TRUMPF ha annunciato che il suo fatturato per l’anno fiscale 2019/20 è diminuito dell’8%

I RICAVI DI TRUMPF DIMINUISCONO DELL’8% A SEGUITO DEL CALO DELLA DOMANDA DEI CLIENTI

Il produttore tedesco di macchine utensili TRUMPF ha annunciato che il suo fatturato per l’anno fiscale 2019/20 è diminuito dell’8% rispetto a quello dello stesso periodo nel 2018/19.

Per l’anno terminato il 30 giugno 2020, il Gruppo TRUMPF ha generato entrate per 3,5 miliardi di euro, 300 milioni di euro in meno rispetto ai 3,8 miliardi di euro dell’anno precedente. La diminuzione dei ricavi della società può essere in gran parte attribuita a una riduzione del suo volume di ordini, che è passato da 3,7 miliardi di euro nell’anno finanziario 2018/19 a 3,3 miliardi di euro per il 2019/20.

Nonostante le misure di efficienza e riduzione dei costi introdotte dall’azienda verso l’inizio del 2020, non è stata in grado di sfuggire al pieno impatto della pandemia COVID-19. Secondo Nicola Leibinger-Kammüller, presidente del Group Management Board di TRUMPF, i risultati economici dell’azienda avrebbero potuto essere molto peggiori se non avessero preso decisioni difficili.

“Stiamo assistendo a un rallentamento dell’economia globale dall’autunno 2018. Il coronavirus ha ulteriormente intensificato questo declino, come una crisi nella crisi”, ha commentato Leibinger-Kammüller.

“Tuttavia, i nostri ricavi di vendita sono diminuiti molto meno che nel settore dell’ingegneria meccanica nel suo complesso. Inoltre, una gestione coerente dei costi ci ha permesso di mantenere il rendimento quasi al livello dell’anno precedente “, ha aggiunto.


Risultati finanziari 2019/20 di TRUMPF

Sebbene TRUMPF non sia una società quotata in borsa e non abbia bisogno di pubblicare integralmente i propri dati finanziari, l’azienda ha scelto di pubblicare i suoi dati di punta per l’anno fiscale 2019/20. A seguito di un calo significativo dell’attività dei clienti durante il blocco indotto dalla pandemia all’inizio di quest’anno, l’utile ante imposte (EBIT) di TRUMPF è sceso da 349 milioni di euro nel 2018/19 a 309 milioni di euro nel 2019/20.

I quattro mercati più grandi dell’azienda durante l’esercizio finanziario 2019/20 sono stati Germania, Stati Uniti, Paesi Bassi e Cina. L’attività tedesca di TRUMPF ha generato la percentuale più alta dei suoi ricavi di vendita, guadagnando 610 milioni di euro per l’anno fino al 30 giugno, mentre gli Stati Uniti hanno registrato la seconda cifra con 410 milioni di euro.

In molti dei principali mercati europei del gruppo come l’Italia, la Spagna e l’Europa orientale, la chiusura economica ha provocato i danni maggiori, causando un calo delle entrate di “due cifre”. Sebbene l’azienda non abbia rivelato i dati esatti dei ricavi della stampa 3D per il 2019/20, ha rivelato che la sua attività di elettronica è cresciuta, aumentando le sue entrate del 15% nell’anno fiscale 2018/19.

Un aumento della domanda per la tecnologia solare di TRUMPF in Cina e i semiconduttori negli Stati Uniti e in Giappone sono stati responsabili dell’aumento dei ricavi, ma ciò non si è riflesso nella maggior parte dei segmenti di attività dell’azienda.

Risultato dei ricavi Anno fiscale 2018/19 Anno fiscale 2019/20 Modificare (%)
Entrate totali 3,8 miliardi di euro 3,5 miliardi di euro -8%
Ordinazione 3,7 miliardi di euro 3,3 miliardi di euro -11%
EBIT + € 349 milioni + € 309 milioni -11,5%

La risposta di TRUMPF al blocco del COVID-19

Nel corso del 2019/20, la società è rimasta in gran parte redditizia grazie al suo considerevole portafoglio ordini, che ha generato 210 milioni di euro di ricavi in ​​più rispetto agli ordini in arrivo. TRUMPF ha anche presentato Truprint 2000 a Formnext 2019 che ha generato ulteriori ordini di vendita per l’azienda e ha trovato nuove applicazioni anche per le sue tecnologie.

La società ha iniziato a lavorare con gli specialisti del metallo amorfo Heraeus AMLOY nell’aprile 2020, per far avanzare l’applicazione di leghe amorfe nella produzione di parti stampate in 3D per uso finale. Oltre a ottimizzare i flussi di entrate esistenti, TRUMPF ha anche intrapreso il suo programma di miglioramento degli utili “Koyer”, che ha visto ridimensionare le spese e i costi non del personale.

Ulteriori misure di efficienza includevano l’incoraggiamento del personale a prendere le ferie accumulate, così come l’introduzione di giorni lavorativi più brevi, nel tentativo di ridurre la necessità di eventuali licenziamenti di personale. L’azienda ha dichiarato che anche se il 27% della sua forza lavoro non lavora più a tempo pieno, il numero dei dipendenti rimane più o meno lo stesso dell’anno scorso.

Anche se TRUMPF è una multinazionale, che opera in molti mercati estranei alla stampa 3D, vale la pena sottolineare che altri produttori sono stati costretti a fare tagli che l’azienda tedesca non ha fatto. Stratasys, ad esempio, ha dovuto ridurre il proprio personale del dieci percento , mentre 3D Systems ha iniziato a ristrutturare la propria attività a causa di un calo dei ricavi del 28 percento.

“Non vogliamo cadere nell’attivismo cieco che vediamo in altre società”, ha detto Leibinger-Kammüller. “Vogliamo riflettere sui processi dall’alto verso il basso e, sulla base di studi comparativi, formarci innanzitutto un’opinione fondata su come l’home office abbia un effetto comprovato sulla produttività”.

L’esercizio finanziario 2020/2021 e oltre

Dopo l’introduzione del programma di risparmio “Koyer” di TRUMPF, i suoi investimenti sono stati ridotti del 33 percento a 194 milioni di euro, dai 288 milioni di euro spesi nell’anno finanziario 2018/19. Nonostante l’attuale contenimento della spesa, la società è riuscita a effettuare diverse acquisizioni prima di marzo 2020, il che potrebbe contribuire al suo ritorno alla crescita dei ricavi durante il 2021.

TRUMPF ha anche deciso di escludere la spesa in ricerca e sviluppo dai risparmi in termini di efficienza e ha investito 377 milioni di euro nell’anno fiscale 2019/20, che rappresenta solo una leggera riduzione rispetto ai 399 milioni di euro spesi nel 2018/19. Inoltre, all’inizio di questo mese l’azienda ha aperto una nuova fabbrica intelligente da 6 milioni di euro a Ditzingen, in Germania, che potrebbe contribuire ulteriormente alla ripresa economica.

Leibinger-Kammüller ha concluso che, sebbene la società avesse impedito il calo delle sue vendite dopo lo scoppio della pandemia di marzo, ci sarebbe voluto ancora del tempo per tornare ai livelli normali.

“Il calo dei ricavi delle vendite e dei nuovi ordini è stato interrotto nei primi tre mesi [del 2020]”, ha affermato Leibinger-Kammüller. “Vediamo segnali cauti che la recessione economica stia volgendo al termine, sebbene non vi sia ancora alcuna ripresa”.

Be the first to comment on "TRUMPF ha annunciato che il suo fatturato per l’anno fiscale 2019/20 è diminuito dell’8%"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi