Lo spazio di stampa 3D desktop è stato scosso dall’annuncio del maggio 2022 che Stratasys stava fondendo la sua divisione MakerBot con il produttore olandese Ultimaker. Ora, l’accordo è completo, con alcuni dettagli preliminari che molti si chiedevano al momento del rilascio. La prima informazione di questo tipo è il nome del nuovo marchio: UltiMaker .

Solo una sorpresa in termini di stilizzazione, UltiMaker continuerà a fare ciò che faceva separatamente con MakerBot e Ultimaker prima di esso. Cioè, fornirà software, hardware e materiali di stampa 3D accessibili. Finora, ciò significherà offrire praticamente gli stessi prodotti di prima, comprese le stampanti 3D MakerBot METHOD, SKETCH e Replicator e MakerBot CloudPrint, Ultimaker 2+ Connect, S3, S5 e S5 Pro Bundle. UltiMaker osserva inoltre che “le comunità aperte, Ultimaker Cura e MakerBot Thingiverse continueranno a essere gestite dalla nuova società”.

Sebbene minori, ci sono nuovi sviluppi da notare da questi dettagli. In particolare, possiamo vedere che solo Cura e Thingiverse sono considerati “aperti”, mettendo l’ultima posta nella bara per la filosofia della stampante 3D open source di Ultimaker. Mentre MakerBot ha rinunciato alle sue radici RepRap con l’acquisizione di Stratasys, il suo concorrente olandese si è aggrappato a loro per qualche tempo dopo. Finora, tutti i prodotti continueranno a essere offerti, il che suggerisce una ridondanza non dissimile dalla ridondanza creata da Desktop Metal quando ha acquistato ExOne. Sicuramente, vedremo alcuni prodotti sminuiti e altri cresciuti, man mano che l’azienda si evolve. Possiamo anche notare che il nuovo marchio è essenzialmente “Ultimaker” con una “m” maiuscola al centro, suggerendo che potrebbe allontanarsi dal marchio MakerBot, più grande è offuscatodalla sua stagnazione sotto Stratasys.

Tuttavia, Stratasys, insieme a NPM Capital e ai precedenti investitori di Ultimaker, continuano a possedere la nuova entità, con Stratasys e NPM che mettono a disposizione nuovi finanziamenti. Nel frattempo, il CEO di Ultimaker Jürgen von Hollen se ne andrà una volta completata l’integrazione, consentendo al CEO di MakerBot Nadav Goshen di gestirlo come amministratore delegato.

 

Nadav Goshen e Juergen von Hollen si stringono la mano sulla chiusura della fusione. Immagine per gentile concessione di UltiMaker.
“Mentre iniziamo il prossimo capitolo insieme come UltiMaker, continueremo a concentrarci sullo sviluppo di innovazioni di stampa 3D per far avanzare la disponibilità di soluzioni di stampa 3D accessibili e facili da usare”, ha affermato Nadav Goshen, CEO di UltiMaker. “Combinando i nostri team e le nostre competenze tecniche, possiamo lavorare per sviluppare e fornire un portafoglio completo di prodotti per supportare applicazioni professionali, educative e dell’industria leggera”.
“Con il completamento della fusione alle nostre spalle, ora possiamo concentrarci sull’ulteriore integrazione delle due attività e iniziare a creare un valore significativo per i clienti con soluzioni di stampa 3D all’avanguardia”, ha affermato Jürgen von Hollen. “Durante i prossimi mesi, non vedo l’ora di aiutare i team a iniziare e sfruttare al massimo le nuove opportunità offerte”.
È davvero un re-branding di Stratasys che amplia rapidamente la sua base di clienti per includere clienti come Volkswagen. L’azienda olandese sembra aver conquistato la quota di mercato di MakerBot per lo spazio desktop, che ora ha riguadagnato. Ora che non devono competere tra loro, possono capire come affrontare al meglio gli incoraggiati e open source Prusa Labs, BCN3D e i numerosi produttori cinesi a basso costo. In questo modo, UltiMaker prevede di sviluppare nuovi prodotti, espandere la ricerca e sviluppo e avere una presenza più forte nelle Americhe, nell’EMEA e nell’Asia-Pacifico attraverso l’espansione del mercato.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi