TissueLabs: nuova piattaforma per lo studio in vitro di SARS-CoV-2 nell’epitelio polmonare di stampa 3D gratuita per i ricercatori che studiano il coronavirus COVID-19

Ci sono pochissime certezze sulla pandemia di COVID-19 che è iniziata all’inizio di quest’anno. Nonostante stime multiple, nessuno può davvero fissare una data alla fine della pandemia, o quante persone saranno infettate dalla grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2) che causa COVID-19. Tuttavia, da quando l’impatto globale della malattia respiratoria ha bloccato un terzo della popolazione mondiale, abbiamo seguito le notizie della comunità delle biotecnologie, che ha senza dubbio intensificato il loro lavoro. Nuovi sviluppi, gruppi di ricerca e solidarietà nei confronti degli operatori sanitari sono diventati una parte nota del nuovo impegno di molte aziende, istituti di ricerca e università. In linea con questo atteggiamento, la startup biotecnologica brasiliana TissueLabsha creato una nuova piattaforma per lo studio in vitro di SARS-CoV-2 nell’epitelio polmonare.

Importante tessuto regolatore ed effettore, l’epitelio polmonare ha un ruolo cruciale come difesa dell’ospite contro i microbi che attraversano la glottide e raggiungono le vie aeree conduttive e il parenchima di scambio di gas. Nelle scorse settimane, molti ricercatori e aziende hanno iniziato a testare se i modelli di epitelio polmonare umano potessero essere utilizzati come piattaforma per lo studio dell’infezione da SARS-CoV-2 , anche usandoli per valutare potenziali farmaci antivirali.

Progettato per la fabbricazione di barriere epiteliali 3D in vitro, MatriWell è l’ultima aggiunta al portafoglio di piattaforme brevettate di TissueLabs per la creazione di organi e tessuti in laboratorio.

“Il lancio di MatriWell è stato il nostro piccolo contributo durante questo periodo di grandi cambiamenti. È stato sviluppato a tempo di record dal nostro straordinario team scientifico e concepito per affrontare uno dei principali svantaggi degli studi in vitro : la rappresentatività. E ‘stato progettato per tutti i ricercatori che lavorano per trovare un farmaco o vaccino contro questa malattia coronavirus appena scoperto perché riteniamo che i ricercatori sono i veri eroi del nostro tempo “, ha spiegato TissueLabs fondatore e CEO, Gabriele Liguori.

L’attuale pandemia di COVID-19 ha costretto la maggior parte delle società a quarantene indefinite; tuttavia, una recente dichiarazione rilasciata da TissueLabs, pone la domanda se questo sarà sufficiente per sradicare il virus che causa la malattia, suggerendo che dobbiamo essere preparati per nuove ondate di diffusione di COVID-19. Inoltre, sottolineano l’urgente necessità per la comunità scientifica di espandere rapidamente le sue conoscenze sul nuovo coronavirus e sui potenziali obiettivi terapeutici, nonostante gli studi in corso sull’efficacia dei farmaci esistenti che sono stati testati in pazienti malati.

Liguori e il suo team ritengono che le attuali piattaforme disponibili per l’ indagine in vitro del Coronavirus nell’epitelio polmonare non siano rappresentative del tessuto trovato nel polmone umano. Affermando che, in generale, le colture bidimensionali, tradizionalmente utilizzate nella ricerca biomedica, sottopongono le cellule a un microambiente molto distinto da quello presente nel corpo. In definitiva, portando a centinaia di nuovi composti sottoposti a test preclinici e clinici con un basso tasso di successo, sprecando risorse che altrimenti potrebbero essere utilizzate per lo sviluppo di composti con maggiori possibilità di successo.

Per superare questo preoccupante scenario, all’inizio di questo mese, TissueLabs ha spostato l’attenzione di tutto il suo team allo sviluppo urgente di una piattaforma per lo studio in vitro della SARS-CoV-2 nell’epitelio polmonare, che è interessato durante il processo della malattia.

Il risultato è stato MatriWell, un inserto cellulare contenente un idrogel con le proteine ​​della matrice extracellulare del tessuto. In questo caso, il tessuto polmonare. I ricercatori che lo utilizzano sarebbero in grado di personalizzare il tipo e l’origine delle cellule da utilizzare con la piattaforma. Ciò significa che, ad esempio, sarebbe possibile utilizzare cellule di pazienti con altre comorbilità, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), per creare tessuti 3D personalizzati.

“Quando le cellule vengono coltivate sopra l’idrogel, vengono esposte a un’interfaccia aerea nella parte superiore e un’interfaccia quasi liquida nella parte inferiore. Lo chiamiamo interfaccia air-gel. Quindi, le cellule vengono coltivate esattamente come le troveresti nei polmoni, il che significa che un lato è rivolto al flusso d’aria e l’altro lato al tessuto di supporto, principalmente matrice extracellulare “, ha spiegato Liguori.

L’inserto cellulare per MatriWell è stato realizzato utilizzando resina biocompatibile con stampanti 3D industriali che TissueLabs ha presso la sede dell’azienda a San Paolo. Liguori ha detto che l’idrogel si deposita dopo la stampa 3D del corpo dell’inserto cellulare,

La cosa grandiosa di questa nuova impresa è che TissueLabs ha in programma di distribuire MatriWell gratuitamente ai ricercatori che studiano il romanzo Coronavirus. Per richiederlo, devono compilare il modulo di domanda disponibile sul seguente link: https://www.tissuelabs.com/covid-19 . Una volta che la startup assiste tutti i ricercatori che lavorano su SARS-CoV-2, hanno in programma di soddisfare le esigenze di altri ricercatori che stanno studiando altre malattie e che potrebbero anche aver bisogno dell’accesso alla piattaforma MatriWell. In questo caso, dovranno compilare il “campo del progetto” nel modulo con la parola “quote” e TissueLabs tornerà al più presto possibile.

Ciò significa che una volta terminata la pandemia COVID-19, il piano di Liguori è di rilasciare MatriWell anche per altri tessuti, tra cui pelle, stomaco, intestino e colon, che probabilmente sarà il prossimo obiettivo. Tuttavia, la piattaforma è destinata a tutti i tessuti epiteliali.

A proposito di questo scenario inaspettato, Liguori ha descritto che, nonostante la sfortunata situazione in cui il mondo intero è completamente impegnato con le notizie quotidiane su COVID-19, “questo progetto è stata una grande esperienza per noi, soprattutto perché siamo riusciti a realizzarlo solo in tre settimane.” Ha anche ricordato che “sarebbe andato più veloce se non avessimo dovuto brevettarlo perché il processo di brevettazione da solo ha richiesto sette giorni”.

Il ministero della Salute brasiliano ha recentemente riferito che il bilancio delle vittime è di oltre 5.000 . Ciò significa che il numero totale di decessi confermati di COVID -19 nel paese ha superato il numero di vittime che l’ Organizzazione mondiale della sanità sta segnalando per la Cina. Uno scenario difficile per il paese latinoamericano, che finora ha il maggior numero di casi confermati. Come quasi ogni società, il Brasile ha una carenza di dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari, motivo per cui ricercatori, università e imprenditori hanno iniziato a stampare in 3D il materiale per ospedali e altri lavoratori chiave che li richiedono.

In effetti, Liguori ha affermato che “abbiamo visto in questo mese molte aziende di stampa 3D, come 3D Criar , utilizzano tutte le loro macchine da stampa 3D per realizzare diversi prodotti richiesti dagli operatori sanitari, come maschere, valvole di ventilazione, schermi facciali e altro ancora “. Tuttavia, ha anche ricordato che “purtroppo il Brasile non ha molte aziende biotecnologiche”, quindi l’iniziativa di TissueLabs è di gran lunga molto utile per tutti i ricercatori brasiliani che lavorano per una causa mondiale comune e aiutano il loro paese a sopportare la malattia.

Be the first to comment on "TissueLabs: nuova piattaforma per lo studio in vitro di SARS-CoV-2 nell’epitelio polmonare di stampa 3D gratuita per i ricercatori che studiano il coronavirus COVID-19"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi