Ologrammi stampati in 3D
Ritratto dell’inventore: Daniel Laumann, Istituto per le macchine da stampa ei processi di stampa

Le invenzioni degli studenti sono generalmente molto creative, a volte abbastanza bizzarre, ma sorprendentemente spesso semplicemente pratiche e adatte all’uso quotidiano. Questo è anche il caso dell’invenzione di Daniel Laumann, studente di dottorato presso l’Istituto per le macchine da stampa e i processi di stampa presso la TU Darmstadt: l’olografia nella stampa 3D è una sua idea.
 
Ha trovato la soluzione per le etichette di protezione del prodotto sui componenti in plastica più piccoli: Daniel Laumann, ingegnere meccanico e dottorando presso l’Istituto per le macchine da stampa e i processi di stampa.
Per gli spettatori e i profani scientifici, questo inizialmente sembra più irritante che tangibile: quando pensi a un ologramma 3D, pensi a proiezioni olografiche tridimensionali di oggetti che sembrano fluttuare completamente liberamente nello spazio. I film di fantascienza come “Matrix” salutano. In che modo una stampante 3D dovrebbe stampare una proiezione laser? L’invenzione di Daniel Laumann è molto meno pretenziosa perché è di natura fisicaL’ingegnere meccanico, insieme al suo collega di dottorato Heike Gute, ha scoperto come gli oggetti prodotti utilizzando la stampa 3D possono essere dotati di un ologramma.

Con una stampante 3D convenzionale – nel caso di Laumann, l’ha fatta da sé – “imprime” ologrammi nei più piccoli componenti in plastica leggera, sui quali di solito non c’è spazio per un codice etichetta o un adesivo: “Gli ologrammi servono come protezione del prodotto, per rendere tracciabile il produttore dei componenti per poterlo fare”, spiega il 27enne. Nella costruzione di aeromobili, ad esempio, ciò è richiesto dalla legge. “Il principio è lo stesso delle nostre carte d’identità o banconote. Sono inoltre dotati dei cosiddetti ologrammi in rilievo. Questo li rende a prova di contraffazione. È una caratteristica di sicurezza.

Questi ologrammi sono responsabili della più alta quota di mercato dei prodotti olografici in tutto il mondo, poiché non vengono utilizzati solo su banconote e carte d’identità, ma anche come adesivi, etichette o etichette su molti prodotti. La differenza rispetto all’invenzione di Laumann: non sono realizzati con una stampante 3D. Gli ologrammi stampati in 3D di Laumann sui componenti sono un’innovazione in questo grande mercato.
Potenziale di sfruttamento economico
Immagine: Heike Jungst
 
Daniel Laumann stampa ologrammi, qui sulla sua stampante 3D fatta da sé in laboratorio.
Aggiungere un ologramma a componenti plastici tridimensionali utilizzando il processo di stampa additiva è semplice, economico e non molto complesso. Ciò rende l’invenzione attraente per lo sfruttamento commerciale. “Mentre ci sono molti rifiuti rimasti dalla fresatura, punzonatura o fusione di componenti, la stampa 3D utilizza il materiale da costruzione quasi esattamente così com’è.”

Daniel Laumann e il suo collega Heike Gute stanno attualmente abbandonando il loro processo tecnologicoHIGHEST, il centro di innovazione e start-up dell’Università Tecnica di Darmstadt, per un brevetto. “È una bella sensazione aver inventato qualcosa.” Daniel Laumann sorride cautamente quando parla del suo “momento inventivo”. È orgoglioso, sì. Ma Laumann è lontanissimo dal tipo temerario. È troppo amichevole per quello. Un giovane affabile e riflessivo.

“Abbiamo valutato se pubblicare la nostra scoperta su una rivista scientifica”, afferma Daniel Laumann. “Ma allora non potremmo richiedere un brevetto per l’invenzione e nessuno ne trarrebbe alcun uso pratico.” Tuttavia, puoi avere una tecnologia brevettata concessa in licenza o vendere la tua invenzione a un’azienda affermata: una situazione vantaggiosa per tutti tutti i soggetti coinvolti: sia per entrambi gli inventori che per la TU Darmstadt e l’imprenditore manifatturiero.
Futuro professionale in un’azienda di medie dimensioni
Daniel Laumann non vuole fondare una propria startup con la sua invenzione. Lo vede realisticamente: “Mi manca il gene imprenditoriale.” Si vede più come un pragmatico “solutore di problemi”, come un armeggiatore, gli piace lavorare in un team piccolo e gestibile. “Una volta ho lavorato durante uno stage di studio in una grande azienda farmaceutica internazionale qui a Darmstadt. Non fa per me. Sono un ingranaggio insignificante che deve solo funzionare. C’è poco spazio per la tua creatività.

Un’azienda più piccola che lavora insieme a un’azienda di medie dimensioni, Daniel Laumann vorrebbe questa prospettiva. Lo sta già facendo adesso, come studente di dottorato. Oltre al lavoro di ricerca per il suo dottorato, Laumann sviluppa componenti innovativi per un fornitore di componenti per auto di medie dimensioni. Puoi dire a Daniel Laumann che gli piace davvero. Puoi anche avere una carriera concreta come accademico.

Daniel Laumann Crediti Immagine Heike Juengst TU Darmstadt

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi