Trasformare le bucce dei semi di soia in materie prime per la stampa 3D

L’UNIVERSITÀ DI LOUISVILLE HA ASSEGNATO UN FINANZIAMENTO AL PROCESSO PILOTA CHE TRASFORMA GLI SCAFI DI SOIA IN MATERIALI STAMPABILI IN 3D

I ricercatori del Conn Center for Renewable Energy Research dell’Università di Louisville (UofL) hanno intrapreso un progetto pilota per sviluppare un processo che trasforma gli scafi di soia rimasti dalla lavorazione della soia in materiali stampabili 3D.

UofL ha ricevuto 350.000 dollari dalla United Soybean Board (USB) per sviluppare i processi, che producono anche un prodotto secondario a valore aggiunto, lo xilosio, uno zucchero naturale adatto ai diabetici.

“L’agricoltura e la lavorazione agricola sono fondamentali per lo sviluppo economico e l’occupazione negli Stati Uniti”, ha affermato Mahendra Sunkara, direttore dell’UofL Conn Center. “La separazione dello xilosio e l’uso di fibre di guscio di soia per i compositi di fibre naturali sono potenti opportunità per affrontare l’economia agricola mondiale, i problemi nutrizionali e le esigenze di materiali da una fonte rinnovabile.

“IN COLLABORAZIONE CON BIOPRODUCTS LLC, IL CONN CENTER PREVEDE LO SVILUPPO DI UN’OPERAZIONE SU SCALA PILOTA NEI PROSSIMI DUE ANNI”.

Gli Stati Uniti generano ogni anno otto milioni di tonnellate di bucce di soia dalla lavorazione della soia e l’UofL cercherà di utilizzare questi scafi nell’ambito del loro progetto pilota. Il team di ricerca è guidato da Jagannadh Satyavolu, leader del tema per i biocarburanti e la conversione delle biomasse presso il Conn Center, e Kunal Kate, professore di ingegneria meccanica presso la JB Speed ​​School of Engineering di UofL.

In primo luogo, i ricercatori implementeranno un processo brevettato sviluppato da UofL e autorizzato da BioProducts per produrre xilosio dagli scafi di soia. La fibra residua rimanente, che rappresenta circa l’80% della biomassa di partenza, ha una struttura fibrosa modificata dopo l’estrazione di xilosio che può essere utilizzata come fibra naturale nei compositi per varie applicazioni di stampa 3D.

In particolare, questi compositi in fibra naturale hanno potenziali usi all’interno di industrie che attualmente si affidano a compositi in fibra di vetro e fibra di carbonio a base di petrolio per ridurre il peso e mantenere la forza, come i settori automobilistico, dell’ingegneria civile, militare e aerospaziale. Attualmente, la sfida principale dell’utilizzo di bucce di soia per produrre queste fibre risiede nella creazione di una tecnologia efficiente, economica e realizzabile su scala commerciale.

Le bucce di soia sono un sottoprodotto della produzione di soia. Immagine di Daina Krumins.

Con il suo nuovo finanziamento, il progetto Conn Center mirerà a sviluppare un metodo stabile ed efficiente per trasformare la biomassa di soia in compositi di fibre naturali leggere che hanno il potenziale per soddisfare le richieste di queste industrie.

La sovvenzione USB finanzierà lo sviluppo della fase pilota dei risultati della precedente ricerca UofL, inclusa la stampa 3D utilizzando filamenti compositi polimerici di soia, separazione di xilosio e una domanda di brevetto per la produzione di materie prime composte polimeriche.

Durante la fase pilota, il team di ricerca tenterà di ottimizzare il processo in modo che possa diventare commercialmente fattibile. Ciò comporterà il raggiungimento di grandi volumi di produzione di campioni di xilosio e filamenti compositi per la valutazione da parte di partner commerciali nei settori alimentare e della stampa 3D.

Be the first to comment on "Trasformare le bucce dei semi di soia in materie prime per la stampa 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi