Il nuovo sensore stampato in 3D può rilevare il glifosato nelle bevande

Gli ingegneri hanno testato il dispositivo sensore su campioni di succo d’arancia a cui hanno aggiunto glifosato per lo studio. Credito: Bob Hubner, Washington State University
Un sensore a basso costo di nuova concezione è in grado di rilevare e misurare con precisione la quantità dell’erbicida ampiamente utilizzato e controverso, il glifosato, in goccioline di liquido in un test di laboratorio.

Gli ingegneri della Washington State University e della DL ADV-Tech hanno sviluppato il dispositivo sensore, che utilizza tubi di dimensioni nanometriche, e lo hanno testato su campioni di succo d’arancia e bevande a base di riso a cui hanno aggiunto l’erbicida per lo studio. Il sensore del glifosato utilizza una tecnologia simile a quella utilizzata nei test del glucosio in grado di misurare rapidamente i livelli di zucchero nel sangue da una puntura di sangue.

In definitiva, questo è l’obiettivo di questo sensore: testare campioni umani per monitorare l’esposizione al glifosato, ma nello studio pubblicato su Biosensors and Bioelectronics , i ricercatori hanno prima mostrato il potenziale del sensore per testare le bevande.

“Abbiamo iniziato a sviluppare questo sensore per il monitoraggio della salute, ma può anche essere utilizzato per la sicurezza alimentare e il monitoraggio ambientale “, ha affermato Yuehe Lin, professore presso la Scuola di ingegneria meccanica e dei materiali della WSU e autore corrispondente dello studio. “L’abbiamo progettato per essere portatile e abbiamo utilizzato la stampa 3D per renderlo piccolo e compatto, in modo che possa essere utilizzato ovunque, in laboratorio o sul campo”.

Prima di questo nuovo sviluppo , i metodi per rilevare e misurare gli erbicidi come il glifosato si basavano spesso su una meticolosa preparazione dei campioni e su costose apparecchiature scientifiche come gli spettrometri di massa. Altri metodi prevedono l’uso di anticorpi biologici per attirare e legare le molecole di erbicida, che è anche costoso con materiali che devono essere conservati con cura per prevenire la degradazione dei componenti naturali.

 
Il sensore sviluppato dal team di ricerca utilizza nanotubi polimerici elettricamente conduttivi a cui sono impresse cavità delle dimensioni di una molecola che possono legare molecole di glifosato, imitando essenzialmente gli anticorpi biologici. Questi nanotubi vengono quindi rivestiti su un dispositivo sensore stampato in 3D che utilizza una corrente elettrica per quantificare la concentrazione di glifosato. Poiché utilizza un anticorpo artificiale invece di uno biologico, il sensore non necessita di una conservazione speciale e i materiali di rilevamento sono relativamente economici.

I ricercatori hanno testato il sensore su campioni di succo d’arancia e bevande a base di riso a cui hanno aggiunto livelli noti di glifosato. Hanno scoperto che il sensore aveva la capacità di rilevare l’ erbicida con elevata sensibilità e specificità.

“Per il prossimo passo, vogliamo utilizzare il sensore per rilevare il glifosato in alcuni campioni umani come sangue, saliva o urina”, ha affermato Shichao Ding, un dottorando della WSU nel laboratorio di Lin e primo autore dell’articolo. “Continueremo anche a sviluppare alcuni nuovi nanomateriali per migliorare le sue prestazioni di rilevamento”.

Il glifosato è stato approvato per l’uso da molte agenzie di regolamentazione, tra cui l’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti, che ha rilasciato una dichiarazione nel 2020 secondo cui è sicuro per l’uso ai livelli raccomandati. Tuttavia, alcuni gruppi e studi hanno sollevato preoccupazioni sui rischi per la salute e per l’ ambiente del glifosato e l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità lo ha classificato come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

di Sara Zaske, Washington State University

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi