stampa 3D in modo così pesante, ma il Rutherford è il primo motore a razzo alimentato a batteria al mondo, che si affida a un motore elettrico anziché a gas, risultando in un sistema più leggero. Le principali valvole dell’elica, iniettori, pompe e camere del motore sono tutti realizzati utilizzando la tecnologia di fusione a fascio di elettroni e possono essere stampati in 3D in sole 24 ore.

“Nella storia dei voli spaziali, Rocket Lab è una delle uniche due società private che ha fornito un accesso regolare e affidabile all’orbita”, ha affermato Peter Beck, CEO di Rocket Lab. “Questa pietra miliare accelera la capacità di Rocket Lab di sbloccare il pieno potenziale dello spazio attraverso le nostre piattaforme di lancio e di veicoli spaziali e catalizza la nostra ambizione di creare un nuovo business verticale multimiliardario nelle applicazioni spaziali”.

Dal suo primo lancio di successo nel 2017 , la startup ha continuato a fare una serie di primati, non ultimo dei quali è il primo razzo inviato in orbita dalla Nuova Zelanda, un paese senza programma spaziale nazionale. Da allora Rocket Lab ha lanciato quasi 100 satelliti nello spazio, utilizzati per esplorare progetti come il deorbitazione dei detriti spaziali, la creazione di Internet nello spazio e la sorveglianza marittima. Nel 2020, Rocket Lab ha recuperato il primo stadio del suo veicolo di lancio Electron , aprendo la strada a razzi riutilizzabili e costi inferiori per missioni future.

Una volta completato l’accordo, Rocket Lab avrà circa $ 750 milioni in contanti, inclusi $ 320 milioni dal conto fiduciario di Vector Acquisition e altri $ 470 milioni tramite investimenti privati ​​in capitale pubblico di $ 10 per azione ordinaria guidati da Vector Capital, BlackRock, Neuberger Berman e altri. Le azioni di Vector Acquisition sono aumentate del 27% lunedì dopo l’annuncio, scambiando a $ 13,10 alle 9:53 ET.

L’IPO aiuterà a guidare ulteriormente la startup, con altri punti sulla sua roadmap già in lavorazione. Entro la fine dell’anno, la società lancerà un satellite in orbita lunare per conto della NASA in previsione di un avamposto in orbita attorno alla Luna che l’agenzia spaziale intende creare chiamato Gateway. La compagnia ha anche svelato il suo razzo a portanza media, Neutron, in grado di trasportare un carico utile di otto tonnellate per missioni nello spazio profondo e voli spaziali umani. È progettato per trasportare oltre il 90% dei tipi di satelliti previsti per il lancio fino al 2029 a costi inferiori.

Rocket Lab non è il primo nel settore dei giornali, né nel settore della stampa 3D, a fare affidamento sugli SPAC per diventare pubblici. La Virgin Galactic di Richard Branson è diventata pubblica tramite SPAC nel 2019. Desktop Metal ha fatto lo stesso alla fine del 2020 e Markforged lo ha fatto nel febbraio 2021. Beck ha spiegato che la quotazione in borsa consentirà alla società di raccogliere i fondi necessari per Neutron e altri progetti. Consentirà inoltre a Rocket Lab di acquisire le attività necessarie per costruire l’azienda nel modo in cui Beck prevede.

Il settore della stampa 3D ha ricevuto molta attenzione negli ultimi tempi, in parte a causa dell’emergere di una serie di nuove società e tecnologie per la stampa di metalli rilegati, nonché della consapevolezza che le aziende hanno bisogno di metodi per aggirare le interruzioni della catena di approvvigionamento. A sua volta, abbiamo assistito a una serie di interessanti fusioni e acquisizioni che ricordano il settore quasi un decennio fa. Quale sarà la prossima fusione o acquisizione? Dai un’occhiata alla nostra recente serie per vedere alcune ipotesi

Be the first to comment on "Rocket Lab si quota al Nasdaq per fusione con Vector Acquisition Corporation"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi