TRUMPF è un giocatore importante e interessante nel mondo della stampa 3D in metallo. Uno dei più grandi produttori di macchine utensili al mondo, l’azienda è entrata e uscita dalla produzione additiva (AM). È stato uno dei primi sviluppatori di sistemi di deposizione diretta di energia (DED) nel 2000 prima di impegnarsi maggiormente nella stampa 3D nel 2014 attraverso una joint venture, TRUMPF SISMA SRL, con il partner italiano SISMA SpA, con TRUMPF che possiede il 55% delle azioni. Ora, il conglomerato tedesco sta acquistando l’intera entità.

La linea di stampanti 3D in metallo di Sisma.
TRUMPF continuerà la linea di macchine laser metal fusion (LMF) di SISMA , consentendole di dirigere la propria tecnologia verso i mercati industriale, dentale e medico. Nel frattempo, SISMA continuerà a concentrarsi sul settore della gioielleria e della moda, per il quale distribuirà i sistemi LMF per conto di TRUMPF. TRUMPF SISMA ha sede a Schio, nel nord Italia, dove circa 60 dipendenti hanno sviluppato la tecnologia LMF.

Utilizzando la stampa 3D, TRUMPF ha fabbricato la girante per un compressore di gas in appena la metà del tempo che normalmente sarebbe necessario per produrre. [Immagine: Gruppo TRUMPF]
La notizia è interessante alla luce della vendita da parte di TRUMPF di One Click Metal , una spin-out di TRUMPF dedicata alle macchine per fusione a letto di polvere laser (PBF) per $ 100.000. Ciò suggerisce che il produttore tedesco di macchine utensili da 3,5 miliardi di dollari si attiene alle applicazioni industriali, piuttosto che alle macchine entry-level che potrebbero essere più utili per scopi di ricerca. Nel frattempo, il produttore di macchine CNC INDEX Group ha acquisito One Click Metal. 

In effetti, sembra confuso che TRUMPF rinunci alla partecipazione in quello che potrebbe essere un segmento importante della stampa 3D in metallo solo per acquisire il progetto SISMA. L’editore esecutivo Joris Peels ha riflettuto sulla strategia più ampia dell’azienda a conduzione familiare in un post precedente :

Posso solo presumere che l’azienda creda ancora che la famiglia Langer alla fine gli venderà EOS. Questa è l’unica cosa che ha senso per me. Perché, da un lato, devono spendere un sacco di soldi per creare una formazione nei sistemi, ma, nel complesso, non mi sembra che stiano facendo progressi in termini di entusiasmo, vendite o capacità. Progettano oggetti e funzionalità utili, ma le cose che AddUp sta facendo per rendere le loro macchine  più pronte per la produzione sono più utili . Trumpf, inoltre, non sembra essere entrare in guerre laser con  otto laser di Farsoon ,  10-laser additivi Industries’  o SLM Solutions lancia 12-laser. E queste persone  fanno  i laser!

Quindi, Trumpf sta semplicemente usando il fatto che sono a conduzione familiare per darsi una prospettiva decennale e un solido piano a lungo termine? O l’azienda ha in mente qualcos’altro? Queste macchine sono semplicemente lavori di sviluppo? E l’azienda sta davvero lavorando su un  sistema laser a diodi ?  Secondo quanto riferito, le macchine laser Tru Diode di Trumpf  sono utilizzate nell’additivo e l’azienda le utilizza per i sistemi TruLaser DED. L’azienda produce anche  VCSEL.  La sua  potenza a infrarossi VCSEL le unità sono utilizzate anche nel riscaldamento parziale e nella saldatura. L’azienda sta solo ottenendo la lavorazione di base della polvere prima che salti in un sistema laser da due milioni di qualche tipo? Se potesse preriscaldare parti e aree specifiche e quindi stampare l’intero strato contemporaneamente con la propria tecnologia e conoscenza, potrebbe avere un inferno di ingresso nel mercato della stampa 3D in metallo. È questo che stanno facendo?

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi