Vector Photonics e BLOODLINE per lo sviluppo di chip PCSEL

VECTOR PHOTONICS GUIDERÀ IL PROGETTO BLOODLINE DA 1,5 MILIONI DI STERLINE PER PROMUOVERE LA STAMPA 3D IN METALLO

Il produttore di ottiche Vector Photonics ha annunciato che guiderà BLOODLINE, un progetto consortile internazionale da 1,5 milioni di sterline finalizzato allo sviluppo di chip PCSEL (laser a semiconduttore a emissione di superficie a cristalli fotonici) proprietari per la stampa 3D in metallo.

Lo spin-out dell’Università di Glasgow sarà affiancato da un produttore giapponese di semiconduttori senza nome e dalla Catapult per applicazioni semiconduttori (CSA) del Regno Unito , che sarà responsabile dei test di affidabilità dei chip. Il progetto Innovate finanziato dal Regno Unito coinvolgerà anche un importante produttore giapponese di stampanti 3D, che fornirà la valutazione del prodotto e un eventuale percorso verso il mercato tramite l’integrazione del sistema.

Il Dr. Richard Taylor, CTO di Vector Photonics, afferma: “Le stampanti laser 3D in metallo trattengono la polvere di metallo in un ‘letto di polvere’ appena al di sotto del punto di fusione. Attualmente, i laser a CO2 oa fibra, diretti da specchi, scansionano la superficie della polvere, fondendo la polvere metallica nello strato sottostante, in quello che viene chiamato Selective Laser Melting (SLM). La tecnologia PCSEL di Vector Photonics rivoluzionerà il processo SLM “.

Soprannominato il “futuro della produzione laser”, i PCSEL sono una classe completamente nuova di laser a semiconduttore. Sono caratterizzati dalla loro struttura a reticolo 2D, che consente loro di diffondere la luce sia in modo lineare che ortogonale. Secondo Vector, questo rende i PCSEL l’unico tipo di laser a presentare un feedback nel piano e un’emissione di luce fuori dal piano.

Questa emissione di superficie ortogonale fuori dal piano ha i suoi vantaggi in termini di costi di assemblaggio, poiché rende i laser facili da confezionare per l’integrazione in elettronica e PCB – applicazioni storiche della tecnologia. La struttura a reticolo 2D fornisce anche una velocità di trasmissione dati più elevata, una gamma di lunghezze d’onda più ampia e prestazioni di potenza migliorate rispetto a EEL (laser a emissione di bordi) e VCSEL (laser a emissione di superficie a cavità verticale) simili.

Neil Martin, CEO di Vector Photonics, aggiunge: “I nostri PCSEL producono le prestazioni di velocità di EEL e VCSEL, mentre il loro costo testato e confezionato è del 50% quello di EEL e forniscono oltre 10 volte la potenza dei VCSEL”.

Mentre i PCSEL sono stati ampiamente utilizzati in ambienti di ricerca e sviluppo e di laboratorio sin dalla loro invenzione, Vector sta ora trasferendo il design nello spazio industriale, nella stampa 3D in metallo ad alto volume.

La combinazione unica di maggiore potenza e maggiore affidabilità rende i laser ottimi per la fusione a letto di polvere. BLOODLINE comporterà il ridimensionamento degli array PCSEL e la rimozione del tutto degli specchi nei gruppi di scansione delle stampanti, il che significa che verrà offerto un sistema laser interamente a stato solido. L’azienda ritiene che ciò si tradurrà in una maggiore efficienza di produzione e parti a risoluzione più elevata, oltre a costi generali di finitura ridotti e velocità di stampa più elevate.

Taylor conclude: “Riteniamo che i PCSEL consentiranno una classe completamente nuova di stampanti per metalli di nuova generazione e contribuiranno a una crescita ancora maggiore del mercato”.

Be the first to comment on "Vector Photonics e BLOODLINE per lo sviluppo di chip PCSEL"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi