Scanner 3D per edifici: come eseguire la scansione 3D di un edificio


Vi siete mai chiesti come vengono creati modelli in scala di monumenti o edifici enormi? Ulteriori informazioni sugli scanner per edifici 3D in questa guida dettagliata.

Perche dovresti farlo?

I modelli di grandi strutture, come gli edifici, sono talvolta necessari per una serie di motivi, come il restauro, la documentazione o lo studio archeologico. Esistono due modi per ottenere un modello di un edificio: misurare ogni dimensione di cui hai bisogno o semplicemente scansionare 3D l’intera cosa.

Nella maggior parte dei casi, è più semplice scansionare un edificio piuttosto che misurare ogni finestra, porta e facciata. Quindi, in questa guida, analizzeremo il processo di scansione 3D di un edificio.

Stai cercando di stampare un edificio dopo la scansione ma non hai attrezzature sufficientemente grandi (o precise) per gestire il lavoro? Perché non provare un servizio di stampa 3D? Attraverso Craftcloud, il servizio di stampa 3D e confronto prezzi di All3DP , puoi facilmente trovare il miglior fornitore e il prezzo per le tue esigenze.

Tipi di scansione

Due dei tipi più comuni di tecniche di scansione 3D sono LIDAR e fotogrammetria:

LIDAR: solitamente utilizzato in architettura e costruzioni, uno scanner LIDAR è costituito da un laser ad alta potenza che si muove in orizzontale e uno specchio che ruota attorno ad un asse verticale. In questo modo, il laser copre una vasta area, scansionando migliaia di punti ogni secondo. La scansione laser richiede anche un computer di fascia alta in grado di archiviare e gestire grandi quantità di dati.
Fotogrammetria: una tecnica che produce modelli 3D da molte immagini dell’oggetto di interesse. Il software che useremo in seguito, 3D Zephyr, è un esempio di software di fotogrammetria.


È possibile scansionare qualsiasi edificio?

Con la marcia giusta, non ci sono limiti a queste tecniche di scansione degli edifici. Alcuni laser sono in grado di scansionare un’area con un raggio fino a 350 m (circa 1150 piedi) con una ripresa. Questi sistemi laser possono anche essere montati su un drone per scansionare tetti o torri alte.

D’altra parte, la fotogrammetria dipende principalmente dal numero di foto scattate e dalla qualità delle foto. Detto questo, è meglio evitare i giorni di sole quando si utilizza la fotogrammetria poiché la presenza di ombre può facilmente confondere il software. I droni possono aiutare in questo caso, catturando foto di luoghi difficili da raggiungere.

applicazioni

Come abbiamo detto prima, la scansione 3D è ampiamente utilizzata in architettura e costruzioni. Può aiutare i progetti di restauro acquisendo molti dati sull’edificio esistente e i progettisti possono visualizzare meglio i loro progetti utilizzando i dati di costruzione del mondo reale come base.

Un altro uso interessante della scansione 3D è in archeologia. La scansione di siti archeologici può essere utile per pianificare scavi o studiare una struttura che è troppo fragile o pericolosa per essere studiata di persona.

Passaggio 1: acquisizione e importazione

La fotogrammetria è più adatta agli hobbisti rispetto a LIDAR, in quanto non richiede formazione tecnica da utilizzare. Quindi, lo useremo per il nostro esempio approfondito.

In questa guida dettagliata, utilizzeremo 3D Zephyr , uno strumento di fotogrammetria che ci consente di creare modelli 3D da foto 2D. La versione gratuita ci consente di importare fino a 50 immagini, il che è più che sufficiente per alcuni progetti. Prova la versione di prova di questo software per questa guida:

Aspetta il tempo giusto: una giornata nuvolosa è meglio per evitare le ombre. Se stai solo pianificando di scansionare un lato di un edificio, questo potrebbe non essere un problema.
Scatta foto dell’edificio. Cerca di assicurarti che l’intero edificio si trovi in ​​ogni frame e che si sovrappongano tutti con le funzionalità acquisite.
Probabilmente avrai bisogno di un drone per fotografare le parti alte dell’edificio. 3D Zephyr ha una grande funzionalità che consente l’estrazione di foto chiave da un singolo video, che ti tornerà utile.
Dopo aver ottenuto tutte le foto e i video, puoi finalmente aprire il software di fotogrammetria. Innanzitutto, fai clic su “Flusso di lavoro” nell’angolo in alto a sinistra, quindi su “Nuovo progetto”.
Se sei disposto a dedicare un po ‘di tempo alla modellazione, puoi selezionare la casella “Maschera immagini”. Altrimenti, potresti saltare questo passaggio.
Successivamente, dobbiamo importare il filmato. Se il tuo video è lungo, potrebbe generare troppe immagini, quindi prova a manipolare l’opzione “Soglia di eliminazione automatica della somiglianza”. Si noti che un valore più elevato produrrà un minor numero di immagini dallo stesso video.

Passaggio 2: manipolazione dei dati

Dopo aver importato le immagini in 3D Zephyr, il passaggio successivo è regolare i parametri per la generazione del modello 3D. In “Categoria”, scegli “Urbano” (supponendo che stai scannerizzando un edificio o una struttura urbana) e lascia i preset come valori predefiniti. Se Zephyr rifiuta alcune delle foto, utilizzare la preimpostazione “Deep”.
Fai clic su “Esegui” e attendi. Tieni presente che questo processo potrebbe richiedere del tempo.
Dal menu del flusso di lavoro, selezionare “Dense Point Cloud Generation”. Lascia i parametri predefiniti così come sono e fai clic su Esegui.
Ripeti la generazione di nuvole di punti densi fino a quando non sei soddisfatto del risultato.
Successivamente, nel menu Flusso di lavoro, selezionare “Estrazione mesh”. Se ci sono due o più nuvole di punti differenti, scegli quella che ti piace. Puoi anche provare i preset prima di fare nuovamente clic su Esegui.
Prima di estrarre finalmente il modello, è possibile giocare con gli strumenti per la pulizia del modello, ad esempio ridimensionamento, rotazione e traduzione. Per ulteriori informazioni sugli strumenti disponibili in 3D Zephyr, consulta alcuni tutorial di base sul software.
Quando la nostra mesh strutturata è pronta per l’esportazione, seleziona semplicemente “Esporta mesh strutturata” dal menu Esporta. Scegli il formato giusto per le tue esigenze e seleziona la cartella di destinazione, quindi esporta il modello finale.
Questo approccio alla scansione 3D di un edificio potrebbe non essere il più pratico, efficiente o professionale, ma ti darà un assaggio del vero affare!

Be the first to comment on "Scanner 3D per edifici: come eseguire la scansione 3D di un edificio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi