Tre veicoli spaziali Rocket Lab con motori stampati in 3D ordinati da Varda Space

La società di stampa 3D di motori a razzo Rocket Lab ha firmato un accordo significativo con Varda Space Industries , accettando di fornire alla nuova startup spaziale tre dei suoi veicoli spaziali Photon per le sue prime missioni di produzione nello spazio che si svolgeranno tra 18 mesi.

Rocket Lab è noto per il suo  motore a razzo quasi interamente stampato in 3D , Rutherford, il primo motore a razzo alimentato a batteria al mondo. Basandosi su un motore elettrico anziché a gas, il Rutherford presenta valvole dell’elica, iniettori, pompe e camere del motore che sono tutte stampate in 3D con tecnologia di fusione a fascio di elettroni. Finora, il Rutherford ha alimentato il piccolo veicolo di lancio satellitare dell’azienda, il razzo Electron, ma, con il finanziamento di una fusione SPAC che dovrebbe essere completata da un giorno all’altro, Rocket Lab mira a sviluppare il suo razzo Neutron di media portata.

Un veicolo spaziale Photon sviluppato per il progetto CAPSTONE della NASA. La navicella spaziale Photon può presentare un motore Curie stampato in 3D. Immagine per gentile concessione di Rocket Lab.
Photon è una famiglia di veicoli spaziali satellitari offerti dall’azienda, compresi i singoli componenti fino ai veicoli spaziali interplanetari. Il motore Curie stampato in 3D di Rocket Lab, alimentato a pompa, viene utilizzato sia per il terzo stadio dell’Electron che per il bus satellitare Photon.

Come parte del progetto Cislunar Autonomous Positioning System Technology Operations and Navigation Experiment (CAPSTONE) della NASA , un veicolo spaziale Photon che lancerà un satellite della NASA in un’orbita lunare unica non ancora esplorata da nessun altro veicolo spaziale. Il lancio dovrebbe avvenire nel quarto trimestre del 2021, dopo che Rocket Lab ha dovuto spostare il lancio dalla Virginia alla Nuova Zelanda. Altri due veicoli spaziali Photon sono in costruzione per una missione scientifica su Marte .

Sebbene i termini finanziari esatti dell’accordo non siano stati resi pubblici, il co-fondatore di Varda, Delian Asparouhov, ha dichiarato alla CNBC: “Photon ci consente di avere il programma più aggressivo e il budget più ristretto”. Ha aggiunto: “Siamo entusiasti di acquistare una piattaforma che ha già una certa eredità di volo e ne avremo ancora di più al momento del lancio”.

Varda è una giovane startup, fondata appena un anno fa dai veterani di SpaceX e del Founders Fund di Peter Thiel. Finora, la società ha raccolto oltre $ 50 milioni, tra cui Khosla Ventures come investitore, che ha anche finanziato Rocket Lab. L’azienda sta seguendo le orme della società Redwire Made In Space con l’intenzione di produrre oggetti nello spazio.

Non diversamente dal concetto di Made In Space di produrre fibre ottiche nello spazio e riportarle sulla Terra, Varda mira a produrre materiali a gravità zero, come cavi in ​​fibra ottica, prodotti farmaceutici e semiconduttori, e rispedirli a casa. L’idea qui è che questi materiali possono essere realizzati più rapidamente ed economicamente nello spazio.

La navicella Photon alimenterà la missione di Varda. Integrando il proprio modulo di produzione e una capsula protetta dal calore per evitare che si bruci al rientro, Varda è determinata a produrre 220 libbre (100 kg) di materiale nelle sue prime missioni. Ogni missione di produzione dovrebbe durare tre mesi, incluso il lancio, la produzione e il ritorno della navicella spaziale sulla Terra con i materiali speciali.

“In parole povere, siamo gli immobili e le utenze per la fabbrica spaziale”, ha dichiarato Peter Beck, CEO di Rocket Lab, alla CNBC. “Forniamo davvero tutte le utenze, l’alimentazione, il puntamento e le comunicazioni e tutto ciò che consente alla piccola fabbrica di lavorare e fare le sue cose”.
Il primo veicolo spaziale Photon sarà fornito a Varda nel primo trimestre del 2023, con altri due in programma per il 2024 e un’opzione per Varda per l’acquisto di un ulteriore Photon. Tutti questi veicoli spaziali includeranno componenti realizzati da Rocket Lab, come radio, ruote di reazione e inseguitori stellari. La navicella eseguirà più ustioni utilizzando il motore Cure stampato in 3D per inviare la capsula di rientro di Varda su una traiettoria di ritorno verso la Terra. In questo caso, Varda non utilizzerà né elettroni né neutroni per il lancio, ma riporrà la sua navicella spaziale a bordo di un altro razzo come carico utile secondario o terziario.

Nel frattempo, Rocket Lab sta completando la sua fusione SPAC, secondo Beck, che ha detto alla CNBC che l’assemblea degli azionisti per votare l’accordo è fissata per il 20 agosto.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi