Un materiale che può essere stampato in 3D e uccide il Covid -19 è stato sviluppato dagli scienziati di Wolverhampton

Materiale stampato in 3D che “uccide il Covid-19” creato dagli scienziati di Wolverhampton

Un materiale che può essere stampato in 3D e uccide il Covid -19 è stato sviluppato dagli scienziati di Wolverhampton, che sperano che aiuti a ridurre la diffusione della malattia.
Il materiale antivirale, composto da rame, argento e tungsteno, è stato creato con l’obiettivo di utilizzarlo in maschere facciali e sistemi di filtrazione per ridurre il rischio di infezione.

Scienziati specializzati nella produzione dell’Università di Wolverhampton hanno guidato lo sviluppo del materiale in collaborazione con bioingegneri di Valencia in Spagna.

Il ricercatore PhD John Robinson ha dichiarato: “Il nostro materiale antivirale ha mostrato un’inattivazione virale del 100% entro cinque ore contro un campione biologicamente sicuro di Covid-19.

“Si tratta di un miglioramento significativo rispetto ai precedenti risultati del rivestimento in rame, poiché tutto il virus Covid-19 viene eliminato.

“In quanto tale, il materiale rame-tungsteno-argento sviluppato in questo studio potrebbe essere utilizzato per ridurre sia la contaminazione superficiale che la diffusione per via aerea del virus Covid-19.

“Ci auguriamo che questo materiale possa avere una serie di usi, inclusi sistemi di filtrazione per l’edilizia e filtri per maschere facciali; ad esempio in questo progetto abbiamo utilizzato il materiale antivirale e la tecnologia di stampa 3D per creare filtri per maschere di prova per una maschera facciale stampata in 3D open source “.

L’argento è noto per avere proprietà antimicrobiche, ma è estremamente costoso, mentre il rame ha dimostrato di avere proprietà anti-Covid-19 ed è molto più economico.

Nel frattempo sta anche emergendo una ricerca che il tungsteno può anche aiutare a uccidere i virus, portando i ricercatori a indagare sulla combinazione dei tre elementi.

Il team del progetto ha utilizzato una forma di stampa 3D chiamata fusione laser selettiva per realizzare il materiale, il vantaggio è che può essere rapidamente adattato per diversi usi, ha aggiunto Robinson.

“La trasmissione del virus Covid-19 può essere indiretta attraverso goccioline trasportate dall’aria o diretta attraverso superfici contaminate”, ha detto.

“Pertanto, la capacità di controllare la trasmissione del virus è fondamentale per ridurre la diffusione e limitare gli effetti sconosciuti a lungo termine.


“Inoltre, con l’emergere di nuove varianti e la preoccupazione che un ceppo evasivo del vaccino possa evolversi, c’è un’ulteriore enfasi sulla necessità di un maggiore controllo e prevenzione della trasmissione. Il requisito per maschere di lunga durata e filtri per maschere disinfettabili è essenziale.

“Poiché la pandemia continua a evolversi, è probabile che varie situazioni appaiano in modo imprevedibile. Per consentire una risposta immediata e una soluzione rapida, abbiamo creato un materiale antivirale che potrebbe essere stampato in 3D e quindi in grado di creare superfici antivirali quando e dove sono necessarie “.

Il progetto interdisciplinare è stato guidato dal signor Robinson, dal dottor Arun Arjunan e dal dottor Ahmad Baroutaji del gruppo di ricerca sui materiali funzionali per la produzione additiva dell’università.

Hanno collaborato con il gruppo di Ángel Serrano-Aroca del laboratorio di biomateriali e bioingegneria dell’Università Cattolica di Valencia per lo sviluppo rapido dei materiali e l’analisi virale anti-Covid-19.

Be the first to comment on "Un materiale che può essere stampato in 3D e uccide il Covid -19 è stato sviluppato dagli scienziati di Wolverhampton"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi