Stampare in 3D ossa da cellule viventi dall’Università del New South Wales

bioprinting ceramico omnidirezionale in sospensioni cellulari (COBICS)

I ricercatori australiani dell’Università del New South Wales (UNSW) a Sydney hanno sviluppato un nuovo tipo di inchiostro con il quale possono creare strutture ossee utilizzando la stampa 3D. Questi hanno lo scopo di aiutare a riparare le ossa più velocemente, in modo più economico e con meno effetti collaterali. Il processo di stampa 3D, in cui viene utilizzato il nuovo bioinchiostro, deve ora essere testato nei primi test in vivo su modelli animali.

Gli scienziati australiani dell’UNSW Sydney hanno sviluppato un nuovo tipo di inchiostro con il quale sono in grado di stampare in 3D strutture simili a ossa con cellule viventi. Si dice che questo inchiostro consenta ai chirurghi dell’Università del New South Wales di riparare più velocemente il tessuto osseo danneggiato, secondo un comunicato stampa . L’anno scorso è stato creato anche il bioinchiostro NICE per la stampa 3D del tessuto osseo presso la Texas A&M University .

Dettagli delle strutture ossee
L’inchiostro è costituito da fosfato di calcio e viene trasformato in strutture simili a ossa che si induriscono molto rapidamente utilizzando una tecnica di stampa 3D chiamata “bioprinting ceramico omnidirezionale in sospensioni cellulari (COBICS)” . Il materiale può essere realizzato a temperatura ambiente completamente con cellule viventi e senza sostanze chimiche aggressive o radiazioni, come afferma il Dr. Spiega Iman Roohani della School of Chemistry dell’UNSW.

Dott. Iman Roohani aggiunge:

“Potrebbe essere utilizzato in applicazioni cliniche in cui vi è una grande necessità di riparazione in situ di difetti ossei come quelli causati da traumi, cancro o dove viene resecato un grande pezzo di tessuto”.

Secondo il professore associato Kristopher Kilian, il fatto che le cellule viventi possano far parte della struttura stampata in 3D è un importante passo avanti. Lui spiega:

“Le strutture possono essere estruse direttamente in un luogo dove ci sono cellule. Ad esempio, potrebbe essere una cavità nell’osso di un paziente. Possiamo entrare direttamente nell’osso, dove ci sono cellule, vasi sanguigni e grasso, e stampare una struttura simile all’osso che contiene già cellule viventi “.

Dott. Roohani aggiunge:

“Forma una struttura chimicamente simile ai mattoni delle ossa. L’inchiostro è formulato in modo che la conversione in un ambiente biologico sia rapida e non tossica e inizi solo quando l’inchiostro viene esposto ai fluidi corporei, offrendo all’utente finale, come un chirurgo, ampie ore di lavoro “.

Roohani spiega anche che quando l’inchiostro è combinato con una sostanza di collagene che contiene cellule viventi, consente la produzione in situ di tessuti ossei per applicazioni di tessuto osseo, modellazione di malattie, screening farmacologico e ricostruzione in situ di difetti ossei e osteocondrali può essere.

Il professore associato Kilian è fiducioso:

“Immagino un giorno in cui un paziente che ha bisogno di un trapianto osseo può andare in una clinica dove viene mappata la struttura anatomica del proprio osso, tradotta in una stampante 3D e stampata direttamente nella cavità con le proprie cellule”.

Be the first to comment on "Stampare in 3D ossa da cellule viventi dall’Università del New South Wales"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi