QUESTA BARRIERA CORALLINA URBANA STAMPATA IN 3D È COSTRUITA CON IL MICELIO PER AUMENTARE LA BIODIVERSITÀ NELLE CITTÀ!

Il micelio è un materiale naturale che sta conquistando il mondo del design sostenibile un settore alla volta! Una società con sede nei Paesi Bassi sta salendo su quel treno: stanno sperimentando il micelio e il design computazionale per creare una serie di barriere coralline urbane stampate in 3D che stimoleranno la circolarità dell’acqua e la biodiversità. In termini più semplici, la tua giungla di cemento in cui sono fatti i sogni sarà più giungla e meno concreta, quindi più organismi viventi possono prosperare!

Il duo di designer olandesi Pierre Oskam e Max Latour ha ideato questa soluzione innovativa per rendere le città più ricche di biodiversità. Si tratta di utilizzare materiali naturali per creare ecosistemi strutturali che possono essere integrati all’interno di elementi ambientali esistenti (es. fontane). Una stampante 3D viene utilizzata per creare disegni geometrici complessi con materiali porosi come ceramiche e compositi (realizzati con fondi di caffè e micelio). L’umidità dell’aria è in grado di passare attraverso e creare l’ambiente perfetto per la crescita di vari funghi, dando vita alle strutture!

“L’opzione più fattibile con cui stiamo lavorando è la ceramica, ma poiché la cottura richiede molta energia, stiamo studiando alternative più sostenibili”, afferma Latour ed è per questo che stanno sperimentando materiali a base di caffè e alghe. Il team ha sviluppato due prodotti concept come risultato della loro ricerca: il primo si chiama collettore di pioggia “Rain Reef” con una forma ondulata che aumenta l’area di contatto dell’acqua e la potenziale superficie di schiusa per la vegetazione e il secondo si chiama ” Zoo Reef” che è un’alternativa alle fontane nelle città.

Rain Reef è stampato in 3D con un materiale poroso (costituito da una miscela di semi, fondi di caffè e micelio), che si satura dell’acqua piovana raccolta, rendendola accessibile alla vegetazione che cresce all’esterno. L’intenzione è quella di sviluppare un materiale stampabile che sia poroso, durevole, sostenibile e bio-ricettivo. Rain Reef può aiutare a raccogliere l’acqua nelle città dove il cemento è predominante e le precipitazioni finiscono nello scarico.

Nel frattempo, Zoo Reef è destinato a sostituire le fontane nelle città. “C’è un grande potenziale per la stimolazione della biodiversità intorno alle fontane urbane. Proponiamo un complesso labirinto di spazi tutti interconnessi. Attraverso la differenziazione delle dimensioni, l’orientamento rispetto al sole, al vento e alla pioggia, si svilupperebbero varietà di microclimi”, afferma Oskam.

“In Urban Reef consideriamo la città come un potenziale habitat per gli organismi, non esclusivamente per gli esseri umani”, spiega il duo. “Ci posizioniamo come umani all’interno dell’ambiente naturale deviando dalla visione modernista della natura umana che trascende. Da questo punto di vista, miriamo ad acquisire una profonda conoscenza dei processi naturali sia per integrarli nei nostri metodi di progettazione, sia per progettare con l’ecologia in mente”.

Piuttosto che determinare dall’alto verso il basso dove dovrebbero vivere gli organismi, questi Urban Reef creano una nuova gamma di potenziali habitat. Anche se sono ancora nelle prime fasi di ricerca e sviluppo, il progetto di Latour e Oskam ha il potenziale per essere ridimensionato e avere un impatto attraverso applicazioni del mondo reale nel prossimo futuro perché la tecnologia e i materiali esistono. È simile a un muro vivente, tranne che in questo caso la scelta dei materiali e il design strutturale ne favoriscono l’integrazione all’interno delle città senza l’intervento umano.

Designer: Pierre Oskam e Max Latour

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi