Scaled Chameleon

L’azienda britannica presenta un’auto stampata in 3D Chameleon

Uno dei pionieri delle auto stampate in 3D, Local Motors, potrebbe essersi spostato verso il trasporto pubblico autonomo , ma ciò non significa che altre aziende non stiano ancora esplorando la produzione additiva di veicoli personali. L’ultima è una società britannica chiamata Scaled Ltd , che ha svelato un veicolo elettrico a quattro ruote stampato in 3D soprannominato Chameleon.

Per Scaled, Chameleon è un progetto dimostrativo, inteso a mostrare le possibilità della produzione additiva (AM) su larga scala utilizzando i sistemi dell’azienda. Scaled è stata fondata nel 2015 e ospita sia stampanti 3D gantry che un braccio robotico industriale dotato di testine di stampa per estrusione termoplastica. Il braccio robotico è in grado di stampare in 3D oggetti lunghi fino a tre metri.

Progettato e prodotto in pochi mesi, il Chameleon è stato progettato utilizzando il software stocastico di Rafinex, che ha permesso di ottimizzare il telaio del veicolo in risposta a una varietà di condizioni di carico. Il materiale utilizzato per produrre l’auto era PA6 del Lehvoss Group, pensato per essere abbastanza resistente per la guida.

“Il 33% del veicolo includeva un PA6 riciclato di una società britannica, Hills Premier Polymers”, ha affermato Bob Bradley, cofondatore e direttore tecnico di Scaled. “In futuro sarà sicuramente possibile aumentare la quantità di plastica circolare utilizzata per questo tipo di cose, qualcosa di cui siamo molto entusiasti”.

I componenti non stampati in 3D sono stati creati con l’assistenza degli studenti del Racing Team dell’Università di Birmingham. Con un peso di 150 kg, il veicolo funziona con un motore elettrico Lynch e può viaggiare fino a 45 mph.

Noterai dalle immagini che il Chameleon manca di molte delle caratteristiche che si potrebbero associare a un’auto da strada e assomiglia più da vicino a un carrello da golf. Sebbene la startup britannica sia concentrata sul settore automobilistico, non sembra ancora che il suo obiettivo principale sia diventare un produttore di veicoli stampati in 3D.

Se avesse intrapreso quella strada, avrebbe dovuto lottare con artisti del calibro di LM Industries (LMI), la società madre di Local Motors, che più o meno ha rinunciato ai veicoli stampati in 3D personali al posto del suo autonomo stampato in 3D navetta, Olli. Poi c’è Divergent 3D / Czinger , diretto al mercato delle super e ipercar di lusso. Il concorrente diretto più vicino sarebbe l’ azienda italiana XEV , che afferma di avere fino a 30.000 ordini per i suoi piccoli veicoli elettrici stampati in 3D.

Per il momento, la stampa 3D dei veicoli rimane isolata dalle applicazioni speciali di fascia alta, piuttosto che dal possesso di auto personali. Nel caso di Divergent 3D / Czinger, ciò significa che solo i tipi di auto sportive ad altissime prestazioni che i ricchi possono permettersi. Altrimenti, vediamo un certo numero di squadre di sport automobilistici che utilizzano la tecnologia per le loro gare e alcuni produttori di lusso che incorporano parti terminali stampate in 3D nei loro veicoli. Quando si tratta di consumatori, i grandi marchi hanno sperimentato mod stampate in 3D piccole e limitate , ma ci vorrà ancora un po ‘prima che le auto con telai stampati in 3D siano davvero pronte per la strada. I militari, tuttavia, potrebbero trovarne un impiego prima dei consumatori.

Secondo il rapporto di analisi SmarTech ” Produzione additiva per la produzione di parti automobilistiche – 2019 – 2029 “, LMI potrebbe segnalare il metodo principale in cui il pubblico incontra veicoli stampati in 3D. Il rapporto afferma:

“Una serie di casi applicativi indicano che le tecnologie di stampa 3D saranno un processo di produzione chiave per la produzione delle flotte di veicoli elettrici intelligenti di domani. Un esempio è la navetta OLLI a guida autonoma stampata in 3D, sviluppata per l’utilizzo nella mobilità intelligente nei centri urbani o nelle sedi aziendali e nei parchi commerciali chiusi “.

LMI non è l’unica azienda a perseguire questa opportunità. Il suddetto produttore italiano, XEV, ha lanciato “veicoli aziendali personalizzati” ad aziende come Poste Italiane, Arval Leasing Company, Q8 Petroleum Company (Kuwait Petroleum Company) e Campello Motors. Poiché non tutti possono permettersi il sistema di produzione additiva Big Area da 1 milione di dollari che LMI utilizza per produrre Olli, possono effettivamente rivolgersi ad aziende come Scaled per una produzione a basso costo.

Be the first to comment on "Scaled Chameleon"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi