L’ultimo aggiornamento di Cura di Ultimaker è un enorme passo avanti per il controllo dell’utente
 
Ultimaker ha appena annunciato il rilascio della versione beta di Cura 5.0, l’ultima edizione del suo software di  slicing open source ampiamente utilizzato . La società ha rivelato il nuovo aggiornamento all’Ultimaker Showcase di quest’anno e sta pubblicizzando Cura 5.0 come “il più grande balzo in avanti nella qualità di stampa che il software abbia mai visto”.

Ultimaker è specializzata nella tecnologia di fabbricazione di filamenti fusi (FFF) e produce alcune delle stampanti 3D desktop più famose al mondo, inclusa Ultimaker 2+ . La prevalenza dei suoi prodotti, combinata con un sistema operativo open source e gratuito, attribuisce un significato alle azioni di Ultimaker che va ben oltre l’ambito di una sola azienda. In altre parole, ci si può sicuramente aspettare che i cambiamenti che gli effetti di Ultimaker cambieranno il settore nel suo insieme.

In questo senso, il più grande aggiornamento introdotto da Cura 5.0 riguarda la capacità dell’utente di controllare lo spessore della linea dei modelli 3D. A prima vista questo può sembrare un piccolo ritocco, ma in pratica affronta un limite molto significativoalle stampanti 3D FFF. Senza questa funzionalità, gli utenti possono modificare la larghezza della linea delle stampe FFF solo cambiando l’ugello della testina di stampa, ottenendo una stampa con larghezze di linea identiche su tutto l’oggetto. L’ostacolo principale che ciò presenta all’utente è che, se una parte della stampa è progettata per avere uno spessore di due righe e mezzo, vengono stampate solo due righe. Al centro delle due linee viene lasciato un piccolo spazio vuoto, che rappresenta la restante semiretta. Pertanto, qualsiasi tentativo di creare dettagli tra le soglie di una riga può essere ottenuto solo lasciando degli spazi vuoti nel prodotto finale.


Di conseguenza, uno dei maggiori vantaggi dell’aumento del controllo degli utenti – e della diminuzione delle lacune – che Cura 5.0 facilita è un prodotto finale più forte. Come afferma Steve Cox , un ingegnere e consulente di stampa 3D che ha già utilizzato questo ultimo aggiornamento di Cura, “… è necessario considerare meno limitazioni nel CAD, quindi il software è meno un fattore limitante verso il risultato finale. Le pareti sottili e il tipo di piccole caratteristiche di design che sono spesso presenti nelle parti stampate a iniezione, vengono create in modo molto più efficiente…”


Altre caratteristiche dell’ultimo aggiornamento comportano per lo più miglioramenti simili e graduali che hanno fatto parte degli aggiornamenti precedenti. Questi includono un’interfaccia utente migliorata, profili di stampa più veloci per gli utenti delle stampanti Ultimaker (con una riduzione dei tempi di stampa fino al 20%) e una migliore integrazione tra Cura e Ultimaker Marketplace, una sorta di app store in cui gli utenti possono ottenere plug-in continuamente aggiornati per il software Cura. Infine, una nuova caratteristica aggiuntiva di Cura 5.0 è che è stato progettato specificamente pensando ai prodotti che utilizzano i chip Apple M1 .

Tuttavia, il più grande miglioramento è la larghezza della linea variabile. L’influenza speciale di cui sopra che Ultimaker ha nel settore, se non altro per il suo essere così pervasivo, sarà dimostrata dalla velocità con cui questa funzionalità si diffonde ad altri sistemi operativi e macchine FFF. Inoltre, è probabile che questo primo passo avrà un effetto a catena sull’evoluzione del controllo delle testine di stampa nel settore.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi